Please download to get full document.

View again

of 9
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

Relazione Programmatica per il 2016 dell Ufficio dell Addetto Scientifico presso l Ambasciata d Italia a Città del Messico

Category:

Word Search

Publish on:

Views: 15 | Pages: 9

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
Relazione Programmatica per il 2016 dell Ufficio dell Addetto Scientifico presso l Ambasciata d Italia a Città del Messico 1. ASPETTI GENERALI Il Programma 2016 dell Ufficio dell Addetto Scientifico (AS)
Transcript
Relazione Programmatica per il 2016 dell Ufficio dell Addetto Scientifico presso l Ambasciata d Italia a Città del Messico 1. ASPETTI GENERALI Il Programma 2016 dell Ufficio dell Addetto Scientifico (AS) prevede attività in relazione alla cooperazione Scientifica e Tecnologica (S&T) tra Italia e Messico, in linea con gli obiettivi derivanti dal Programma Esecutivo (PE) di Cooperazione S&T per il triennio , con le risultanze emerse dalle iniziative e dai numerosi contatti con la rete di S&T italiana e messicana sviluppati nel corso dei primi nove mesi di attività e, infine, sulla base di valutazioni relative alle più probabili ed interessanti ricadute in campo tecnologico e industriale da nuovi settori di intervento. Il Programma 2016 dell Ufficio di S&T risulta inoltre in armonia con le linee guida e le strategie del Governo Italiano nel campo della politica della ricerca di base e industriale e con le raccomandazioni emerse anche nel corso della recente riunione plenaria degli Addetti Scientifici, che si è svolta a Roma nel mese di ottobre u.s.. 2. SCIENZA E TECNOLOGIA IN MESSICO La Ricerca scientifica e l Innovazione tecnologica sono uno dei pilastri sui quali si fonda la strategia di crescita dell attuale esecutivo messicano. Il Messico è la 15-esima economia mondiale. Nonostante le persistenti disuguaglianze, il Paese si colloca, a livello mondiale, tra quelli a reddito medio-alto, con indice di sviluppo umano alto (0.76). Il PIL 2014 risulta di 1,283 miliardi di US$, con reddito pro-capite di 10,230 US$ e una crescita dell ordine del 3% (http://www.worldbank.org/). Le recenti riforme istituzionali dell esecutivo in carica, prima fra tutte quella energetica, mirano a incrementare questa crescita. Tuttavia, il forte ribasso del prezzo del petrolio (una delle prime tre voci nelle entrate del Paese, insieme al turismo e alle rimesse degli emigrati) e una consistente svalutazione del peso rispetto al dollaro, fanno stimare che la crescita per il 2016 si attesterà intorno a un più modesto 2-2.5%. Malgrado le stime di crescita riviste al ribasso, il Presidente Peña Nieto ha confermato come l obiettivo del suo Governo sia quello di trasformare il Messico in una società della conoscenza. Per questo, durante i primi 3 anni della sua amministrazione, la spesa federale in S&T ha superato i 239 miliardi di pesos (1 euro equivale a circa 18 pesos), pari al doppio di quanto investito per un periodo di durata equivalente dalla precedente amministrazione. Per il 2016, nonostante le già annunciate misure di austerità, questo investimento crescerà di circa 5 miliardi di pesos rispetto al 2015, attestandosi intorno ai 90 miliardi di pesos. Tutto ciò, nel quadro di un piano federale che mira a portare, entro il 2018, l investimento in S&T all 1% del PIL (da confrontare con lo 0.35% di inizio mandato), al raddoppio del numero di ricercatori ogni mille abitanti e alla creazione di importanti infrastrutture finalizzate sia allo sviluppo delle scienze di base, sia al trasferimento della tecnologia verso il mondo imprenditoriale. Il coordinamento e la pianificazione strategica delle attività pubbliche nazionali di S&T vengono svolti in Messico dal Consejo Nacional de Investigación (CONACyT) che, oltre a ricoprire il ruolo di principale agenzia di finanziamento della ricerca, gestisce una trentina di Istituti di ricerca e trasferimento tecnologico, che vanno dalle scienze di base, all ingegneria, alle scienze umane e sociali. L attività di ricerca è svolta principalmente in Enti govervativi, come CINVESTAV (l omologo del CNR italiano e quello che, nel panorama messicano, genera la ricerca di più alto impatto internazionale), in centri specializzati facenti capo a singoli ministeri o stati, nei Laboratori Nazionali e nelle Università. Circa un terzo delle strutture pubbliche di ricerca e di alta formazione è concentrato nella capitale. La rete universitaria, nella quale operano sia il settore pubblico che quello privato, è piuttosto dispersa e, dal punto di vista della qualità, ha una struttura a macchia di leopardo, con alcune punte di eccellenza e molte istituzioni di livello decisamente basso, se comparate con gli standard europei. La Universidad Nacional Autónoma de México (UNAM), pubblica e con sede nella capitale e filiali in varie altre zone del paese, è la più prestigiosa e l unica tra le messicane ad apparire nei primi 300 posti dello Shanghai Ranking (http://www.shanghairanking.com/). Le altre eccellenze messicane, pur alquanto distanziate dalla UNAM nei ranking internazionali, sono la Universidad Autónoma Metropolitana (UAM) e l Instituto Politécnico Nacional (IPN) pubbliche -, il Tecnológico de Monterrey, la Universidad Iberoamericana e la Universidad Anáhuac - private. Molte di queste università e, in maniera particolare, l IPN, stanno attivando una serie di incubatori tecnologici a supporto delle start up scaturite sia dalla propria attività di ricerca che esterne. L appoggio alle start up è particolarmente forte anche in alcuni stati, dove le amministrazioni locali stanno dando notevole impulso alla nascita di parchi tecnologico-industriali, tra i quali vale la pena citare quello di Morelos (http://sicyt.morelos.gob.mx/articulos/parque-cientifico-y-tecnologico-morelos) e quello di Monterrey (http://www.piit.com.mx/). Dal 2010, anno in cui è stata istituita l Agenzia Spaziale Messicana (AEM), il Messico ha elaborato un piano di visione strategica (Vision 2030) che riporta 5 obiettivi principali e connesse strategie di attuazione. Il piano ambisce a fare del Messico un paese con capacità spaziali, grazie al coinvolgimento del settore pubblico e industriale privato, ma anche per mezzo di collaborazioni internazionali. Anche se il bilancio attuale di AEM si mantiene piuttosto limitato, l agenzia ha già stipulato numerosi accordi con sue omologhe a livello mondiale, tra le quali ASI. L accordo con ASI, firmato nel 2012, è stato arricchito da una appendice esecutiva, siglata nel giugno 2015, anche grazie al supporto dell Ufficio S&T di questa Ambasciata, che prevede attività di formazione congiunta. In particolare, nel corso dell estate 2015, alcuni ingegneri messicani hanno frequentato corsi di tecnologie radar in Italia. Gli investimenti messicani nella ricerca, come accennato sopra, si concretizzano anche nella istituzione di una serie di Laboratori Nazionali. Alcuni di questi sono già attivi (p. es. Il Laboratorio Nazionale di Genomica per la Biodiversità LANGEBIO), altri sono in fase di rodaggio (p. es. Il Laboratorio sui Materiali Grafenici e BioMimic sulla biodiversità e la patologia vegetale), mentre alcuni sono ancora in fase progettuale. Tra questi ultimi, vale la pena ricordare, anche per le potenzialità di collaborazione con l Italia, il Progetto Luce di Sincrotrone, che si programma di realizzare nello Stato di Morelos. A questo proposito, l Ufficio S&T di questa Ambasciata è in stretta e proficua collaborazione con la Secretaría de Innovación dello Stato e, in particolare, con la Secretaria, Dr. Brenda Valderrama Blanco. Se l opera in questione si concretizzerà l Italia, con i suoi scienziati riconosciuti nel campo, potrà giocare un ruolo chiave sia nella fase di progettazione che in quella di realizzazione e messa in opera della struttura. COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Come previsto dalla programmazione 2015 e come risulta dal messaggio di questa Ambasciata del luglio 2015, nel corso del 2015 l AS ha preso contatti con i suoi omologhi di varie Ambasciate, soprattutto europee, e con l Ufficio Relazioni Internazionali di CONACyT. 2 Le modalità e l entità delle risorse messe in campo dai vari Paesi nella cooperazione S&T con il Messico variano molto. Tuttavia si possono evincere alcune linee generali: 1. Si privilegiano i progetti congiunti nei quali i paesi cooperanti (anche l Unione Europea) intervengono su base 1:1. 2. Si privilegiano progetti che abbiano potenzialità di ricaduta industriale, anche sul tessuto delle PMI (vedi p.es. collaborazioni con Francia) 3. Oltre agli Stati Uniti, alcuni Paesi europei giocano la parte del leone. Regno Unito (recente Fondo Newton da 8 milioni di sterline) e Francia, in particolare, partecipano alla cooperazione S&T internazionale del Messico con alcuni milioni di euro all anno. 4. CONACyT ha firmato numerosi accordi bilaterali di S&T che prevedono la mobilità di studenti di dottorato e ricercatori. 5. CONACyT appoggia gli studenti messicani con borse di master e dottorato all estero. Sta recentemente cercando di diversificare le destinazioni rispetto a quelle tradizionali di USA e Canada, rivolgendo una maggiore attenzione all Europa. In questo momento le destinazioni europee privilegiate da CONACyT sono, in ordine di preferenza, Regno Unito, Francia, Spagna e Germania. Da informazioni non ufficiali, sembra che CONACyT si basi molto sui ranking internazionali per la scelta delle destinazioni dei suoi borsisti. Questo finisce per penalizzare molto l Italia. Sarà quindi necessario comunicare in maniera più articolata la presenza delle eccellenze accademiche del nostro Paese, andando oltre i criteri freddi utilizzati per stilare queste classifiche internazionali. COOPERAZIONE BILATERALE CON ITALIA La cooperazione S&T bilaterale tra Italia e Messico ha visto negli ultimi anni come pilastri fondamentali il Programma Esecutivo di cooperazione scientifica e tecnologica tra i due Ministeri degli Esteri (MAECI e SRE) - che da parte messicana è attualmente coordinato dalla Agencia Mexicana de Cooperación Internacional para el Desarrollo (AMEXCID) - e l analogo programma bilaterale tra CNR e CONACyT. Esistono poi numerosi accordi bilaterali attivi (almeno 50) tra università italiane e messicane, non tutti segnalati all Ambasciata, attraverso i quali si eseguono vari programmi di ricerca congiunti e scambi di ricercatori e studenti. È inoltre consistente anche una cooperazione informale tra singoli ricercatori o gruppi di ricerca che sfugge alla contabilità ufficiale, ma che è fonte di notevoli risultati scientifici e dimostrazione dell interesse reciproco tra gli attori scientifici dei due paesi. 3.MONITORAGGIO E PROMOZIONE DELLA COOPERAZIONE S&T BILATERALE PROTOCOLLO ESECUTIVO MAECI-AMEXCID Il Protocollo Esecutivo rappresenta in questo momento lo strumento guida principale per la promozione della collaborazione tra le istituzioni S&T italiane e messicane. In questo ambito sono in corso 12 progetti congiunti, di cui 5, da parte italiana, hanno ottenuto lo status di grande rilevanza, che comporta un finanziamento aggiuntivo, rispetto a quello di mobilità, per coprire spese di laboratorio. Come previsto dalla programmazione 2015, l Ufficio dell AS ha svolto una intensa attività di monitoraggio, visitando 8 dei 12 laboratori messicani coinvolti nel PE e avendo cura, quando possibile, di svolgere la visita in un momento in cui un membro del gruppo italiano corrispondente fosse presente in Messico. Complessivamente, l attività si svolge in maniera molto efficace e proficua. La maggior parte dei gruppi convolti ha portato a termine un programma intenso di 3 soggiorni. Solo per un paio di progetti si è registrato un solo soggiorno, mentre uno dei 12, che pur porterà a termine 2+2 soggiorni entro il 2015, ha segnalato un ritardo nelle proprie attività, dovuto alle difficoltà logistiche riscontrate nello scambio di campioni di laboratorio. In generale, questi progetti svolgono in maniera più che soddisfacente il loro ruolo di primo incubatore di attività successive di più ampio respiro. Tuttavia, secondo l opinione di alcuni ricercatori, sarebbe opportuno intervenire a livello amministrativo per permettere, qualora i gruppi coinvolti abbiano la disponibilità economica, di prolungare i soggiorni oltre un mese, utilizzando il passaggio aereo fornito dal PE e coprendo le spese aggiuntive di soggiorno con altri capitoli di spesa. Al momento ciò non sembra consentito. PROGRAMMA ESECUTIVO CNR-CONACyT I progetti approvati nell ambito di questo protocollo sono stati 5. Anche in questo caso l AS ha svolto visite ai laboratori dei gruppi messicani, discutendo lo stato di avanzamento dei progetti, i risultati ottenuti e le potenzialità di proseguimento delle collaborazioni. Solo in un caso ciò non è stato possibile, non essendo pervenuta nessuna risposta alle ripetute richieste di contatto. Per i suddetti progetti era prevista una scadenza nominale alla fine del 2014, successivamente alla quale era programmato il rinnovo del programma per i successivi 3 anni, con l uscita di un nuovo bando. Purtroppo, mentre per quello che riguarda il CNR l erogazione dei fondi ai gruppi italiani ha rispettato i tempi previsti, da parte di CONACyT si sono riscontrati notevoli ritardi. Per questa ragione, ad oggi, i gruppi messicani coinvolti nelle collaborazioni bilaterali hanno ricevuto solo i primi 2 anni di finanziamento, con gravi ricadute sulla buona riuscita delle attività di ricerca. Questo prolungamento unilaterale della durata dei progetti da parte di CONACyT ha impedito l uscita del successivo bando nei tempi previsti, mettendola ormai rischio anche per il Vale la pena ricordare che l accordo quadro tra CNR e CONACyT scade nel Alla luce dell importanza che lo strumento dei progetti bilaterali CNR-CONACyT svolge da tempo nelle relazioni S&T tra i due Paesi, e anche dell interesse manifestato dai gruppi e Istituti coinvolti nella collaborazione - attualmente ma anche nel recente passato - l AS ha curato in maniera particolare le relazioni con CONACyT, al fine di sbloccare questa situazione critica. Ha mantenuto contatti stretti con l Ufficio Relazioni Internazionali dei due Enti ed ha partecipato a un incontro tra l Ambasciatore Busacca e il Direttore Generale di CONACyT, Dr. Cabrero. In seguito a questi ripetuti contatti è sembrato opportuno programmare una serie di incontri scientifici tra ricercatori messicani ed italiani, che permettano di fare il punto tecnico sulla situazione della collaborazione tra i due Paesi e di enucleare alcune tematiche di grande interesse comune, attorno alle quali costruire prossimi progetti, che non siano di pura mobilità, ma che mettano in campo finanziamenti più consistenti e mirati. A questo proposito, i seminari bilaterali programmati da questo Ufficio nell ambito dell Anno dell Italia in America Latina (uno si è già svolto con notevole successo) saranno/sono già una significativa palestra per verificare gli interessi comuni e una importante vetrina per le eccellenze italiane. Si è convenuto con CONACyT che gli incontri successivi ai suddetti seminari si svolgano in Italia o in forma di webinar. Nei primi mesi del 2016 si dovrà definire questo programma congiunto di incontri, onde arrivare, successivamente al loro svolgimento, nel primo semestre del 2016, ad una decisione comune sulla forma della collaborazione futura tra i due Enti. NUOVE FORME DI COOPERAZIONE S&T Particolare attenzione sarà dedicata, nel corso del 2016, a nuove interazioni bilaterali già attivate nel corso del 2015 e che potranno portare a nuove forme di collaborazione S&T tra Italia e Messico, anche nella ipotesi peggiore di mancato rinnovo della cooperazione diretta con CONACyT. 4 Nel corso di questo anno l AS ha preso contatto con una serie di importanti realtà scientifiche e/o istituzionali messicane. Tra le tematiche che sembrano più interessanti in vista di collaborazioni future, l agricoltura sostenibile, le biotecnologie, le energie rinnovabili e pulite, la lotta ai cambiamenti climatici e la prevenzione dei disastri, la scienza dei materiali e il restauro. Su questi temi si stanno già attivando collaborazioni tra CNR e Ministero dell Ambiente, da parte italiana, e CINVESTAV, Comisión Nacional Forestal (CONAFOR) e Stato di Morelos, da parte messicana. Con l appoggio negoziale dell Ufficio S&T dell Ambasciata si è già ottenuta la firma di due accordi tra CNR e CINVESTAV e tra CNR e CONAFOR e sono già stati formulati alcuni progetti di ricerca comuni (plant signalling e desertificazione, rispettivamente). Questo Ufficio ha inoltre reso possibili contatti passibili di sviluppi molto interessanti tra il CNR e il Ministero dell Ambiente con lo Stato di Morelos, soprattutto nel campo della ricerca sui biocombustibili e le energie rinnovabili. A questo proposito, nel corso del 2016, l AS svolgerà una attività mirata alla messa a punto di questi progetti e al sostegno delle parti nella ricerca di finanziamenti. ACCORDI FIRMATI, IN FASE DI NEGOZIAZIONE E PREVISTI PER IL 2016 Con riferimento al 2015 gli accordi firmati sono stati 4, mentre 1 è pronto per la firma. Accordi firmati nel corso del 2015 e per i quali l Ufficio dell AS ha svolto un importante ruolo nelle fasi di negoziazione: - CNR e CIATEJ-CONACyT sulla ricerca nel packaging alimentare - ASI e AEM sulla formazione di tecnici - CNR e CINVESTAV (accordo quadro con interesse specifico su plant signaling e genomica) - CNR e CONAFOR (accordo quadro con interesse specifico su cambiamento climatico e desertificazione) Accordo pronto per la firma e per il quale l Ufficio dell AS ha svolto un importante ruolo nelle fasi di negoziazione: - Università di Roma Tor Vergata e IPN-TECHNOPOLI (sul trasferimento tecnologico in tema di salute) Accordi attualmente in fase di negoziazione: - Università di Firenze e Università Anáhuac (su temi legati all architettura e alla conservazione di beni artistici e culturali) - CNR e Benemérita Universidad de Puebla (su temi legati alla conservazione di beni artistici e culturali) La via degli accordi tra organismi di eccellenza in specifici settori sarà ulteriormente perseguita nel Sarà in particolare svolta un azione di facilitazione dei contatti e della successiva negoziazione e, in parallelo, di stimolo alla piena operatività dei numerosi accordi già in essere. CIRCOLAZIONE DEL CAPITALE UMANO Da questo punto di vista gli strumenti bilaterali esistenti tra Italia e Messico sono sicuramente insufficienti, soprattutto se paragonati a quelli che il Messico ha attivato con altri Paesi UE, per non parlare di Stati Uniti o Giappone. A questo proposito, tra le risultanze della IV Riunione della Commissione Binazionale che si è svolta nel marzo 2015 a Città del Messico, c è stata la proposta della organizzazione di un forum bilaterale di Rettori, affiancato da incontri di tecnici (per quanto riguarda l individuazione delle modalità di riconoscimento dei titoli accademici) e di ricercatori (per quanto riguarda la scelta delle tematiche di collaborazione di maggior interesse bilaterale e di più alto impatto scientifico). 5 In seguito ai numerosi contatti, anche ufficiali, intercorsi nel 2015 tra questa Ambasciata e i Ministeri messicani della Pubblica Istruzione e degli Esteri, il Messico, attraverso la propria Conferenza dei Rettori (ANUIES), ha nominato una persona incaricata di seguire le fasi di preparazione dell incontro. L AS, che ha già preso contatti con la rappresentante ANUIES, si impegnerà nel corso dei primi mesi del 2016 a finalizzare le procedure necessarie alla riuscita dell incontro, coordinandosi con MAECI, MIUR e con la persona che i due Ministeri italiani vorranno nominare come responsabile del progetto. 4.PROMOZIONE DELLA S&T ITALIANA L attivitá di promozione della S&T italiane sarà svolta dall Ufficio dell AS sia attraverso visite mirate a laboratori di ricerca e istituzioni academiche (il data base al momento costruito in questi primi 9 mesi di attività conta quasi 400 contatti), che attraverso la realizzazione di alcuni workshop tematici. In occasione dell Anno dell Italia in America Latina (AIAL), si organizzeranno a Città del Messico, in collaborazione con il CNR, due workshop scientifici: uno sulle tecnologie applicate alla conservazione e al restauro del patrimonio artistico e culturale e l altro sulla geotermia. Ci si aspetta che questi due eventi possano promuovere le eccellenze scientifiche italiane in due settori nei quali l Italia occupa un posto di assoluto rilievo mondiale. Entrambi gli workshop, per i
Similar documents
View more...
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks