Please download to get full document.

View again

of 5
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

di Litio (modello EN-EL14 da 7,4V e 1030 mah). Vediamo ora cosa si trova all interno della D PDF

Category:

Taxes & Accounting

Publish on:

Views: 19 | Pages: 5

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
Prova sul campo Nikon D5100 Che Nikon sia un marchio di riferimento in fotografia è cosa nota, ma con Panasonic, Sony e Samsung pronti a tutto pur di scalfire la sua quota di mercato deve cercare di essere
Transcript
Prova sul campo Nikon D5100 Che Nikon sia un marchio di riferimento in fotografia è cosa nota, ma con Panasonic, Sony e Samsung pronti a tutto pur di scalfire la sua quota di mercato deve cercare di essere sempre competitiva; dopo due anni quindi Nikon ha deciso di rinnovare il modello D5000, modificando il sistema di rotazione del monitor, che è ora più funzionale, una modifica suggerita anche dallo sviluppo della ripresa video in Full HD. Vista da fuori Il corpo ha subito numerosi interventi ed è solo lontanamente imparentato con quello della D5000. La modifica di maggiore rilievo è costituita dal display da 3 e punti che, pur orientabile, è ora incernierato sulla sinistra del dorso e non sul lato inferiore, con la conseguenza che i pulsanti sono stati tutti spostati nella zona destra del dorso. Ora finalmente è possibile usare il display orientabile anche con la macchina su treppiede. Aver spostato i pulsanti nella zona destra del dorso, se da un lato differenzia la D5100 dal resto della produzione Nikon (che invece ha i pulsanti per la gestione elettronica della macchina sulla sinistra), dall altro permette di effettuare numerose operazioni con il solo pollice destro: la revisione delle immagini e loro eliminazione, l ingrandimento, la navigazione tramite il pad a quattro vie e addirittura la modifica dei parametri di ripresa a monitor. Il pulsante Lv per l attivazione del Live View è scomparso e la funzione è attivata tramite una leva coassiale alla ghiera dei programmi, mentre in prossimità del pulsante di scatto compare il pulsante per la registrazione di filmati. Sono modifiche che hanno migliorato la già buona ergonomia della D5000. Inoltre il corpo ha dimensioni molto simili a quelle della entry-level D3100. Le porte di connessione sono tutte raggruppate sul fianco sinistro e comprendono una USB 2 / Video Out, la porta per il GPS, una HDMI e l ingresso per il microfono stereo opzionale. Sul fianco opposto troviamo invece lo slot per schede SD/SDHC/SDXC, mentre il fondello ospita la batteria agli ioni Nikon aggiorna il modello D5000 con un nuovo sensore, un nuovo processore e tante funzioni in più. Certamente miglior è il nuovo display orientabile, incernierato sulla sinistra del dorso invece che sul lato inferiore di Litio (modello EN-EL14 da 7,4V e 1030 mah). Vediamo ora cosa si trova all interno della D5100. Sensore Cuore tecnologico della D5100 è il sensore, strettamente imparentato con quello della Nikon D7000. Si tratta di un CMOS in formato DX con una risoluzione di 16 Mpxl effettivi e sensibilità da 100 ISO a ISO, più le due modalità Hi fino a ISO. Non manca la conversione A/D a 14 bit che garantisce una più fedele restituzione dei passaggi tonali; infatti si passa dai di livelli di luminosità dell elaborazione a 12 bit ai di quella a 14 bit. Naturalmente la macchina cede qualcosa rispetto alla D7000, principalmente nella rapidità della raffica che tocca comunque una cadenza di 4 fotogrammi al secondo. Per sostenere le prestazioni della raffica e un intenso impiego in Live View (che raddoppia le attivazioni) l otturatore è stato progettato per cicli di attivazione. Inoltre la D5100 mette a disposizione la modalità di scatto silenziosa per ridurre il rumore nelle situazioni di ripresa che richiedono discrezione, come in teatro o nella fotografia naturalistica. In termini di dispositivi anti-polvere, la D5100 dispone del doppio sistema Image Sensor Cleaning e Airflow Control System: il primo basato sulle vibrazioni del filtro passa-basso (Anti-Aliasing) ad ogni ac- 42 Nikon D Nikon D Sulla calotta, sempre facilmente raggiungibili dall indice, troviamo il pulsante dedicato alla ripresa video e quello per la staratura intenzionale dell esposimetro mentre coassiale alla ghiera dei programmi di ripresa di trova il comando a leva dedicato alla funzione Live View, piuttosto sensibile e quindi facilmente azionabile dall indice nonostante la sua posizione arretrata. Il display è ora incernierato sul fianco sinistro, una differenza importante rispetto alla precedente D5000 che migliora l impiego sul treppiedi. Nikon D L organizzazione dei pulsanti sul dorso è determinata dalla nuova posizione della cerniera del display, spariscono infatti quelli posti in prossimità del fianco sinistro della D5000 in favore di un maggiore affollamento della parte destra, facilmente raggiungibile dal pollice. In particolare troviamo i pulsanti di modifica dei parametri di ripresa i e di blocco AE/AF, il pad a quattro vie con pulsante centrale di conferma, i comandi relativi alla funzione di revisione delle immagini posti alla destra del monitor LCD e il pulsante per l accesso ai menù, correttamente isolato nell angolo superiore sinistro del dorso. censione e spegnimento, o manualmente, il secondo utilizza un flusso d aria in prossimità del bocchettone di innesto ottiche per aspirare la polvere che potrebbe depositarsi sul sensore. Infine la registrazione video in formato Full HD 1080p, a 25 fotogrammi al secondo: consente il parziale controllo dell apertura del diaframma, fissa durante la ripresa ma regolabile prima dell accesso alla modalità di ripresa video. Logica quindi la presenza di una porta HDMI per il collegamento ai TV Full HD. Il cervello E costituito come sempre dalla scheda logica Expeed, qui nella versione 2 introdotta con la D7000; la D5100 ha quindi un cervello più potente del modello precedente, nonostante le dimensioni e i consumi siano stati ridotti. Expeed 2 è un sistema potente che consente, ad esempio, di ridurre la distorsione degli obiettivi quasi in tempo reale, di applicare filtri creativi direttamente in macchina mostrandone addirittura l effetto in modalità Live View (sebbene con qualche incertezza), di realizzare immagini HDR fondendo automaticamente due scatti con esposizione differente fino a 3 EV e, naturalmente, di applicare alle immagini l ormai noto D- Lighting Attivo, che opera già durante lo scatto impostando curva ed esposizione in modo da preservare i dettagli delle immagini sia nelle luci che nelle ombre. Tra gli effetti citiamo Visione Notturna che amplifica il segnale fino a ben ISO, registrando immagini in bianconero anche nelle condizioni di luce più difficili. Autofocus ed Esposimetro Autofocus ed esposimetro sono intimamente connessi come su tutte le Nikon più recenti; infatti il modulo AF Multi-CAM 1000 a 11 punti disposti a rombo (il centrale è a croce) interagisce con l esposimetro a 420 pixel RGB per rendere possibile lo Scene Recognition System, un sistema di Nikon D riconoscimento delle scene che migliora sensibilmente la precisione del sistema. Sul campo Insidiate dalle compatte a sistema (CSC), le reflex di primo prezzo o di livello intermedio sono diventate sempre più piccole. Anche la Nikon D5100 si è ridotta rispetto al precedente modello D5000, ma ormai parliamo di qualche millimetro, che certo non può fare la differenza nella scelta della macchina. Un poco di più si è ridotto il peso, 30 grammi, ma in buona sostanza da queste reflex non possiamo aspettarci ulteriori cali nelle dimensioni. Il risultato è un corpo compatto, leggero, ma di dimensioni sufficienti per non risultare scomodo anche per mani di dimensioni medie che probabilmente non si troverebbero a loro agio con le recenti mirrorless. In particolare l impugnatura è sufficientemente alta da accogliere tutte le dita della mano destra, mignolo compreso, e profonda tanto da consentire una presa efficace sul corpo, 43 Sistema di riconoscimento scena Gli 11 punti AF con quello centrale a croce del modulo AF Multi-CAM 1000 della D5100. Con il modo Tracking 3D la fotocamera utilizza il Sistema di riconoscimento scena per tenere a fuoco il soggetto in movimento. * Identificazione del soggetto delle modifiche della composizione * AF con priorità al volto * Analisi delle alte luci del volto * Identificazione della sorgente luminosa del volto * Zoom in riproduzione sul volto Tra i filtri creativi c è Selezione colore che permette di selezionare fino a tre colori e desaturare completamente gli altri. solo leggermente sbilanciato verso sinistra a causa dell ottica. La disposizione dei comandi principali è buona, con il pulsante di scatto che cade esattamente sotto l indice e la ghiera di controllo posizionata a portata di pollice destro, potendo contare anche su di un rivestimento in gomma che migliora ulteriormente la presa sul corpo macchina. Nonostante la D5100 effettui un ciclo di pulizia del sensore ad ogni accensione, una volta attivato l interruttore la macchina è operativa in pochi istanti e mostra l interfaccia intuitiva che ricordiamo dall introduzione della D40. Il sistema sviluppato da Nikon mostra a monitor numerosi parametri di ripresa come la qualità del file, il bilanciamento del bianco, la sensibilità ISO, la modalità di messa a fuoco ecc. Grazie al pulsante i è possibile intervenire su ognuno di essi per effettuare correzioni in tempi davvero ridotti al minimo, quasi come se la macchina disponesse di pulsanti dedicati ad ogni funzione. Le prestazioni velocistiche sono di tutto rispetto, basti vedere la rapidità con la quale si applicano i filtri o la correzione automatica della distorsione. La raffica tocca i 4 fotogrammi al secondo e la rapidità di scrittura sulle schede di memoria SD, soprattutto le più veloci di ultima generazione, non pone particolari problemi nel salvataggio anche di file Raw. Per trovare un punto debole dobbiamo andarlo a cercare altrove, nell ottica fornita nel kit, quel 18-55mm che se da un lato offre prestazioni ottiche di buon livello, dall altro non si può dire che sia un fulmine di guerra nella messa a fuoco. Di grande utilità, nella messa a fuoco in Live View, è la presenza di un riferimento centrale al riquadro di messa a fuoco quando esso è posizionato esattamente al centro dell inquadratura, una funzione utile nel caso sia stato necessario spostare l area di messa a fuoco e la si voglia riportare in centro. Per quanto concerne l esposimetro vale il detto nessuna nuova, buona nuova : il sistema Nikon ha dimostrato da tempo di garantire esposizioni sempre precise in una moltitudine di situazioni, inoltre la presenza di funzioni quali D-Lighting Attivo e HDR consentono, qualora fosse necessario, di affrontare anche situazioni di contrasto estremo dove la pur ampia gamma dinamica del sensore non riuscisse a coprire l estensione luminosa della scena. Il display orientabile offre numerosi spunti creativi al fotografo, è infatti più semplice scattare da punti di vista insoliti e il pannello utilizzato per la D5100 garantisce buona visibilità anche in esterni. Dimensione e risoluzione sono adeguati per la revisione delle immagini e per fruire delle numerose funzioni di editing presenti, dallo sviluppo dei file Raw all applicazione di effetti creativi. 44 Il rumore rimane su ottimi livelli fino a sensibilità elevate: fino alla sensibilità di 800 ISO il rumore si mantiene su livelli contenuti, con il dettaglio che accusa una generale morbidezza dei particolari più fini. A 1600 ISO il calo nel dettaglio è più evidente, e così fino a 6400 ISO, sensibilità alla quale corrisponde solo un lieve aumento di rumore rispetto a 1600 ISO, a scapito però della quantità di dettaglio registrato. Le due sensibilità espanse Hi1 e Hi2 producono immagini molto rumorose. La macchina dispone del controllo della distorsione tarato sugli obiettivi Nikkor. I risultati sono eccellenti. I livelli di riduzione del rumore sono 3 più l esclusione, e tutti prossimi tra loro, ovvero consentono una regolazione piuttosto fine della quantità di riduzione rumore da applicare alle immagini. Fino a 1600 ISO le differenze sono minime, oltre invece entrano in campo le preferenze personali: io ho scelto il livello Moderato. L esame delle immagini Nikon utilizza da tempo il sistema dei Picture Control che consente di mantenere una data resa cromatica indifferentemente dalla macchina utilizzata. E una funzione utile a chi possiede due corpi macchina, ma anche il fotografo amatoriale può trarre beneficio dalle ampie possibilità di intervento; per i fotografi più esigenti, che magari ai filtri creativi preferiscono modifiche dei Picture Control, la D5100 mette a disposizione ben nove memorie che permettono di salvare le modifiche effettuate in macchina ai Picture Control così da poter richiamare con semplicità una determinata impostazione cromatica. I Picture Control presenti sulla macchina sono ridotti al minimo: Standard, Neutro per immagini meno sature e contrastate, Vivido per immagini più sature e contrastate. A questi si aggiunge il Picture Control Monocromatico e quelli dedicati al ritratto e alla fotografia di paesaggio con una resa che privilegia, rispettivamente, l incarnato o le tonalità della vegetazione. A mio parere è una scelta corretta: il Picture Control Standard infatti fornisce immagini piacevoli, con un buon livello di saturazione e contrasto, ma senza sfociare in toni esagerati; quando invece il fotografo mette in conto la possibilità di lunghe sessioni di fotoritocco è certamente più indicato il Picture Control Neutro. Quello che però dà le maggiori soddisfazioni è il Picture Control Monocromatico ; è possibile infatti regolarlo in maniera da simulare l impiego di un filtro colorato sull obiettivo nella ripresa bianconero e, avendo l accortezza di disabilitare la riduzione rumore alle alte sensibilità, è possibile ottenere immagini dalla grana piacevole. L esame del rumore mostra che fino alla sensibilità di 800 ISO si mantiene su livelli contenuti con il dettaglio che comincia ad essere intaccato proprio alla sensibilità di 800 ISO, nella forma di una generale maggiore morbidezza dei particolari più fini. A 1600 ISO il calo nel dettaglio è più evidente, e così fino a 6400 ISO, sensibilità alla quale corrisponde solo un lieve aumento di rumore rispetto a 1600 ISO a scapito però della quantità di dettaglio registrato. Le due sensibilità espanse Hi1 e Hi2 producono immagini molto rumorose e con una 45 Nikon D5100: 820 con 18-55mm f/3,5-5,6 VR e SD da 4GB Prezzi Distribuzione: Nital, via Tabacchi 33, Torino. infoline evidente riduzione del dettaglio. I livelli di riduzione del rumore risultano essere poco differenziati tra loro, ovvero è possibile ottenere una regolazione piuttosto fine della quantità di riduzione rumore che vogliamo applicare alle immagini. Fino a 1600 ISO le differenze sono minime e le immagini non soffriranno certamente per la disattivazione del filtro o l impostazione a livello Moderato, oltre invece sta al gusto personale, che nel mio caso coincide con il livello Moderato. Giudizio Le reflex entry-level hanno raggiunto un livello di prestazioni da lasciare stupiti per l evoluzione a cui abbiamo assistito nel corso di questi anni.la Nikon D5100 non fa eccezione. Un punto debole rimane la rapidità di messa a fuoco in Live View, e poi la mancanza di qualche pulsante dedicato per l accesso diretto a funzioni come il bilanciamento del bianco e la sensibilità ISO; un po difficoltosa la gestione del diaframma nella registrazione di filmati. Da tenere presente che l assenza del motore AF nel corpo macchina impedisce l uso al pieno delle loro potenzialità delle vecchie ottiche Nikkor senza motore interno. Sull altro piatto della bilancia abbiamo una qualità d immagine estremamente elevata, con un livello di rumore che rimane trascurabile anche a sensibilità dell ordine di 1600 ISO e comunque appare ben controllato dal filtro di riduzione rumore, che intacca pesantemente il dettaglio solo oltre i 3200 ISO. In più troviamo un ottimo display LCD orientabile, effetti creativi ed una ampia possibilità di intervento in postproduzione direttamente in macchina. Rispetto a certe mirrorless ha dimensioni solo un poco maggiori, ma la sua ergonomia è migliore, tanto che viene da chiedersi dove sia il vantaggio nel rinunciare allo specchio. Andrea Nivini L opzione HDR combina due scatti distanziati nell esposizione fino a 3 EV, fondendoli poi in un unica immagine dalla maggiore quantità di dettaglio. I Picture Control presenti in macchina sono ridotti al minimo: Standard, Neutro per immagini meno sature e contrastate, Vivido per immagini più sature e contrastate. A questi si aggiunge il Picture Control Monocromatico e quelli dedicati al ritratto e alla fotografia di paesaggio con una resa che privilegia, rispettivamente, l incarnato o le tonalità della vegetazione. Tra i Picture Control disponibili quello Monocromatico regala grandi soddisfazioni, è possibile infatti regolarlo in maniera da simulare l impiego di un filtro colorato sull obiettivo, e avendo l accortezza di disabilitare la riduzione rumore alle alte sensibilità ottenere immagini dalla grana piacevole.
Similar documents
View more...
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks