Please download to get full document.

View again

of 10
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

EVOLUZIONE (2008) DAL COSMO ALLA MENTE (2009)

Category:

Sales

Publish on:

Views: 13 | Pages: 10

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
10 Parma Darwin Day: Da un così semplice inizio C è qualcosa di grandioso in questa concezione per cui la vita, con le sue diverse forze, è stata originariamente infusa in poche forme o in una sola; e,
Transcript
10 Parma Darwin Day: Da un così semplice inizio C è qualcosa di grandioso in questa concezione per cui la vita, con le sue diverse forze, è stata originariamente infusa in poche forme o in una sola; e, mentre il nostro pianeta continuava a ruotare secondo la legge costante della gravitazione, da un così semplice inizio si sono evolute e tuttora si evolvono innumerevoli forme, bellissime e meravigliose. Charles Darwin, 1859 Adagiato nella neve fresca. Il suo viaggio è iniziato con un colpo di vento, motore di un meccanismo che è il risultato di un lungo percorso evolutivo in cui vincoli fisici e pressioni ecologiche hanno alimentato il processo selettivo e plasmato le forme. I frutti dell acero, sono alati, volano via con il loro carico di futuro in attesa di generare nuova vita. Per fare un albero ci vuole un seme. È proprio l immagine dell albero che viene generalmente utilizzata per rappresentare il procedere della vita e il suo trasformarsi. Diramazioni, nuove gemme, rami secchi non più vitali. Una metafora ancora più efficace è però quella del cespuglio o del corallo, quest ultimo tanto caro a Darwin. In uno dei sui taccuini, a corredo del celebre disegno, c è poi quel I think. Io penso che le cose vadano così Da un semplice inizio, lo sviluppo della vita, il maestoso caleidoscopio di diversità, milioni di specie, molte scomparse senza lasciar traccia, altre cristallizzate nei segni preziosi del loro passaggio. In questa storia, si inserisce il cammino dell Uomo (uno di quei rametti del cespuglio) caratterizzato tra l altro dall evoluzione di quelle attitudini e capacità che fanno dell umanità (ma quante umanità hanno lasciato un impronta sulla superficie della Terra?) una specie capace di riflettere su se stessa e di capire la natura che l ha generate. Esplorare la vita e capire che ne facciamo parte, soggetti alle stesse leggi che hanno prodotto la meravigliosa varietà di organismi viventi, è un processo profondo e complesso dell evoluzione mentale, sottolinea E.O. Wilson. Un processo forse ancora sottovalutato ma che nutre lo spirito, alimenta le nostre speranze e dal quale dipende la nostra stessa esistenza. Darwin, con le sue scoperte, ci ha condotto per mano verso questa consapevolezza. Una mano forte e sicura, poiché l idea elaborata con il suo lungo ragionamento non è una congettura ma un fatto. Una concezione della vita che è sostenuta da innumerevoli prove e caratterizzata da un elevatissimo potere esplicativo dei fenomeni naturali. Una nuova visione, rivoluzionaria e destabilizzante, ma profondamente corretta. Tanto da poter accogliere (nel corso di oltre un secolo e mezzo di studi) tutte le novità che man mano si prospettavano all orizzonte della conoscenza, aggiornandosi e arricchendosi ma senza perdere la sua identità profonda. Siamo al decimo Darwin Day, abbiamo raccontato tante storie e condiviso conoscenze ed emozioni. Diamo uno sguardo alle immagini che hanno accompagnato ciascuna delle edizioni. Una finestra sulla natura e uno spunto per riassumere e riflettere sulle tante tematiche trattate. EVOLUZIONE (2008) Un tronco antico, segnato dal tempo che ricorda una vita passata. Sembra un pesce. Il famoso celacanto? Uno di quegli organismi carismatici che hanno legato il loro nome ad una storia avvincente di scomparse credute e di riscoperte entusiasmanti (ma non era estinto da oltre 60 milioni di anni?). Un fossile vivente, una testimonianza del potere della vita nel solcare il tempo, un miracolo di adattamento che tanto ci aiuta a capire come potrebbero essere andate le cose in quell avventura che fu l affacciarsi dei vertebrati al mondo delle terre emerse. Una storia che ci riguarda da vicino. DAL COSMO ALLA MENTE (2009) Galassie come fuochi pirotecnici. L Universo, l Uomo, le origini, la mente. Le tracce di un essere primordiale, di un mondo perduto, di un pensiero importante. Immagini evocative di un Odissea Kubrickiana. La Terra, un variopinto palcoscenico in cui da 3,5 miliardi di anni la materia ha acquisito quella straordinaria proprietà che noi chiamiamo vita. È altamente improbabile che non ci sia altrove. Per ora studiamo e apprezziamo quella (l unica) che conosciamo, grazie ad una mente frutto degli stessi processi che ne hanno determinato l origine e il cambiamento. EVOLUZIONE E SOCIALITA (2010) Un bellissimo maschio di amadriade, colto dall indiscreto scatto del ricercatore. Faccia glabra, criniera arruffata, immagine imbarazzante per la sua troppa umanità. Pensa, chissà, al mondo intorno, a cos è successo poco prima a cosa potrà succedere più avanti. Una mente in grado di gestire una vita sociale complessa, fatta di aiuti, alleanze, scontri. Il vivere comune, sempre sul filo dell equilibrio tra conflitto e cooperazione, tra costi e benefici, tra il sé e il noi. Un altra storia che non avrebbero senso senza Darwin. L EVOLUZIONE DIETRO L ANGOLO (2011) Darwin come non lo avete mai visto. Intorno materializzazioni di idee e pensieri, in forma scherzosa una volta tanto. Ridentem dicere verum: quid vetat? (Cosa proibisce di dire la verità scherzando? Ammonisce Orazio). Viaggi tra tartarughe e iguane. E quella falena dalla lunga proboscide, praedicta e mai trovata. Finché un occhio più attento non la scorse nelle foreste del Madagascar intenta a suggere il prezioso fluido dal lunghissimo nettario dell orchidea, l unica a poterlo fare e per questo intimamente e definitivamente unita, in un destino comune, al suo candido fiore. Come Darwin aveva previsto. DALL INDIVIDUO AL SUPERORGANISMO (2012) Esagoni intrecciati. Materializzazione dei principi che governano il lavoro collettivo. Il superorganismo, un organismo diviso in più corpi. Un dilemma darwiniano a cui Darwin stesso seppe dare una risposta, aprendo la strada a menti illuminate che un secolo dopo usarono il suo faro per giungere alla meta. Come è possibile che la selezione naturale abbia prodotto individui (le operaie degli insetti sociali) incapaci di riprodursi? Questa difficoltà, sebbene appaia insuperabile, si riduce o, come credo, scompare, quando si ricordi che la selezione può applicarsi alla famiglia. Passi importanti per capire le società più complesse, cos è un organismo e le molteplici individualità che lo costituiscono. MOLECOLE, SUONI E SIMBOLI: DALLA COMUNICAZIONE AL LINGUAGGIO (2013) È appena andato via, ma è stato una presenza quasi magica nel nostro inverno. Uno dei tanti folletti del bosco. Spavaldo nel rivendicare, con l arancio delle sue penne e il canto insistente, il diritto di proprietà su un territorio dai confini invisibili. Il pettirosso comunica la sua essenza e la sua esistenza. Ogni organismo lo fa a modo suo. Le molecole, il modo più comune. Suoni e simboli, il modo a noi più familiare. La Scienza è un processo sociale in cui condividere (communicare) le nuove scoperte non è solo un dovere ma è anche il mezzo per avanzare nella conoscenza. E una fiaccola che passa da maestro ad allievo e che, attraverso le generazioni, guida il cammino dell Uomo verso nuovi orizzonti inesplorati. Sta a noi saper gestire il potere di quel fuoco per goderne la luce e il tepore e non per appiccare incendi. DAL MICRO AL MACRO (2014) Un ombra si staglia sul margine irregolare della roccia. Lo stambecco sembra sorpreso dalle evoluzioni acrobatiche del gracchio. Entrambi campioni in ambienti estremi. Il bruco misura lo spazio che lo separa dalla meta percorrendo l esile lembo di un petalo. Geometrica camminata verso il cambiamento definitivo. Il finale della storia è un dispiegarsi di ali: si apra il sipario verso una nuova esistenza. Equilibrismi della vita, piccole grandi storie di evoluzione, da una goccia d acqua all immensità degli oceani, microbi e giganti fra passato e presente. È il divenire. ETOLOGIA ED EVOLUZIONE (2015) Sembra quasi di sentire il soffio dell aria tra le penne, il verso gracchiante della contesa. Due bellissime poiane si fronteggiano e il fotografo, moderno pittore rupestre, coglie l attimo, cristallizza un frammento di vita e ne tramanda l emozione. Come nella grotta Chauvet, documento di etologia paleolitica di commovente bellezza. Prodromi di un umanità che osserva e racconta. Animali che studiano altri animali. Etologia ed evoluzione, anch esse strettamente intrecciate, e qui a Parma lo sappiamo bene. Il comportamento espressione del fenotipo, a sua volta interfaccia tra geni e ambiente. Idee e scoperte che passano da una mente all altra, da Darwin a Lorenz, Tinbergen, Von Frisch verso altri grandi maestri che in Italia segnarono il solco in cui seminare la nuova disciplina, Leo Pardi, Floriano Papi e il nostro Danilo Mainardi. Una preziosa discendenza culturale a cui gli etologi di oggi non possono che essere onorati di appartenere. GUARDARE IL MONDO CON GLI OCCHI DI DARWIN (2016) Nel piccolo parco di quartiere una presenza tra l ultima neve. Prima di affacciarsi alla primavera, prima di gridare al mondo la rinascita. Il merlo canta al mattino presto di queste nostre giornate di Marzo, melodie complesse e insistenti che annunciano la fine di un altro inverno. La consolante inevitabilità delle stagioni. Guardarsi attorno con gli occhi di Darwin per cogliere storie di adattamenti guidati dalla luce delle sue scoperte. Una mantide, in religiosa immobilità, sulla cannuccia in una lattina, mondi artificiali sempre più diffusi. Che ci fa lì? Pronta a ghermire la preda con una trappola mortale, le sue tagliole dentate. Dopo Darwin la parola perché ha assunto un altro sapore e un altro valore. Interpretare la natura con gli occhi di Darwin significa capire la vita, godere delle sue meraviglie e trarne beneficio. A dieci anni dal primo Parma Darwin Day, vogliamo onorare ancora una volta la figura dello scienziato inglese e la grandiosità delle sue scoperte con una giornata di condivisione del sapere. Lo faremo con l aiuto di eminenti studiosi che in questi anni hanno già contribuito in modo prezioso al nostro Darwin Day. Parleremo di passato, di presente e di futuro, di antropologia, filosofia, letteratura e conservazione della natura. Illustreremo nuove scoperte, nuovi sviluppi delle idee evoluzionistiche, inevitabili se si affronta in modo non dogmatica lo studio della vita. Ho sempre cercato di tenermi libero da idee preconcette, in modo da poter rinunciare a qualunque ipotesi, anche se molto amata (e non so trattenermi dal formularne una per ogni argomento), non appena mi si dimostri che i fatti vi si oppongono. Non mi è dato agire diversamente, scriveva Darwin. Un grande insegnamento di libertà e indipendenza intellettuale, come quello di chi, ben prima di Darwin, ci ricordava di non esser fatti per viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza, perché fa bene allo spirito, riempie gli occhi di bellezza e aiuta a vivere meglio. Parma 10 Marzo 2017 Donato A. Grasso Curatore scientifico del Parma Darwin Day Donato A. Grasso Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale Università di Parma Professore Associato presso l Università di Parma, dove insegna Zoologia generale (Corso di Laurea in Scienze della Natura e dell Ambiente) ed Etoecologia e Sociobiologia (Corso di Laurea magistrale in Ecologia e Conservazione della Natura). Dal 2008 al 2012 ha fatto parte del Direttivo della Società Italiana di Etologia e dal 2001 al 2014 del Direttivo della Sezione Italiana dell International Union for the Study of Social Insects, di cui ha ricoperto anche la carica di Presidente. Fin dalla prima edizione è responsabile del Parma Darwin Day. La sua ricerca, spesso di natura interdisciplinare, è principalmente indirizzata allo studio del comportamento ed ecologia degli insetti. Da sociobiologo ed ecoetologo, da vari anni ha ormai irrimediabilmente ceduto alla tentazione di studiare anche le interazioni tra organismi di Regni differenti (animali, piante, microrganismi) e degli straordinari adattamenti che le caratterizzano. Consapevole che l Etoecologia oltre che bella può essere molto utile, si interessa anche di relazioni tra insetti e piante di importanza agronomica, nonché allo studio della biodiversità in ambienti naturali ed urbani e a progetti di Citizen Science (partecipazione diretta dei cittadini al processo scientifico). Il tutto illuminato dal faro dell evoluzione, processo senza la cui comprensione nulla avrebbe senso in Biologia. Per Adelphi ha tradotto Formiche - Storia di un esplorazione scientifica (di Hölldobler e Wilson, 1997) e, sempre degli stessi autori, ha curato la revisione scientifica e l introduzione de Il Superorganismo (2011). Frase preferita Lo scienziato ideale pensa come un poeta e lavora come un contabile (E.O. Wilson) ed è quello che, fin dall inizio della sua carriera di ricercatore all età di 5 anni, sta cercando di fare. Marco Ferraguti Università degli Studi di Milano Marco Ferraguti è stato Professore Ordinario di Evoluzione Biologica presso l Università degli Studi di Milano. Ha svolto ricerche nel campo della riproduzione e filogenesi in diversi phyla di invertebrati, occupandosi in particolare di spermatozoi e spermiogenesi. Si è occupato di ricostruzioni filogenetiche utilizzando i dati sugli spermatozoi, assieme a tecniche molecolari e citogenetiche. È stato presidente della Società Italiana di Biologia Evoluzionistica e si è occupato attivamente della divulgazione di temi evoluzionistici e di traduzioni di testi di autori importanti. Ha curato il testo Evoluzione, modelli e processi per Pearson Italia con Carla Castellacci. Ha diretto per 20 anni la Biblioteca Biologica dell Università degli Studi di Milano. La speciazione da Darwin a Mayr e ritorno Il modello di formazione delle specie che aveva in mente Darwin non era definito in maniera molto rigorosa, probabilmente a causa dal fatto che Darwin, almeno ufficialmente, aderiva ad un concetto nominalistico di specie. Le ricerche successive, in particolare nel corso del novecento ad opera di Ernst Mayr, hanno messo in luce e definito il modello della speciazione geografica o allopatrica. L enorme massa di prove raccolte da Mayr e da altri a favore del modello allopatrico hanno messo in ombra i modelli alternativi che via via venivano proposti, talvolta anche apertamente osteggiandoli. Ricerche degli ultimi anni hanno permesso di formulare un modello di speciazione, detto ecologico, nel quale l accento viene posto sull adattamento all ambiente, riportando così in auge uno dei modelli che Darwin aveva proposto per spiegare l origine delle specie, nel quale la selezione naturale aveva un ruolo centrale. Telmo Pievani Dipartimento di Biologia Università degli Studi di Padova Telmo Pievani è Ordinario presso il Dipartimento di Biologia dell Università di Padova, dove ricopre la prima cattedra italiana di Filosofia delle Scienze Biologiche. Dal 2016 è Delegato del Rettore per la Comunicazione Istituzionale dell Università degli Studi di Padova. È Socio effettivo dell Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti, per la classe di Scienze, Socio corrispondente dell Accademia delle Scienze di Torino per la classe di Scienze, Socio non residente dell Accademia Olimpica di Vicenza, per la classe di Scienza e Tecnica. Dal 2015 è vice-presidente della Società Italiana di Biologia Evoluzionistica. Filosofo e storico della biologia ed esperto di teoria dell evoluzione, è autore di numerose pubblicazioni nazionali e internazionali nel campo della filosofia della biologia (elenco completo delle 213 pubblicazioni su banca dati Cineca). Fa parte dell Editorial Board di riviste scientifiche internazionali come Evolutionary Biology e Evolution: Education and Outreach. Dal 2014 fa parte dell Editorial Board dei Rendiconti Lincei per le Scienze Fisiche e Naturali. E direttore di Pikaia, il portale italiano dell evoluzione, e ideatore de La Mela di Newton, magazine scientifico online di Micromega. Collabora con Il Corriere della Sera e con le riviste Le Scienze, Micromega e L Indice dei Libri. Sito web personale: L evoluzione: un gioco a più livelli L evoluzione può essere intesa come un intreccio di fattori che agiscono a differenti livelli inclusivi, dai geni agli organismi alle popolazioni. Nell intervento sarà presentata la teoria gerarchica dell evoluzione, oggetto di una recente pubblicazione collettiva per The University of Chicago Press, a cura di Niles Eldredge, Telmo Pievani, Emanuele Serrelli e Ilya Temkin, recensita dalla rivista Science. Tra i casi evoluzionistici analizzati nel libro, verrà approfondito in particolare quello delle estinzioni di massa, con un cenno al modello della Sesta Estinzione di Massa di origine antropica attualmente in corso. Giorgio Manzi Dipartimento di Biologia Ambientale Università di Roma, La Sapienza Paleoantropologo; insegna alla Sapienza Università di Roma, dove dirige il Museo di Antropologia G. Sergi e il Polo museale Sapienza. Membro della Scuola di Paleoantropologia di Perugia, è stato Segretario Generale dell'istituto di Paleontologia Umana e premio internazionale «Frassetto» (Accademia Nazionale Lincei). Ha svolto e conduce ricerche sul campo in vari siti preistorici in Italia e all'estero. Gli interessi di ricerca riguardano perlopiù l'evoluzione del genere Homo - primo popolamento dell'europa; origini ed evoluzione dei Neanderthal; speciazione di Homo sapiens - e la biologia scheletrica di popolazioni umane antiche. Attivo come divulgatore scientifico, collabora con periodici, quotidiani, trasmissioni radio e TV. Fra i libri, nel 2013 ha pubblicato Il grande racconto dell evoluzione umana (Il Mulino, Bologna). https://it.wikipedia.org/wiki/giorgio_manzi Sulle tracce dell'evoluzione umana Ossa e denti fossili possono raccontarci molto su vari aspetti dell evoluzione umana, ma le impronte rappresentano un caso a sé. Come un istantanea su una scena preistorica, forniscono dati sulla biomeccanica della locomozione, sulle dimensioni corporee, rivelano indizi sulla variabilità tra individui, permettendo in certi casi persino di formulare ipotesi sulla struttura sociale e sulle strategie riproduttive degli organismi estinti. Nuove impronte di ominidi bipedi sono state rinvenute a Laetoli, nella Ngorongoro Conservation Area in Tanzania, nella stessa area in cui nel 1978 la paleoantropologa Mary Leakey e il suo team di ricercatori scoprirono piste analoghe risalenti a più di 3.6 milioni di anni fa, attribuite ad Australopithecus afarensis (la stessa specie della famosa Lucy). La nuova pista scoperta nel 2015 e pubblicata nel dicembre 2016 è stata impressa da due diversi individui, in movimento sulla stessa paleosuperficie, nello stesso intervallo di tempo, nella stessa direzione e con simile velocità dei tre già noti dalle ricerche degli anni '70. Guido Barbujani Dipartimento di Scienze della vita e biotecnologie Università degli Studi di Ferrara Guido Barbujani è nato ad Adria nel Ha lavorato alla State University of New York a Stony Brook (New York), al Queen Mary College dell Università di Londra, alle Università di Padova e Bologna, e dal 1996 è professore di Genetica all'università di Ferrara. Col suo gruppo di ricerca, si occupa dello studio della biodiversità umana e dell analisi del DNA in popolazioni moderne e antiche. Collabora al Sole 24 Ore. Oltre agli articoli scientifici, ha pubblicato quattro romanzi: Dilettanti (Marsilio 1994 e Sironi 2004), Dopoguerra (Sironi 2002), Questione di razza (Mondadori 2003) e Morti e sepolti (Bompiani 2010) e i saggi L'invenzione delle razze (Bompiani 2006), Europei senza se e senza ma (Bompiani 2008), Sono razzista, ma sto cercando di smettere (con Pietro Cheli, Laterza 2008), Lascia stare i santi (Einaudi 2014), Contro il razzismo (con Marco Aime, Federico Faloppa e Clelia Bartoli, Einaudi 2016) e Gli africani siamo noi (Laterza 2016). Cosa significa essere al 98% scimpanzé? Uomo e scimpanzé differiscono per centinaia di caratteristiche biologiche e culturali, ma condividono gran parte del loro DNA e discendono da un antenato comune vissuto forse 6 milioni di anni fa. Da che momento in poi della storia evolutiva si pos
Similar documents
View more...
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks