Please download to get full document.

View again

of 9
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

COMUNICAZIONE AI SOCI

Category:

Philosophy

Publish on:

Views: 9 | Pages: 9

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
COMUNICAZIONE AI SOCI Con deliberazione n. 345 in data 24 aprile 2013 il Consiglio di Amministrazione, in applicazione delle vigenti Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario
Transcript
COMUNICAZIONE AI SOCI Con deliberazione n. 345 in data 24 aprile 2013 il Consiglio di Amministrazione, in applicazione delle vigenti Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle Banche, ha provveduto ad effettuare la periodica autovalutazione sulla governance al fine di assicurare che la propria funzionalità sia garantita nel continuo. L esito dell autovalutazione condotta con la deliberazione citata viene di seguito riportato. Autovalutazione 1. Riferimenti nell autovalutazione La Banca, nel condurre il processo di autovalutazione quali quantitativo richiesto, ha scelto una metodologia operativa che si basa sull analisi delle vigenti Disposizioni primarie e secondarie in materia di requisiti di onorabilità e professionalità per le Banche di Credito Cooperativo, nonché dei riferimenti statutari e regolamentari adottati. In particolare: l'articolo 2 6 del Testo Unico Bancario Requisiti di onorabilità, professionalità, indipendenza degli esponenti aziendali; gli articoli 2 e 5 del Regolamento del Ministro del Tesoro del 18 marzo 1998 n. 161 (DM 161/98); recanti le norme per l'individuazione dei requisiti di onorabilità e professionalità degli esponenti aziendali delle banche e delle cause di sospensione; le Disposizioni in materia di governo societario del 4 marzo 2008; le Disposizioni di Vigilanza, Titolo 11, Capitolo 2 della Circolare Banca d'italia 229/99; Requisiti di onorabilità e professionalità degli esponenti delle banche e delle società finanziarie capogruppo; lo Statuto della BCC CR. In tale ambito, in particolare: o si suggerisce di spiegare eventualmente le ragioni per le quali, con riguardo a contenuti inerenti alla governance, si è ritenuto di introdurre delle modifiche e/o delle deroghe rispetto allo statuto tipo 2011; o l'articolo 32 relativo alla composizione del Consiglio di amministrazione che al secondo comma stabilisce i requisiti per la nomina dei consiglieri; o laddove applicabile, l'articolo 35 relativo all'istituzione di speciali comitati con funzioni consultive, istruttorie e propositive; o l'articolo 2, che rappresenta il compendio dei principi ispiratori delle banche della Categoria, e richiama gli amministratori ad agire in coerenza con la Carta dei Valori del Credito Cooperativo; o l'articolo 33, dove vengono fissati limiti al numero degli amministratori; il punto 10 della Carta dei Valori del Credito Cooperativo, che stabilisce che gli amministratori del Credito Cooperativo si impegnano sul proprio onore a partecipare alle decisioni in coscienza ed autonomia, a creare valore economico e sociale per i soci e la comunità, a dedicare il tempo necessario a tale incarico, a curare personalmente la propria qualificazione professionale e formazione permanente ; il punto 8 della Carta dei Valori del Credito Cooperativo, che stabilisce che Il Credito Cooperativo si impegna a favorire la crescita delle competenze e della professionalità degli amministratori, dirigenti, collaboratori e la crescita e la diffusione della cultura economica, sociale, civile nei soci e nelle comunità locali ; i Regolamenti adottati e segnatamente: il Regolamento assembleare ed elettorale (e il sistema dei Crediti formativi per gli amministratori delle BCC, adottabile con l'art. l8 comma 2), la Regolamentazione sui limiti al cumulo degli incarichi e sui flussi informativi . 2. Professionalità e composizione degli Organi Con riferimento all identificazione della composizione quali quantitativa considerata ottimale in relazione agli obiettivi richiesti si osserva quanto segue. 2.1 Profili quantitativi Con riferimento alla composizione quantitativa, il numero degli amministratori è definito dal primo comma dell'articolo 32 dello Statuto, in un numero massimo di tredici. L'attuale numero di 13 risponde all'esigenza: di non avere un Organo pletorico; di garantire comunque un articolata composizione del Consiglio in relazione alla base sociale; di assicurare una adeguata rappresentatività territoriale dell Organo amministrativo correlata alla sensibile espansione dell area di competenza conseguita negli ultimi anni, che vede la Banca presente in due province (Ascoli Piceno e Teramo) e su due regioni (Marche ed Abruzzo), anche in seguito ad operazioni di fusione e di acquisizione di una consorella in liquidazione; di assicurare un adeguata dialettica interna, necessaria ad una consapevole assunzione della decisioni del Consiglio di Amministrazione. Si reputa, pertanto, la composizione quantitativa dell Organo adeguata e coerente con le disposizioni richiamate. Così come si reputa adeguato nel numero di 5 quello dei componenti del Comitato Esecutivo in ragione delle competenze assegnate dal Consiglio di Amministrazione. 2.2 Profili qualitativi In relazione ai profili qualitativi della composizione degli Organi, la Banca, innanzitutto, ritiene indispensabile richiamarsi alle Disposizioni di natura primaria e secondaria soprammenzionate che impongono anche, in ragione del ruolo ricoperto, di possedere requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza. La Banca segue una specifica procedura attuativa delle Istruzioni di Vigilanza in materia, posta in essere all atto della nomina o dell eventuale cooptazione di esponenti aziendali. Per tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione si è proceduto alla verifica dei requisiti di onorabilità ed indipendenza. Sempre con riguardo all esigenza che i componenti gli organi siano dotati di professionalità adeguate al ruolo da ricoprire, anche in eventuali comitati interni al Consiglio di Amministrazione e calibrate in relazione alle caratteristiche operative e dimensionali della Banca, il Regolamento assembleare, adottato dalla Banca nell Assemblea del 27 maggio 2012, stabilisce quale criterio per la candidabilità ad amministratore da parte del Consiglio e dei Soci, liste di soggetti che per almeno la metà del loro numero, siano muniti dei requisiti di professionalità di cui all art. 2, 1 comma del D.M;. 161/98, vale a dire quelli che il decreto citato richiede per il Presidente del Consiglio di Amministrazione di una Banca di Credito Cooperativo. Sempre con riferimento ai criteri qualitativi di composizione degli Organi, si reputa, inoltre, opportuno sottolineare come l individuazione di alcuni dei profili qualitativi degli amministratori sia da rinvenirsi nel dettato dell'articolo 32 dello Statuto della Banca che definisce i requisiti per l eleggibilità alla carica di amministratore e al primo comma stabilisce, coerentemente con la natura di società cooperativa a mutualità prevalente dell azienda, che gli amministratori devono essere soci della stessa, previsione questa che è diretta conseguenza del modello democratico della cooperazione di credito. Il peculiare profilo di governance di una Banca di Credito Cooperativo si fonda, infatti, su un sistema democratico elettivo di nomina degli amministratori, scelti dall'assemblea dei soci tra i propri membri con voto capitario. Ne consegue che gli Organi di governo sono composti da persone con esperienze, competenze e caratterizzazioni eterogenee, agevolando così, in modo coerente con il peculiare modello giuridico di tale tipologia di banche, la diversificazione della composizione degli Organi. Nel contesto delineato, per una composizione ottimale dell Organo, rileva anche la già richiamata avvertenza presente sotto il citato articolo 32 dello Statuto, ove si richiede nel Consiglio la rappresentanza delle diverse componenti della base sociale in termini di categorie economiche, ambito territoriale, appartenenza di genere, età anagrafica. La Banca reputa un valore la presenza nel Consiglio dei rappresentanti dei soci in termini di espressione delle categorie economiche e del territorio. A riguardo, il Consiglio osserva che attualmente la compagine sociale è pari a soci ed evidenzia la seguente composizione: Distribuzione dei Soci per sesso e per età ETA' UOMINI % DONNE % TOTALI % Fino a 30 anni 21 1, , ,93 da 31 a 40 anni 83 4, , ,45 da 41 a 50 anni 195 9, , ,54 da 51 a 60 anni , , ,36 da 61 a 70 anni , , ,43 oltre 70 anni , , ,97 Società ,32 Totali , , ,00 Soci per comuni di residenza COMUNI N. % Comuni in provincia di Ascoli Piceno Acquaviva Picena ,80 Monteprandone ,78 Colli del Tronto 184 8,87 San Benedetto del Tronto ,25 Grottammare 85 4,10 Spinetoli 75 3,62 Monsampolo del Tronto 85 4,10 Castel di Lama 33 1,59 Castorano 29 1,40 Ascoli Piceno 35 1,69 Ripatransone 20 0,96 Offida 12 0,58 Altri comuni in provincia di Ascoli Piceno 20 0,97 Totale Ascoli Piceno ,71 Comuni in provincia di Teramo Martinsicuro 94 4,53 Colonnella Torano Nuovo 8 0,39 Ancarano Alba Adriatica 27 1,30 Nereto 19 0,92 Tortoreto 14 0,68 Altri comuni in provincia di Teramo 37 1,78 Totale Teramo ,99 Altri comuni 27 1,30 Totale Generale ,00 Soci per settore economico SETTORE ECONOMICO N. % Agricoltura ,80 Artigianato ,97 Commercio 128 6,17 Impiegati/operai 206 9,93 Pensionati ,68 Imprenditori ,23 Professionisti 135 6,51 Altre 56 2,70 Totale ,00 Inoltre, per una migliore valutazione della rappresentanza all interno del Consiglio di Amministrazione delle varie categorie economiche è interessante prendere atto anche della ripartizione del credito concesso alla clientela per settore di attività economica: ATTIVITA ECONOMICHE Importo (*) % Edilizia ,29 Commercio ,89 Servizi ,68 Industriale ,72 Turismo ,86 Agricoltura ,63 Trasporti ,22 Tessile ,02 Alimentare ,43 Altre ,60 Consumatori ,66 Totale ,00 (*) dati espressi in migliaia di euro Pertanto, è opportuno che siano presenti nel Consiglio rappresentanti delle seguenti categorie: agricoltori, commercianti, imprenditori del settore edile e del turismo e professionisti. Al contempo è opportuno, ove già non assolto in applicazione dei riferimenti citati, che siano presenti anche rappresentanti delle comunità locali dove sono ubicati gli sportelli della Banca, che apportino il giusto grado di conoscenza delle comunità stesse e delle relative esigenze in termini di servizi bancari. La Banca ritiene, infatti, che le peculiarità strutturali delle banche di credito cooperativo a mutualità prevalente, determinate anche dalle disposizioni primarie e secondarie che ne definiscono la concreta operatività (quali ad esempio, i vincoli in materia di zona di competenza territoriale e prevalenza della operatività con i soci di cui all articolo 17 dello Statuto) richiedano una presenza differenziata in Consiglio con riguardo non solo a professionalità prettamente tecniche dell'attività bancaria ma anche di conoscenza del territorio di insediamento e della base sociale. Richiamati i criteri qualitativi, il Consiglio passa alla valutazione della propria composizione che risulta essere così articolata: nel Consiglio di Amministrazione sono presenti dodici uomini ed una donna; l età media dei componenti il Consiglio di Amministrazione è di 55 anni; i Consiglieri risiedono e svolgono la loro attività lavorativa all interno della zona di competenza territoriale della Banca; quattro di essi risiedono ad Acquaviva Picena, quattro a Monteprandone, due a San Benedetto del Tronto ed uno ciascuno nei comuni di Colli del Tronto, Castel di Lama e Martinsicuro; con riferimento al settore di attività economica di appartenenza due operano nel settore agricolo, tre nel settore dell edilizia, quattro svolgono l attività di libero professionista in rami diversi, due operano nel settore del commercio, uno è artigiano ed un altro è impiegato. Con riguardo all esigenza che i componenti degli Organi siano dotati di professionalità adeguate al ruolo da ricoprire, anche in eventuali comitati interni al Consiglio e calibrate in relazione alle caratteristiche operative e dimensionali della banca si evidenzia che, in coerenza con i principi richiamati nello Statuto della Banca, i componenti del Consiglio hanno partecipato ai corsi di formazione promossi dalla Federazione Marchigiana e dalla Banca al fine di mantenere costantemente adeguato il livello di professionalità degli amministratori e un livello di conoscenza delle tematiche bancarie e delle normative di riferimento tempestivamente aggiornato in funzione dell evoluzione delle stesse e del contesto operativo delle banche associate. Per assicurare la qualificazione e l aggiornamento costante delle competenze e delle conoscenze degli amministratori e, quindi, una migliore qualità delle governance, il Consiglio di Amministrazione ha adottato lo scorso anno il Sistema dei Crediti Formativi previsto dal Regolamento Assembleare ed Elettorale tipo promosso da Federcasse nel 2006 e di recente modificato in conseguenza dell adozione del nuovo Statuto tipo. Il Sistema dei Crediti (art, 18, comma 2) prevede che per portersi candidare gli Amministratori uscenti debbano aver conseguito nel triennio in carica 12 crediti formativi e che i neo amministratori debbano conseguire durante il proprio mandato 18 crediti formativi. A riguardo, si evidenzia che la Federazione Marchigiana delle BCC, in stretto accordo con Federcasse, ha definito un processo di qualificazione delle competenze, riconosciuto mediate il sistema dei Crediti Formativi per gli amministratori delle BCC, che coivolge gli esponenti delle banche con eventi formativi dedicati all acquisizione e all aggiornamento delle conoscenze necessarie ad una corretta e consapevole gestione dell azienda bancaria cooperativa a mutualità prevalente. Ad oggi tutti i componenti il Consiglio di Amministrazione sono in possesso dei crediti formativi richiesti. Il piano formativo seguito dai componenti del Consiglio di Amministrazione, definito coerentemente con le caratteristiche operative e di mercato e l evoluzione del contesto normativo e in stretto raccordo con le iniziative di Categoria dianzi citate, ha previsto lo sviluppo delle competenze nelle seguenti aree tematiche: ruolo e responsabilità degli organi collegiali; processi di governo e gestione dei rischi; l ICAAP il processo di pianificazione strategica; la compliance e le principali normative di riferimento; la specificità mutualistica; l evoluzione del quadro prudenziale di riferimento. Con riguardo al Direttore Generale, il cui ruolo, alla luce del modello di governance assume ulteriore rilievo, pur tenuto conto del ridotto profilo di complessità operativa derivante anche dalle specifiche previsioni di legge e di statuto, la Banca ha posto particolare attenzione alla verifica delle competenze professionali e delle esperienze pregresse funzionali all assolvimento del ruolo, ferme le altre verifiche disposte dalla vigente normativa. A esito degli approfondimenti condotti, nel ribadire che tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione e conseguentemente del Comitato Esecutivo hanno i requisiti normativamente richiesti, si ritiene che l'attuale composizione sia conforme allo schema di valutazione e ai criteri qualitativi sopra definiti. 3. Funzionalità degli Organi Definiti i profili della composizione quali quantitativa, si passa ad esaminare quelli relativi alla funzionalità degli Organi. 3.1 Flussi informativi In tale ambito rileva la circolazione delle informazioni verso e tra gli Organi e al loro interno, elemento determinante per assicurare una consapevole assunzione del ruolo e delle responsabilità dei componenti degli stessi. Un efficace gestione del rischio richiede, infatti, un efficiente comunicazione interna sui rischi della Banca non solo all interno dell intera struttura organizzativa ma anche nei rapporti tra gli Organi e la struttura stessa. A riguardo, con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24 giugno 2009, la Banca ha adottato un apposito Regolamento dei flussi informativi, redatto alla luce delle Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle banche del 4 marzo Tale documento è stato successivamente integrato, con una specifica disposizione interna datata 08/09/2010, tenendo conto delle esigenze maturate sulla base dell esperienza e dell evoluzione del contesto operativo e normativo di riferimento, nonchè, con particolare riguardo ai profili di gestione dei rischi, delle evidenze emerse in sede di autovalutazione ICAAP. In particolare, nell ambito delle attività di mappatura quali quantitativa dei rischi propedeutica al processo di autovalutazione ICAAP sono previsti specifici momenti di analisi volti ad appurare l esistenza di adeguati flussi informativi e il relativo livello di efficacia e coerenza. Pertanto, almeno con periodicità annuale, viene effettuato un esame in relazione all adeguatezza dei flussi informativi previsti, strumentale alla individuazione di potenziali aree di miglioramento al fine di garantire nel continuo un adeguata circolazione delle informazioni verso gli organi aziendali e al loro interno. Il Regolamento citato e la successiva integrazione disciplina: - tempistica, forme e contenuti della documentazione che deve essere trasmessa ai singoli componenti degli Organi, ritenuta necessaria per l adozione delle delibere sulle materie all ordine del giorno; - il contenuto minimo dei flussi informativi periodici, con particolare riferimento a quelli relativi alle varie tipologie di rischio rilevanti e agli eventuali scostamenti dei consuntivi rispetto alle strategie definite; - i soggetti e le unità organizzative tenute alla redazione e trasmissione della documentazione. In base alla regolamentazione adottata, laddove la proposta di delibera preveda una delega di poteri del Consiglio al Comitato esecutivo o ad altro eventuale soggetto delegato, la stessa deve essere chiara ed analitica e deve precisare i limiti quantitativi e di valore della delega. In proposito, anche alla luce delle evidenze emerse in sede di autovalutazione ICAAP, con riferimento alla qualità, completezza e tempestività dei flussi informativi direttamente rivolti agli Organi, nella seduta del 28/04/2011 è stato assunto l impegno a perseguire l obiettivo di integrare ulteriormente la raccolta dei dati (assicurando una migliore circolazione interna delle informazioni) al fine di costituire un archivio delle insorgenze utile per una corretta autovalutazione dei rischi. In materia, i componenti il Consiglio di Amministrazione hanno formulato un giudizio di piena soddisfazione per il sistema dei flussi informativi provenienti dall alta Direzione, ritenendolo efficace, idoneo e tempestivo per avere adeguata contezza della situazione aziendale. 3.2 Tempo e risorse dedicate Con riferimento alla necessità che gli esponenti dedichino tempo e risorse adeguate alla complessità del loro incarico, essa è pienamente condivisa dalla Banca che, in osservanza delle Disposizioni sul governo societario del 2008 (par. 3, lett. b), p. 8) ha adottato specifici riferimenti a riguardo con delibera del 22/04/2009. Tali parametri sono stati determinati in coerenza con il ridotto profilo dimensionale e di complessità operativa della Banca, alla luce dei quali appaiono ad oggi tuttora adeguati. Inoltre in data 17 maggio 2009 la Banca ha deliberato il Regolamento Assembleare ed Elettorale integrato con la disciplina della limitazione al cumulo degli incarichi. Si ritiene che le limitazioni ivi previste consentano all esponente aziendale la possibilità di dedicare un tempo congruo allo svolgimento dell incarico. 3.3 Riunioni Con riguardo alla tempistica delle riunioni consiliari e del Comitato Esecutivo, ai sensi dell articolo 36 dello Statuto, il Consiglio di Amministrazione è convocato dal Presidente, o da chi lo sostituisce, di norma e salvo urgenza due volte al mese ed ogni qualvolta lo ritenga opportuno, oppure quando ne sia fatta domanda motivata dal Collegio Sindacale oppure da un terzo almeno dei componenti del Consiglio stesso. Il Comitato Esecutivo è convocato dal Presidente e da chi lo sostituisce, secondo le esigenze aziendali. Nel corso dell esercizio 2012 sono state effettuate 25 riunioni del Consiglio di Amministrazione ed 2 riunioni del Comitato Esecutivo. Le riunioni del Consiglio di Amministrazione hanno una durata media di circa 4 ore
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks