Please download to get full document.

View again

of 10
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

Numero Verde

Category:

Nature & Wildlife

Publish on:

Views: 25 | Pages: 10

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
Le informazioni contenute in questo catalogo sono conformi alla data di stampa 10/2016. Nel quadro di una politica di miglioramento continuo del prodotto, Suzuki Italia S.p.A. si riserva il diritto di
Transcript
Le informazioni contenute in questo catalogo sono conformi alla data di stampa 10/2016. Nel quadro di una politica di miglioramento continuo del prodotto, Suzuki Italia S.p.A. si riserva il diritto di modificare in ogni momento le specifiche dei modelli descritti. Le modifiche saranno notificate presso la rete ufficiale Suzuki e pubblicate sul sito A causa dei limiti tecnici di stampa i colori riprodotti in questo catalogo possono differire sensibilmente dai colori reali. Tutti i diritti sono riservati. Riproduzione vietata. /SuzukiMotorcycleItalia Numero Verde Si ricorda sempre di indossare il casco, gli occhiali e l'abbigliamento tecnico adeguato. Si prega di guidare sempre con prudenza. Si prega di leggere sempre il manuale d'uso e manutenzione. Non guidare dopo aver bevuto alcolici o assunto droghe moto.suzuki.it Il Way of Life! è il cuore del marchio Suzuki - tutte le moto gli scooter, le automobili e i motori fuoribordo sono realizzati per regalare tutti i giorni emozioni e divertimento ai nostri clienti. Sono passati 30 anni e più di un milione di esemplari venduti da quando la GSX-R ha fatto il suo debutto sul mercato. Sono invece 15 gli anni trascorsi da quando la GSX-R1000 ha rivoluzionato il panorama delle moto supersportive. Oggi la sesta generazione di GSX-R ridefinisce il concetto di Top Performer, raccogliendo in sè tutta la passione e l esperienza degli ingegneri Suzuki, per i quali la sigla GSX-R rappresenta non solo un progetto sportivo ma un impegno lungo una vita. Uomini che amano guidare, che amano le corse e che hanno lavorato per riportare la GSX-R1000 nel posto che le spetta: sul trono delle supersportive. La più veloce e potente GSX-R mai prodotta titoli in 15 anni CAMPIONI DEL MONDO ENDURANCE 1 8 vittorie in 15 anni 24 Ore di Le Mans 1 10 titoli in 15 anni CAMPIONI AMA SUPERBIKE 1 11 vittorie in 15 anni 24 Ore del Bol D Or La più compatta, la più aerodinamica e maneggevole di sempre. Con una risposta del motore sempre pronta e una efficiente combustione. Dotata di un elettronica tecnologicamente avanzata, che non richiede nessuna competenza specifica per essere domata. La GSX-R è stata realizzata per durare nel tempo e consentire ad ogni motociclista di trasformarsi in un vero pilota. Ideata sulla base dell esperienza maturata in 30 anni di supremazia nelle competizioni: dalla Superbike al mondiale Endurance, passando per la tecnologia sviluppata per la MotoGP. Con il suo look aggressivo è la più avanzata e emozionante GSX-R della storia. Own The Racetrack Disponibile in due versioni: la standard GSX-R1000 e la serie limitata. Entrambe le versioni sono omologate per circolare su strada, ma una volta tolti gli specchietti, la targa e coperte le luci sono immediatamente pronte per aggredire la pista. Il cuore del progetto, il nuovo potentissimo motore, batte in entrambe le versioni e sembra avere un solo unico messaggio per il pilota: Own The Racetrack. 02 Nella foto la 03 Design Integrato. Completamente Nuovo Tutto ha avuto inizio con un obiettivo preciso: riportare la GSX-R1000 ad essere la migliore moto supersportiva. Questo è stato il focus del progetto GSX-R. Tre sono stati gli elementi imprescindibili per questo obiettivo: in inglese suonano come Run. Turn. Stop, ovvero essere più veloce, curvare meglio, e frenare più forte, per far sì che la nuova GSX-R sia più potente e guidabile di ogni rivale. Run: realizzare una moto completamente nuova, più compatta, con un motore leggero, dotato di potenza ai vertici della categoria in tutti i regimi di utilizzo. Una moto perfettamente bilanciata per un utilizzo sia in strada sia in pista. Turn & Stop: un nuovo e compatto telaio in grado di assicurare l adeguato bilanciamento tra maneggevolezza e stabilità, per una sensazione di sicurezza in frenata e in curva. Inoltre l elettronica è evoluta e intuitiva; l aerodinamica è progettata in galleria del vento, per permettere alla GSX-R di raggiungere velocità elevate in pista e proteggere il pilota da fastidiose turbolenze in strada. In breve l obiettivo, raggiunto, è stato quello di realizzare una perfetta combinazione di affidabilità, facilità d utilizzo ed elevate performance per tutti i motociclisti e anche per i piloti professionisti. Gran parte del lavoro è stato dedicato ai dettagli. La dimensione del motore, il suo design, la sua integrazione con la ciclistica. Tutto è connesso: dalla linea del serbatoio, all airbox; dalle prese d aria frontali, ai condotti di aspirazione e alla larghezza complessiva del telaio. Anche l angolo d inclinazione dei cilindri e la posizione del corpo farfallato sono direttamente connesse alle dimensioni ciclistiche e influenzano positivamente l efficienza di combustione e la risposta all acceleratore. Tutti gli ingegneri, dai progettisti ai motoristi, dai telaisti agli elettronici, hanno lavorato insieme per realizzare questa sconvolgente GSX-R. RUN TURN STOP 04 GSX-R Motore Compatto. Massima Potenza ad Ogni Regime d Utilizzo. Il team di sviluppo del motore ha focalizzato i propri obiettivi su: maggiore potenza agli alti regimi, eccellente erogazione e facilità di guida anche ai bassi e medi regimi. Un quattro cilindri in linea compatto e leggero; distribuzione a doppio albero a camme in testa; quattro valvole in titanio per cilindro con angolo d inclinazione ridotto; rapporto alesaggio/corsa più superquadro rispetto al predecessore; maggiore rapporto di compressione e regime massimo. 999,8 cm 3 di cilindrata con un rapporto alesaggio/corsa di 76 mm/55,1 mm. Nuove valvole con steli più sottili che adottano la tecnologia sviluppata in MotoGP, e ancora albero a camme alleggerito con trasmissione del motore con bilancieri a dito e non più con bicchierini. Ogni bilanciere a dito è più leggero rispetto ai bicchierini (10 grammi contro 16), e la sua massa in movimento è di soli 3 grammi. Il minor peso delle masse in movimento permette una risposta delle valvole più pronta e precisa. Il design dei bilancieri a dito deriva direttamente dalla MotoGP del Team Ecstar, così come il trattamento DLC che ne aumenta la durata. SR-VVT Inoltre i piattelli delle molle valvole in alluminio sono sostituiti da più sottili piattelli in acciaio riducendo l altezza complessiva del gruppo valvola. Broad Power System 06 Le nuove valvole di scarico in titanio sostituiscono le precedenti in acciaio, sono ora leggermente più piccole (24 mm contro 25 mm) ma più leggere di ben 8,2 grammi ciascuna. La riduzione del peso delle valvole di scarico contribuisce alla capacità del motore di girare più in alto; mentre le valvole di aspirazione, sempre in titanio, sono più grandi (31,5 mm contro 30 mm) e migliorano l erogazione del motore agli alti regimi. 4 tempi, 4 cilindri, raffreddato a liquido, da 999,8 cm 3 DOHC Suzuki ha sviluppato il sistema di fasatura variabile SR-VVT (Suzuki Racing Variable Valve Timing), il sistema di gestione dei fumi di scarico (SET-A), e quello d iniezione (S-TFI). Questi tre strumenti insieme formano il Broad Power System e consentono di aumentare le performance agli alti regimi, senza penalizzare i bassi/medi regimi. Il risultato ottenuto è una potenza elevata e lineare, con una migliore erogazione ad ogni regime. Il sistema di fasatura variabile SR-VVT sviluppato per la MotoGP è semplice, compatto e leggero. Il sistema è integrato nella ruota dentata della camma di aspirazione, nella quale scorrono 12 sfere di acciaio. Lo scorrimento delle sfere è dettato dalla naturale forza centrifuga. Ai bassi regimi le sfere mantengono la posizione vicino al centro di rotazione, mentre all aumentare dei giri del motore le sfere vengono spinte verso l esterno della ruota dentata. Questo consente di ritardare l alzata delle valvole ad un regime di giri preimpostato e di guadagnare così spinta agli alti regimi, senza perdere nulla a quelli bassi. Le caratteristiche principali del sistema SR-VVT sono la sua compattezza, il peso ridotto, la sua durata e facilità di funzionamento. Broad Power System VVT ai bassi regimi SET-A S-TFI L azione graduale e non discontinua del sistema di fasatura si fa apprezzare per le sue caratteristiche tecniche: potenza agli alti regimi, senza sacrificare i bassi e i medi. Il sistema SR-VVT è integrato al motore, non richiede l aggiunta di nessuna appendice, non occupa spazio ed ha un peso davvero irrisorio. Meccanismi VVT VVT agli alti regimi 07 Il nuovo sistema di scarico della GSX-R1000 è un 4-in-2-in-1 di ultima generazione denominato Suzuki Advanced Exhaust System (S-AES), in acciaio e privo di saldature, progettato per migliorare l erogazione agli alti regimi senza peggiorarla ai bassi e medi. Per lungo tempo le GSX-R hanno utilizzato un sistema basato su una valvola a farfalla servo-assistita, posta nel collettore centrale, regolando la contropressione di scarico per ottimizzare la coppia erogata in base alla posizione dell acceleratore e della marcia inserita. Sulla nuova GSX-R1000 viene invece adottato il nuovo sistema SET-A (Suzuki Exhaust Tuning Alpha). I collettori del cilindro 1 e 4, e 2 e 3 sono rispettivamente collegati da dei connettori dotati di valvole di regolazione del flusso. Sistema SET-A Le valvole a farfalla all interno dei connettori sono servo-assistite e agiscono in relazione ai giri del motore. Rimangono chiuse a basso numero di giri, per aprirsi gradualmente all aumentare del regime motore. Ogni pistone è in alluminio forgiato; l altezza del mantello è ridotta e la relativa superficie, accuratamente lavorata, riduce il peso e l attrito dovuto allo scorrimento. Lo spinotto subisce il trattamento DLC (Diamond-Like Carbon) che ne riduce l attrito, mentre il cielo del pistone è lavorato per aumentare la compressione e migliorare l efficienza di combustione. La fascia elastica superiore, progettata con una particolare forma a L viene spinta contro le pareti del cilindro della pressione generata in combustione, riducendo il rischio di blow-by e migliorando la tenuta. La fascia raschia-olio subisce un trattamento di rivestimento al nitruro di cromo, che la rende più resistente e liscia rispetto alla convenzionale cromatura, riducendo così il coefficiente d attrito e aumentando la vita utile. I pistoni sono collegati a bielle al cromo-molibdeno sulle quali viene eseguito un trattamento di cementazione che ne aumenta la robustezza. I cilindri sono integrati nel carter superiore e sono rivestiti con un trattamento al nichel-fosforo-silicio-carbonio sviluppato eccezionalmente dal reparto corse Suzuki, denominato SCEM (Suzuki Composite Electrochemical Material). Grazie a questa lavorazione è possibile ridurre l'attrito e migliorare il trasferimento di calore, così come la durata delle fasce. I cilindri sono dotati di fori di compensazione che consentono all aria intrappolata sotto ogni pistone, nella sua fase discendente, di trasferirsi facilmente verso i cilindri adiacenti, nei quali i pistoni sono in fase ascendente. Questo per attenuare l effetto pompa riducendo la relativa perdita di potenza meccanica e contribuendo ad una migliore tenuta. L'accurata progettazione dei passaggi interni del refrigerante migliora notevolmente il raffreddamento del motore. Un nuovo radiatore, di maggiore capacità e dotato di doppia ventola, contribuisce a rendere il sistema di raffreddamento più efficiente anche con una quantità inferiore di liquido refrigerante, contribuendo alla riduzione del peso. Il nuovo cambio a sei marce come il precedente modello è disposto trasversalmente in modo da ridurre la lunghezza complessiva del motore. Gli ingranaggi sono stati riprogettati conseguentemente all'aumento di potenza. Il sistema di antisaltellamento denominato Suzuki Clutch Assist System (S-CAS) è di nuova concezione. In caso di violente scalate impedisce il saltellamento della ruota posteriore facendo slittare i dischi della frizione in modo controllato per un ingresso in curva più fluido, sicuro e veloce. L utilizzo di molle frizione più morbide migliora inoltre il feeling alla leva nonchè riduce lo sforzo per tirarla. Scatola del filtro aria e corpo farfallato S-DSI Bassi regimi Sistema di aspirazione Alti regimi Corpi Farfallati Ride By Wire I nuovi corpi farfallati sono 19 mm più corti, più leggeri e compatti rispetto ai precedenti, con un diametro interno più grande (di 2 mm). Ognuno è dotato di una valvola a farfalla, attivata da un sistema di gestione elettronica. Ogni cilindro è alimentato da due iniettori a 10 fori. Un iniettore viene installato nel corpo farfallato e opera ogni volta che il motore è in funzione. Il secondo invece, dalla quale ha origine il nuovo sistema di alimentazione Suzuki Top Feed Injector (TFI), è montato nella parte superiore della scatola del filtro aria e funziona esclusivamente a regimi più elevati. L iniettore TFI fornisce combustibile aggiuntivo migliorando la dinamica di spruzzo dello stesso, incrementando l'efficienza di combustione e la potenza massima. Suzuki Dual-Stage Intake (S-DSI) System Il nuovo sistema Suzuki Dual Stage-Intake System (S-DSI) offre i vantaggi di un sistema d aspirazione costituito da collettori ad altezza variabile, senza aggiunta di peso o di costo, e senza insorgere in complicazioni tecniche. Il sistema di aspirazione a doppio stadio è costituito da due collettori di altezza diversa posizionati uno, quello corto, all interno dell altro con un vuoto tra i due. Il sistema S-DSI è presente sul 1 e 4 cilindro mentre è di tipo tradizionale sul 2 e 3. Il nuovo design permette di trarre vantaggio sia ai bassi sia ai medi regimi in quanto la maggior parte dell aria confluisce attraverso l imbuto più lungo, in modo da aumentare sia la potenza media sia la coppia. A regimi più elevati, invece, l aria scorre intorno alla base del collettore superiore più lungo ed entra direttamente in quello più corto sottostante, aumentando così la potenza massima. La combinazione dei due collettori S-DSI e dei due collettori convenzionali aiuta a produrre una più ampia fascia di potenza, e migliora l erogazione del motore rendendola più fluida Elettronica Avanzata. Nuova Piattaforma Inerziale. Il sistema di gestione del motore basato su una piattaforma inerziale IMU è controllato dalla centralina ECM (Engine Control Module) dotata di doppio processore a 32-bit. Quando il pilota agisce sul comando del gas, la ECM legge la posizione dello stesso e dell albero motore, i giri motore, la marcia inserita, la velocità di entrambe le ruote, la posizione e l angolazione forniti dalla piattaforma inerziale IMU e la percentuale di ossigeno contenuta nei gas di scarico. Il sistema agisce sull apertura e chiusura della valvola a farfalla migliorando l erogazione del motore. Questo massimizza la velocità di aspirazione e produce una combustione il più efficace possibile. Il risultato è una risposta lineare all acceleratore lungo tutto l arco di utilizzo; una maggiore coppia e la riduzione dei consumi a tutti i regimi. IMU: Pieno Controllo della GSX-R Il sistema di gestione elettronica avanzata della nuova GSX-R1000 raccoglie le informazioni derivate dalla piattaforma inerziale (IMU) che monitora il movimento e la posizione della moto in 6 direzioni, lungo tre assi, beccheggio, rollio e imbardata. Il monitoraggio avviene in tempo reale e consente di adeguare la risposta del motore all esigenza del pilota. L IMU garantisce quindi un ottima trazione, fornendo l aiuto necessario per essere più precisi ed efficaci in frenata e in percorrenza di curva. La gestione elettronica adottata sulla nuova GSX-R1000 è un prodotto di ingegneria avanzata, sviluppata per le competizioni in MotoGP. Suzuki Drive Mode Selector (S-DMS) e Sistema di Controllo della Trazione Utilizzando il pulsante posto alla sinistra del manubrio il pilota può selezionare tre differenti mappature atte ad adeguare potenza e coppia alle diverse condizioni: dalla guida in circuito alle strade strette e tortuose dei passi montani; dal traffico urbano dell ora di punta alle autostrade veloci. Il sistema S-DMS si integra perfettamente con il controllo di trazione a 10 livelli (TCS), offrendo al pilota una grande varietà di scelte per poter avere l equilibrio prestazionale ideale in ogni situazione. Piattaforma inerziale IMU / 6-direzioni, lungo 3 assi, beccheggio, rollio e imbardata. Foto: GSX-R1000 Pulsante selezione mappature ECM IMU Sensore posizione acceleratore Sensore velocità ruota posteriore Sensore marcia inserita Sensore giri del motore Sensore Valvola a Farfalla Sensore velocità ruota anteriore Motion Track TCS (Traction Control System) Il sistema Suzuki Advanced Motion Track TCS consente al pilota di selezionare 10 diversi livelli di intervento del controllo di trazione, a seconda della strada o delle condizioni di pista, ma anche in base alle preferenze personali e all esperienza. I diversi livelli di intervento del TCS possono essere selezionati durante la guida. Il controllo di trazione TCS monitora continuamente la velocità della ruota anteriore e posteriore, la posizione dell acceleratore, la posizione dell albero motore, del cambio e del movimento della moto lungo i tre assi, e instantaneamente regola la potenza del motore quando viene rilevata o addirittura prevista una perdita di trazione. La gestione della potenza è ottenuta intervenendo sul sistema d accensione e sull apertura della valvola a farfalla. Il TCS legge i segnali provenienti dai sensori ogni 4 millisecondi per una risposta sempre precisa. Inoltre, utilizzando gli input che arrivano dalla piattaforma inerziale IMU, l ECM è in grado di calcolare la posizione della moto su 6 direzioni (lungo 3 assi, beccheggio, rollio e imbardata), per garantire un controllo di trazione più preciso e meno invasivo possibile. 10 Livelli di Settaggio del Motion Track TCS (Traction Control) Il pilota può scegliere tra 10 differenti livelli di intervento del Traction Control: la modalità 1 è la meno invasiva, mentre la modalità 10 rappresenta il livello massimo di intervento. Le modalità dalla 1 alla 4 sono pensate per la guida in pista; quelle dalla 5 alla 8 sono studiate per la guida su strada; infine la 9 e la 10 sono ideali quando il manto stradale è molto rovinato o sdrucciolevole. Quando il Traction Control è settato sulle modalità da pista consente un certo pattinamento della ruota posteriore, ideale per un pilota esperto che predilige un intervento minimo dell elettronica. Al contrario le modalità dalla 5 alla 8 prevedono un maggiore intervento dell elettronica. Quando la moto raggiunge un determinato angolo di piega, il sistema addolcisce la risposta del gas, e quando il sensore rileva un pattinamento della ruota posteriore, la potenza viene istantaneamente adeguata. Le modalità 9 e 10 sono le più invasive e diventano assolutamente necessarie quando le condizioni di guida sono al limite, specialmente quando si guida una GSX-R Una spia sul cruscotto segnala l intervento del Traction Control, mentre sul display, affianco all indicatore della mappa S-DMS, è leggibile nel dettaglio quale modalità del TCS è selezionata. Low RPM Assist Il nuovo sistema Low RPM Assist monitora e regola automaticamente i giri del motore in fase di partenza, o a basse velocità. Il sistema rende più facili e sicure le ripartenze e le manovre nel traffico. Suzuki Easy Start System La centralina ECM gestisce anche il nuovo one-touch Suzuki Easy Start System e il sistema di gestione del mimino migliorano l'avviamento a freddo, riducendo le emissioni e stabilizzando il minimo. Il tutto in funzione della temperatura del liquido di raffreddamento. Il Suzuki Easy Start System permette di avviare automaticamente il motore con un unico e breve tocco del pulsante di avviamento. Grazie al nuovo sistema, se il cambio è in folle, non è necessario agire sulla leva della frizione per avviare il motore. Launch Control () Il Launch Control è in dotazione solo sulla versione R e rende più facile scattare dalla griglia e ottenere così un ottima partenza in gara. Il sistema si occupa di regolare automaticamente i giri del motore in partenza ottimizzando l
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks