Please download to get full document.

View again

of 7
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

MetaMarathon 2010.e la tradizione. Gare di giochi tradizionali. REGOLAMENTO GENERALE Per contatti:

Category:

Presentations & Public Speaking

Publish on:

Views: 13 | Pages: 7

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
MetaMarathon 2010.e la tradizione Gare di giochi tradizionali Cognome Nome Domenica 16 Maggio REGOLAMENTO GENERALE Per contatti: Telefono oppure consulta il SITO WEB FINALITA Questa
Transcript
MetaMarathon 2010.e la tradizione Gare di giochi tradizionali Cognome Nome Domenica 16 Maggio REGOLAMENTO GENERALE Per contatti: Telefono oppure consulta il SITO WEB FINALITA Questa manifestazione viene organizzata da METASPORT e promossa dall Assessorato all Agricoltura dell Amministrazione Provinciale di Salerno e dalla UISP (Unione Italiana Sport per tutti)/lega Sport e Giochi Tradizionali. Lo scopo è quello di creare dei momenti di sano divertimento e di utile socializzazione per le giovani e giovanissime generazioni, ma vuole proporsi anche, come una valida operazione di recupero e di rivalutazione del modo di divertirsi di qualche anno fa, quando il gioco era molto diverso da quello odierno. La manifestazione si terrà il giorno 16 maggio 2010 in concomitanza con la MetaMarathon 2010 e coinvolgerà circa 200 bambini suddivisi in squadre miste maschi e femmine composte da 6 a 10 unità. Le squadre potranno essere formate in via spontanea, anche se la maggior parte di esse si costituiranno grazie alla collaborazione di comunità già esistenti, tra cui le scuole, le palestre, le parrocchie, i centri sportivi. Resta l obbligo per ogni singola squadra di presentarsi alla fase finale con propria divisa che sarà definita con la nostra organizzazione. Sulla stessa maglietta dovrà essere riportato sul dorso il nome del team, che potrà essere liberamente scelto dal gruppo facente parte della squadra. Sul davanti della stessa maglietta dovrà essere riportato il logo della MetaMarathon, e quello di uno sponsor commerciale o istituzionale che sarà definito dall organizzazione. E prevista, ad inizio manifestazione, una solenne cerimonia d apertura dei Giochi con una sfilata generale, dove tutte le squadre interessate saranno chiamate a partecipare. REGOLAMENTO TECNICO I bambini e il gioco sono i protagonisti principali della manifestazione: I responsabili organizzativi di Metasport e della UISP unici titolari dell attuazione del regolamento, devono agevolare, quanto più possibile, la grande richiesta di divertimento e di partecipazione al gioco che proviene dai giovani e giovanissimi atleti; A tal proposito, in rispetto ad uno dei principi ispiratori di quest iniziativa unica e particolare, deve essere privilegiata, nel modo più assoluto, la PARTECIPAZIONE a discapito della Competizione; Competizione sana e gioiosa che và salvaguardata e rispettata; L organizzazione si riserva, quindi, di prendere in considerazione, di volta in volta, tutte quelle decisioni, anche non previste espressamente dal Regolamento e che possano favorire la massima partecipazione possibile alle gare senza falsare, naturalmente, la stessa competizione. Eventuali assenze in squadra possono essere compensate con l inserimento, nelle varie specialità, di atleti di età più giovane. art. 1 La partecipazione ai giochi è riservata esclusivamente a ragazzi e ragazze che gareggiano ufficialmente in rappresentanza di una squadra che può essere espressione di una comunità, quindi anche di una singola scuola, di un associazione sportiva, di un oratorio o altro. Possono far parte della squadra, in aggiunta ai concorrenti ufficiali, ragazzi diversamente abili. Resta inteso che ogni responsabile tecnico dovrà segnalare preventivamente il nominativo del concorrente (uno) che gareggerà ai fini del punteggio della classifica a squadre. Tutti gli altri, anche i diversamente abili, gareggeranno esclusivamente per la classifica individuale. art. 2 Ogni atleta può scegliere di partecipare ad una o più discipline. art. 3 La partecipazione ai giochi è assolutamente gratuita, e dà diritto alla maglietta della propria squadra e al ritiro del un pacco gara della manifestazione. I colori della maglietta devono essere concordati con la manifestazione. Per evidenti motivi di sicurezza e di responsabilità resta l obbligo per ogni atleta impegnato in qualunque fase della manifestazione di sottoscrivere una tessera assicurativa annuale con l ente di promozione sportiva UISP (Unione Italiana Sport per Tutti). Il costo della tessera assicurativa annuale è di 3,00. art. 4 La manifestazione è riservata a bambini e ragazzi nati nel seguente periodo: Dal 01/01/1997 al 31/12/2001; art. 5 Sono previste gare per squadre miste composte da femmine e maschi. art. 6 Il termine ultimo per presentare l elenco completo di ciascuna squadra è fissato per il 6 maggio art. 7 I nominativi degli atleti vanno riportati nell apposito modellino prestampato fornito dall organizzazione e differenziati per settore, specificando data e luogo di nascita di ogni concorrente (si raccomanda la massima correttezza e sportività) art 8 - Ogni squadra dovrà segnalare il nominativo di un Responsabile Tecnico. art. 9 Per la gara di Tiro alla Fune le formazioni delle squadre, possono essere decise dai Responsabili Tecnici della squadra attraverso una selezione non necessariamente basata sulla competizione tra squadre già predefinite. L importante è mandare in finale sei concorrenti per squadra in linea con quanto previsto dal regolamento specifico della disciplina.(vedere regolamento specifico ) art La vittoria a squadre scaturirà attraverso la somma dei punteggi dei vari piazzamenti individuali o di squadra (per il tiro alla fune), nei vari giochi. Il criterio di calcolo definitivo dei punteggi sarà consegnato ai Responsabili Tecnici delle squadre almeno 2 giorni prima dell evento. art. 11 Saranno premiati in forma ufficiale con la consegna di medaglie di diverso colore i primi tre classificati di ogni disciplina sportiva. art Alla squadra vincitrice della classifica generale verrà assegnato il I Trofeo Montepruno dei Giochi Tradizionali del Vallo di Diano, saranno assegnati Trofei anche alle squadre che si classificano al secondo e terzo posto. art Tutti i partecipanti sono tenuti all accettazione e all osservazione del presente regolamento. Per eventuali casi non contemplati nel presente regolamento sarà determinante il parere della COMMISSIONE DISCIPLINARE. art. 14 Avverso la decisione degli arbitri potrà essere presentato ricorso scritto da parte del responsabile della squadra. Lo stesso reclamo deve essere inoltrato alla Commissione entro e non oltre il termine di 30 minuti dalla conclusione della stessa gara. La stessa Commissione provvederà a fornire parere favorevole o contrario. art. 15 La decisione finale della Commissione Disciplinare è assolutamente insindacabile, quindi definitiva. art. 16 Tutta la documentazione richiesta, e/o eventuali comunicazioni, possono essere trasmessi al seguente indirizzo di Posta Elettronica: Visto l alto significato culturale e sociale della manifestazione ci si attende un comportamento improntato da un profondo e convinto spirito sportivo e partecipativo. N.B. È fatto obbligo alle squadre di essere presenti dall orario di apertura mattutina fino alla conclusione ufficiale delle gare. DISCIPLINE SPORTIVE (oggetto della competizione 2010): 1) Corsa con i sacchi N. 3 iscritti per squadra; 2) Corsa con l uovo N. 2 iscritti per squadra; 3) Tiro alla fune N. 6 iscritti per squadra; 4) Il Cerchio (u ruoddru) N. 1 iscritto per squadra; - 2 - CORSA CON I SACCHI art. 1 Le gare si disputano su un percorso pianeggiante diviso in corsie lunghe metri circa e larghe 1 metro circa. art. 2 Ogni concorrente condizionato dalla presenza di un sacco intorno agli arti inferiori dovrà percorrere l intero tracciato procedendo a balzi e con il busto eretto. art. 3 Il sacco deve essere sorretto obbligatoriamente con le sole mani. Le dimensioni del sacco devono essere tali da non permettere al suo interno dei movimenti significativi da parte dell atleta quali camminare. art. 4 Può riprendere la gara il concorrente che dopo essere finito per terra riesce a rimettersi nella posizione iniziale. Deve, comunque, ripartire dal punto preciso dove si era interrotta la corsa. art. 5 E escluso dalla gara e retrocesso all ultimo posto il concorrente che, durante la corsa, invade la corsia avversaria danneggiando in modo evidente l avversario. Non sono considerate invasioni di corsia gli sconfinamenti involontari causati da cadute. art. 6 E squalificato, inoltre, quel concorrente che durante la corsa viene aiutato, o solo sorretto, da un altra persona o che si presenta sulla linea del traguardo privo del sacco. art. 7 La posizione del concorrente che non riesce ad ultimare l intero percorso viene ritenuta valida fino al punto dove si è interrotta la gara. La maggiore distanza percorsa rispetto ad altri concorrenti sancirà la precedenza anche nella classifica finale. art. 8 I concorrenti che riescono ad ultimare per intero il percorso senza aver commesso, nessuna infrazione, indipendentemente dalla posizione occupata all arrivo, precederanno, comunque tutti i concorrenti esclusi per i motivi sopra elencati CORSA CON L UOVO art. 1 La gara si disputa su un percorso pianeggiante diviso in corsie lungo metri circa e larghe 1 metro circa. art. 2 Ogni concorrente dovrà percorrere l intero tracciato sorreggendo con la sola bocca un cucchiaio di plastica con dentro un uovo. art. 3 I concorrenti sono obbligati a sorreggere il cucchiaio esclusivamente con i denti. art. 4 Viene eliminato dalla gara il concorrente che durante la corsa fa cadere l uovo o che tenta di sorreggerlo aiutandosi con le mani. art. 5 E escluso dalla gara e retrocesso all ultimo posto il concorrente che, invade la corsia avversaria danneggiando in modo evidente l avversario. Non sono considerate invasioni di corsia gli sconfinamenti involontari causati da cadute. art. 6 La posizione del concorrente che non riesce ad ultimare l intero percorso viene ritenuta valida fino al punto dove si è interrotta la gara. La maggior distanza percorsa rispetto ad altri concorrenti sancirà la precedenza anche nella classifica finale. art. 7 I concorrenti che riescono ad ultimare il percorso, senza aver commesso nessuna infrazione, indipendentemente dalla posizione occupata all arrivo, precederanno, comunque, tutti i concorrenti esclusi per motivi sopra elencati. art. 8 I concorrenti devono tagliare il traguardo necessariamente con l uovo nel cucchiaio TIRO ALLA FUNE Squadre miste : sei concorrenti; art. 1 La gara è ad eliminazione diretta, vede coinvolte due squadre per volta. Si svolge su uno spiazzo pianeggiante diviso in due settori da una linea mediana. art. 2 I componenti delle due squadre si dispongono nei due settori alle estremità della corda impugnandola con entrambe le mani e sistemandosi ad una distanza di 1 mt l uno dall altro. art. 3 Il primo concorrente di ognuna delle due squadre posizionato in prossimità della linea divisoria deve disporsi ad una distanza di almeno 1,5 mt dalla linea stessa. art. 4 In prossimità del punto medio della corda viene legato un pezzo di stoffa. art. 5 Il giudice di gara, prima di dare l inizio alla competizione deve accertarsi che il pezzo di stoffa si trovi sulla verticale della linea mediana tracciata sul terreno. art. 6 Al segnale d inizio del giudice di gara le due squadre cominciano a tirare la fune cercando di trascinare la squadra avversaria al di qua della linea divisoria. art. 7 Sulla fune vengono posizionati precedentemente, due segnali ben visibili, da una parte e dall altra ed equidistanti dalla linea mediana. Viene dichiarata perdente la squadra che vede oltrepassare la linea centrale dell apposito segnale posizionato dal proprio lato. art. 8 È possibile usare le tecniche più disparate tranne che distendersi volutamente a peso morto sul terreno. Se un concorrente dovesse scivolare deve prontamente rialzarsi, riportandosi in posizione eretta. art. 9 È consigliato a tutti i partecipanti di gareggiare muniti di guanti (a carico delle singole squadre). art. 10 Le posizioni iniziali di impugnatura della fune verranno assegnate dal giudice. Durante la gara, i partecipanti non sono obbligati a rispettare le posizioni di partenza. art. 11 La gara si svolge su tre prove. Passa il turno la squadra che si aggiudica due prove. Per l eventuale terza prova, o bella, il campo verrà sorteggiato IL CERCHIO (u ruoddru) art. 1 La gara si disputa su un percorso pianeggiante. Sul tracciato sono sistemati una serie di porte in modo da ricavarne un tracciato non lineare. art. 2 Il concorrente e il cerchio devono passare obbligatoriamente all interno della porta. Il concorrente che dovesse saltare la porta deve ritornare indietro (prima della porta stessa) e rifare correttamente il passaggio. art. 3 I concorrenti prenderanno il via uno per volta e la classifica sarà stilata in base al responso cronometrico. art. 4 Sono previste due prove cronometrate per ciascun atleta e sarà preso in considerazione il miglior tempo parziale ottenuto. art. 5 Il cerchio dovrà essere spinto solo ed esclusivamente con l apposito manubrio. art. 6 Sia il concorrente che il cerchio devono attraversare la porta dall interno. art. 7 Per tutte le prove viene usato lo stesso cerchio e lo stesso manubrio (o copia perfettamente uguale). Gli oggetti saranno forniti dall organizzazione. art. 8 Può riprendere la gara quel concorrente il cui cerchio dovesse finire per terra o fuori percorso, deve comunque rimettersi nella posizione originale e ripartire dal punto preciso dove si era interrotta la corsa. Ogni qualvolta il cerchio viene toccato con le mani verrà assegnata la penalizzazione di un (1) secondo. art. 9 La posizione del concorrente che rinuncia a completare il percorso viene ritenuta valida fino al punto in cui si è interrotta la gara. La maggiore distanza percorsa rispetto ad altri concorrenti sancirà la precedenza anche nella classifica finale. art. 10 I concorrenti che riescono ad ultimare per intero il percorso, indipendentemente dal tempo impiegato e dalla posizione occupata all arrivo, precederanno comunque, tutti concorrenti che hanno interrotto prematuramente la prova. art Il percorso si ritiene ultimato quando cerchio e concorrente oltrepassano uno di seguito all altro il traguardo. art. 12 L uscita anticipata del solo cerchio (cerchio staccato dal concorrente perché lanciato a distanza) comporta la penalizzazione di 1 secondo
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks