Please download to get full document.

View again

of 93
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca P. T.O. F. PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA. (ex ART.1, COMMA 14, LEGGE N.

Category:

Novels

Publish on:

Views: 30 | Pages: 93

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore LUIGI di SAVOIA Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Viale Maraini, Rieti - RIIS00600C Tel. +39
Transcript
Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto di Istruzione Superiore LUIGI di SAVOIA Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Viale Maraini, Rieti - RIIS00600C Tel Fax Via Palmiro Togliatti SNC Via dell Agricoltura 1, Cittaducale (RI) - istruzione.it Sito Web: P. T.O. F. PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (ex ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015) a.s.2016/17 a.s.2017/18 a.s.2018/19 Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 27/10/2016 verbale n 2 Indice SEZIONE 1 - FINALITA E IDENTITA DELL ISTITUTO... 3 SEZIONE 2 - OBIETTIVI TRASVERSALI E PROFILI PROFESSIONALI... 5 SEZIONE 3 STRUTTURE DIDATTICHE DELL ISTITUTO SEZIONE 4 - ORGANIZZAZIONE DELL ISTITUTO SEZIONE 5 - GESTIONE DELL ISTITUTO SEZIONE 6 - INCLUSIONE SEZIONE 7 - BENESSERE E SALUTE SEZIONE 8 - INTERNAZIONALIZZAZIONE SEZIONE 9 - ORIENTAMENTO SEZIONE 10 - ALTERNANZA SCUOLA LAVORO SEZIONE 11 - AZIENDA AGRARIA SEZIONE 12 - INNOVAZIONE DIGITALE SEZIONE 13- ARRICCHIMENTO OFFERTA FORMATIVA VIAGGI D ISTRUZIONE SEZIONE 14- AUTOVALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO SEZIONE 15- DOCUMENTAZIONE ALLEGATA... 44 SEZIONE 1 FINALITA E IDENTITA DELL ISTITUTO 1.1 Identità culturale Istituito dal 1 settembre 2010 attraverso l accorpamento di due distinte realtà scolastiche: Istituto Tecnico Economico e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali, Turistici e Sociali, ha integrato, a partire dal 1 settembre 2014, l Istituto Tecnico Agraria Agroalimentare e Agroindustria di Rieti e L Istituto Professionale per l Agricoltura e i servizi rurali con sede a Cittaducale. Il nuovo I.I.S., pur nel rispetto e nella valorizzazione delle diverse storie ed esperienze delle diverse scuole oggi aggregate, tende a realizzare un progetto comune, anche in accordo con altri soggetti operanti sul territorio e rappresenta sicuramente un punto di riferimento nella formazione sia culturale che umana dei giovani, provenienti non solo da Rieti, ma anche dai paesi limitrofi. L Istituto: attua una diversificazione dell offerta formativa per rispondere alle esigenze professionalizzanti del territorio; si caratterizza per la solida base culturale che integra i saperi scientifici e tecnologici con i saperi linguistici e storico-sociali. Luigi di Savoia, duca degli Abruzzi ( ): ammiraglio, esploratore e alpinista italiano Molto rilievo è dato allo studio delle lingue straniere che viene affrontato con l ausilio di laboratori multimediali e con corsi di approfondimento tenuti da insegnanti di madrelingua, per ottenere importanti certificazioni linguistiche spendibili per gli studi universitari o nel mondo del lavoro (BEC-DELF-PET-FIRST-DELE). Per favorire lo studio attivo delle lingue straniere la scuola organizza, in collaborazione con Istituti europei, stage linguistici di una settimana. In quanto Test Center accreditato AICA per l attribuzione della Patente Europea del Computer, l Istituto offre agli studenti l opportunità di conseguire tale certificazione, ovunque riconosciuta, seguendo corsi interni. Viene riconfermata l istituzione del Centro sportivo scolastico, per le attività complementari di Scienze Motorie e l adesione dell Istituto ai Giochi sportivi studenteschi. 1.2 Finalità L Istituto intende: Favorire la collaborazione e la partecipazione: interagire in gruppo, comprendere i diversi punti divista, gestire la conflittualità e riconoscere i diritti fondamentali degli altri; l atteggiamento critico e la responsabilizzazione; la creatività e lo sviluppo armonico dell individuo. Garantire l uguaglianza, il diritto allo studio e le pari opportunità; lo sviluppo di competenze trasversali e culturali necessarie all esercizio della professione futura. Potenziare l impegno dell istituto nel ridurre nei giovani la tendenza all abbandono scolastico; l educazione alla convivenza civile, il rispetto delle diversità, degli ambienti e delle situazioni di convivenza quotidiana; la capacità di organizzare il proprio apprendimento e la capacità di comunicare e di cogliere messaggi di genere diverso; la capacità di elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro; l agire in modo autonomo e responsabile; la capacità di affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, proponendo soluzioni a seconda del tipo di problema; la capacità di orientamento negli studi e nel mondo del lavoro. Conseguire il successo formativo, valorizzando le eccellenze e le attitudini individuali, senza trascurare l attivazione di idonei interventi a vantaggio degli alunni che dovessero presentare carenze di preparazione o difficoltà di apprendimento. 1.3 Obiettivi formativi prioritari (ex c.7 art.1 L.107/2015) Le iniziative di potenziamento dell'offerta formativa e delle attività progettuali, segnatamente quelle descritte nel Piano di Miglioramento, tendono a raggiungere alcuni degli obiettivi formativi prioritari specificati nella norma in oggetto, in particolare quelli corrispondenti ai punti a), b), d), e), h), i), m) così definiti: a) valorizzazione e potenziamento delle competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell'unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning; b) potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche; d) sviluppo delle competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché della solidarietà e della cura dei beni comuni e della consapevolezza dei diritti e dei doveri; potenziamento delle conoscenze in materia giuridica ed economico-finanziaria e di educazione all'autoimprenditorialità; e) sviluppo di comportamenti responsabili ispirati alla conoscenza e al rispetto della legalità, della sostenibilità ambientale, dei beni paesaggistici, del patrimonio e delle attività culturali; h) sviluppo delle competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro; i) potenziamento delle metodologie laboratoriali e delle attività di laboratorio; m) valorizzazione della scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le organizzazioni del terzo settore e le imprese. SEZIONE 2 OBIETTIVI TRASVERSALI E PROFILI PROFESSIONALI 2.1- Obiettivi trasversali L IIS LUIGI di SAVOIA si pone l obiettivo di formare figure professionali che possiedano, oltre a una solida cultura generale e un ampia preparazione professionale, i requisiti necessari per rispondere alle attuali richieste del mondo del lavoro, anche in ambito europeo. L Istituto sente come proprio compito fondamentale formare un cittadino equilibrato e partecipe, che sia anche un individuo sereno, tollerante, responsabile, consapevole delle proprie possibilità, con mentalità flessibile, capace di rapportarsi facilmente con persone e culture diverse. Per realizzare tali figure professionali il PTOF si pone i seguenti obiettivi trasversali: sviluppare le capacità linguistico-espressive e la conoscenza dei linguaggi specifici; sviluppare l autonomia di pensiero e le capacità organizzative; sviluppare la flessibilità mentale e la capacità di affrontare e risolvere problemi nuovi e complessi; permettere l acquisizione di conoscenze, strumenti e metodi atti a risolvere i problemi inerenti la propria professionalità; permettere l acquisizione di capacità di gestione dei processi di informazione (selezione, aggregazione e interpretazione dati); sviluppare la conoscenza e la capacità di relazionarsi con le problematiche del mondo contemporaneo. In particolare, sul piano didattico, lo studente dovrà gradualmente 1. nel biennio: consolidare i pre-requisiti di base; comprendere e comunicare in modo corretto e coerente i contenuti nella loro problematicità e periodizzazione; 2. nel triennio: acquisire le conoscenze specialistiche delle discipline; sviluppare le capacità di analisi; organizzare le sue conoscenze in un ottica interdisciplinare; potenziare le capacità logico-operative, di riflessione critica; acquisire autonomia di studio; imparare a lavorare in gruppo con il metodo dei progetti. 2.2 Profili professionali (per tutti i quadri orari relativi ai vari indirizzi, vedi Allegato1) 1- Profilo professionale del diplomato nell Istituto Tecnico Economico a indirizzo Amministrazione, finanza e marketing (AFM) Il diplomato in Amm.ne Finanza e Marketing, oltre a possedere una buona cultura generale accompagnata da adeguate capacità linguistico-espressive e logico-interpretative, ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Attraverso il percorso generale, è in grado di: rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali; redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali; gestire adempimenti di natura fiscale; collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda; svolgere attività di marketing; collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali; utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione, finanza e marketing Sbocchi occupazionali Il diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing occupa ruoli decisionali ed organizzativi nei seguenti settori: Uffici amministrativi, commerciali, del personale e di marketing di tutte le aziende operanti in ogni settore dell economia; Enti pubblici (ASL, INPS, INAIL, Comuni, Province, Regioni, Scuole, camere di Commercio ecc.) Amministrazione finanziaria (uffici Iva, Agenzia delle Entrate ecc.) Studi professionali (commercialisti, consulenti del lavoro, promotori finanziari, notai, avvocati ecc.) Imprese bancarie e assicurative Associazioni di categoria ( Ascom, Coldiretti, Ass. Artigiani, Ass. sindacali ecc.) Oppure può proseguire gli studi: Con il diploma è consentito l accesso a tutte le facoltà universitarie, in particolare a quelle a carattere economico e giuridico, e a corsi d istruzione post diploma. 2- Profilo professionale del diplomato nell Istituto Tecnico Economico a indirizzo Sistemi informativi aziendali (SIA) Il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della gestione del sistema informativo aziendale sia alla valutazione, alla scelta e all adattamento di software applicativi. Tali attività sono tese a migliorare l efficienza aziendale attraverso la realizzazione di nuove procedure, con particolare riguardo al sistema di archiviazione, all organizzazione della comunicazione in rete e alla sicurezza informatica. Il diplomato SIA, oltre a possedere una consistente cultura generale accompagnata da buone capacità linguisticoespressive e logico-interpretative, avrà conoscenze ampie e sistematiche dei processi che caratterizzano la gestione aziendale sotto il profilo economico, giuridico, organizzativo, contabile e informatico. In particolare egli dovrà essere in grado di intervenire nei processi di analisi, sviluppo e controllo di sistemi informativi automatizzati per adeguarli alle esigenze aziendali e contribuire a realizzare nuove procedure. In sintesi, il diplomato acquisisce competenze in tema di: capacità di leggere ed interpretare il sistema azienda nei suoi modelli, processi e flussi informativi da applicare alle specifiche tipologie aziendali; utilizzo di tecnologie e programmi informatici dedicati alla gestione amministrativo-finanziaria; capacità di utilizzare programmi per la gestione della contabilità integrata è inoltre in grado di: gestire le reti informatiche e la loro sicurezza creare software applicativo gestionale analizzare, sviluppare e controllare i sistemi informatici adeguandoli alle diverse necessità aziendali sviluppare la comunicazione tramite le tecnologie informatiche progettare e gestire siti web Sbocchi occupazionali Il diplomato può trovare inserimento lavorativo in aziende di produzione software centri elaborazioni dati società di servizi pubbliche e private aziende del settore industriale e del terziario avanzato Oppure può proseguire gli studi: Con il diploma è consentito l accesso a tutte le facoltà universitarie, in particolare a quelle a carattere economico e informatico, e a corsi d istruzione post diploma. 3- Profilo professionale del diplomato nell Istituto Tecnico Economico a indirizzo Relazioni Internazionali per il Marketing (RIM) Il profilo si caratterizza per il riferimento sia all ambito della comunicazione aziendale con l utilizzo di tre lingue straniere e appropriati strumenti tecnologici sia alla collaborazione nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geo-politiche e vari contesti lavorativi. Il diplomato specializzato è una figura professionale di operatore in azienda con ampie conoscenze tecnicolinguistiche. Queste, infatti, sono condizione indispensabile per un numero crescente di attività lavorative. L indirizzo è finalizzato alla formazione di una mentalità moderna, educata alle problematiche internazionali. Si caratterizza soprattutto per: lo studio approfondito di tre lingue straniere, con il rafforzamento del monte ore per le prime due lingue straniere (quinquennali) e l'inserimento di una terza lingua (a partire dal triennio), e con la presenza di esperti di madre lingua; per lo sviluppo di capacità nella comunicazione linguistica ed aziendale; l'introduzione dello studio della Storia dell'arte e del territorio per rispondere alle esigenze del settore linguistico-turistico; il rafforzamento dello studio della Lingua e della Letteratura Italiana e delle culture dei paesi delle lingue comprese nel piano di studi; l'insegnamento di Elementi di Legislazione e di Economia Aziendale, disciplina che introduce lo studente al quadro complessivo del mondo produttivo così da agevolarlo nell'apprendimento dei linguaggi afferenti il settore economico, giuridico, aziendale. Il diplomato ha buone competenze linguistiche-comunicative, capacità di raccogliere, organizzare ed elaborare informazioni, nonché conoscenze del mondo e dei problemi dell impresa, compresa una visione sistemica dell azienda e dei suoi sottosistemi e delle conoscenze relative all organizzazione dei vari settori di operatività. Sbocchi occupazionali Il diplomato in Relazioni Internazionali per il Marketing occupa ruoli di: Dirigente o dipendente in aziende private commerciali e di produzione, banche, studi professionali, agenzie finanziarie, assicurazioni Dirigente o dipendente in aziende private specifiche del settore informatico Consulente informatico Operatore nella gestione del sistema informativo automatizzato Dirigente o dipendente di amministrazioni pubbliche Imprenditore Dirigente o dipendente nelle agenzie turistiche Dirigente o dipendente in uffici di marketing ed in uffici di pubblicità e ricerche di mercato Oppure può proseguire gli studi: Con il diploma è consentito l accesso a tutte le facoltà universitarie, in particolare Economia, Giurisprudenza, Informatica Gestionale, Scienze Politiche e Sociologiche e Lingue Straniere, e a corsi d istruzione post diploma. 4- Profilo professionale del diplomato nell Istituto Tecnico Economico a indirizzo Turismo L'Istituto Tecnico per il Turismo forma studenti specializzati nella comunicazione, attraverso lo studio delle Lingue straniere in riferimento alle realtà turistiche e alle relazioni sociali e nella valorizzazione del territorio, attraverso lo studio delle risorse culturali, naturali ed artistiche. Al termine del corso il Diplomato sarà in grado di: gestire i servizi turistici valorizzando i beni artistici, culturali, artigianali ed enogastronomici; collaborare con enti pubblici e soggetti privati per definire progetti di miglioramento e di promozione turistica di un territorio; utilizzare strumenti informatici e programmi gestionali per proporre nuovi servizi turistici; usare tecniche di comunicazione multimediale per promuovere il turismo; riconoscere le tendenze dei mercati locali e nazionali per capire come questi influenzano il turismo; conoscere i fenomeni sociali ed economici dell'impresa turistica. Sbocchi occupazionali Il diplomato dell Istituto Tecnico Turistico opera, con ruoli di responsabilità, nei settori della produzione e commercializzazione dei servizi turistici in Italia e all estero e nei settori legati all import - export. Trova impiego presso: agenzie di viaggio e di pubblicità imprese di comunicazione strutture ricettive enti pubblici e privati del settore turistico Oppure può proseguire gli studi: Con il diploma è consentito l accesso a tutte le facoltà universitarie, in particolare a quelle a carattere economico, turistico e linguistico e a corsi d istruzione post diploma. 5- Profilo professionale del Diplomato nell Istituto Tecnico Agraria, Agroalimentare e Agroindustria Il diplomato in questo settore ha competenze nel campo dell organizzazione e della gestione delle attività produttive, trasformative e valorizzative del settore, con attenzione alla qualità dei prodotti ed al rispetto dell ambiente; interviene, altresì, in aspetti relativi alla gestione del territorio, con specifico riguardo agli equilibri ambientali e a quelli idrogeologici e paesaggistici. In particolare, è in grado di: collaborare alla realizzazione di processi produttivi ecosostenibili, vegetali e animali, applicando i risultati delle ricerche più avanzate; controllare la qualità delle produzioni sotto il profilo fisico-chimico, igienico ed organolettico; individuare esigenze locali per il miglioramento dell ambiente mediante controlli con opportuni indicatori e intervenire nella protezione dei suoli e delle strutture paesaggistiche, a sostegno degli insediamenti e della vita rurale; intervenire nel settore della trasformazione dei prodotti attivando processi tecnologici e biotecnologici per ottenere qualità ed economicità dei risultati e gestire, inoltre, il corretto smaltimento e riutilizzazione dei reflui e dei residui; controllare con i metodi contabili ed economici le predette attività, redigendo documenti contabili, preventivi e consuntivi, rilevando indici di efficienza ed emettendo giudizi di convenienza; esprimere giudizi di valore su beni, diritti e servizi; effettuare operazioni catastali di rilievo e di conservazione; interpretare carte tematiche e collaborare in attività di gestione del territorio; rilevare condizioni di disagio ambientale e progettare interventi a protezione delle zone di rischio; collaborare nella gestione delle attività di promozione e commercializzazione dei prodotti agrari ed agroindustriali; collaborare nella pianificazione delle attività aziendali facilitando riscontri di trasparenza e tracciabilità Sbocchi occupazionali Libero professionista previo superamento dell esame di abilitazione e iscrizione all albo dei PERITI AGRARI Collaborazione professionale nei seguenti settori: perito assicuratore per la stima di danni alle colture agrarie; titolarità, direzione e conduzione di fitofarmacie, progettista di piccole costruzioni rurali; eseguire progetti e gestire la manutenzione di parchi e giardini; est
Similar documents
View more...
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks