Please download to get full document.

View again

of 35
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

ASL CAGLIARI RELAZIONE SULLA PERFORMANCE PDF

Category:

History

Publish on:

Views: 5 | Pages: 35

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
ASL CAGLIARI RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2015 Servizio Programmazione e controllo Sommario 1 PREMESSA SINTESI DELLE INFORMAZIONI DI INTERESSE PER I CITTADINI E GLI ALTRI STAKEHOLDER ESTERNI... 4
Transcript
ASL CAGLIARI RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2015 Servizio Programmazione e controllo Sommario 1 PREMESSA SINTESI DELLE INFORMAZIONI DI INTERESSE PER I CITTADINI E GLI ALTRI STAKEHOLDER ESTERNI Il contesto di riferimento L amministrazione I risultati raggiunti, criticità e opportunità OBIETTIVI: RISULTATI RAGGIUNTI E SCOSTAMENTI Albero della Performance Obiettivi strategici AREA STRATEGICA 1 - Area dell appropriatezza e accessibilità nei livelli di assistenza AREA STRATEGICA 2 - Area dell efficienza economico-organizzativa AREA STRATEGICA 3 - Area dell efficacia e qualità dei servizi Obiettivi individuali RISORSE, EFFICIENZA ED ECONOMICITÀ Macro-obiettivi economico finanziari anno Confronto Ce consuntivo e relazione sugli scostamenti Risorse umane e finanziarie destinate all implementazione e/o funzionamento delle diverse fasi del ciclo delle performance PARI OPPORTUNITA E BILANCIO DI GENERE IL PROCESSO DI REDAZIONE DELLA RELAZIONE SULLE PERFORMANCE Fasi, soggetti, tempi e responsabilità Punti di forza e di debolezza del ciclo della performance Servizio Programmazione e Controllo 2 1 PREMESSA Finalità La Relazione sulla Performance - prevista dall art. 10, comma 1, lett. b) del D.LGS. n. 150/2009 rappresenta lo strumento mediante il quale l amministrazione illustra ai cittadini e a tutti gli altri stakeholder, interni ed esterni, i risultati ottenuti nel corso dell anno precedente, concludendo in tal modo il ciclo di gestione della performance. La funzione di comunicazione verso l esterno è prevista inoltre dai commi 6 e 8 dell art. 11 del decreto, che prevedono rispettivamente la presentazione della Relazione alle associazioni di consumatori o utenti, ai centri di ricerca e a ogni altro osservatore qualificato, nell'ambito di apposite giornate della trasparenza, ed assolta mediante la pubblicazione della stessa sul sito istituzionale aziendale, nella sezione Trasparenza, valutazione e merito. Più in dettaglio, la Relazione adempie la finalità di evidenziare a consuntivo i risultati organizzativi e individuali raggiunti rispetto ai singoli obiettivi programmati e alle risorse, con rilevazione degli eventuali scostamenti registrati nel corso dell anno, indicandone le cause e le misure correttive da adottare. In base all art. 27, comma 2 del decreto, la Relazione ha anche il compito di documentare gli eventuali risparmi sui costi di funzionamento derivanti da processi di ristrutturazione, riorganizzazione e innovazione ai fini dell erogazione, nei limiti e con le modalità ivi previsti, del premio di efficienza di cui al medesimo articolo. La Relazione deve, infine, contenere il bilancio di genere realizzato dall amministrazione. Principi generali In riferimento alle finalità sopradescritte, la Relazione deve configurarsi come un documento snello e comprensibile, la cui stesura deve ispirarsi ai principi di trasparenza, immediata intelligibilità, veridicità e verificabilità dei contenuti, partecipazione e coerenza interna ed esterna. Servizio Programmazione e Controllo 3 2 SINTESI DELLE INFORMAZIONI DI INTERESSE PER I CITTADINI E GLI ALTRI STAKEHOLDER ESTERNI 2.1 Il contesto di riferimento L Azienda Sanitaria Locale n. 8 di Cagliari è stata costituita nel 1995 a seguito dell entrata in vigore della L.R. n. 5/1995, dalla fusione delle ex UU.SS.LL n. 20, n. 21, n. 22 e parte della USL n. 18. Ai sensi dell art. 3, comma 1-bis del D.LGS. n. 229/1999, essa assicura la tutela e promozione della salute degli individui e della collettività nel territorio di competenza come definito, a seguito dell emanazione della L.R. n 7/2005, dalla D.G.R. n 51/10 del 4/11/2005. Il patrimonio dell Azienda è costituito dai beni mobili e immobili a essa appartenenti, che sono utilizzati per il perseguimento dei propri fini istituzionali. La sede legale dell Azienda è situata in Selargius (Cagliari), nella via Piero della Francesca n. 1. La ASL n. 8 di Cagliari, in attuazione della D.G.R. n. 51/10 del 4/11/2005 ha acquisito i Distretti di Isili e Senorbì, provenienti il primo dalla ASL n. 3 di Nuoro e il secondo dalla ASL n. 6 di Sanluri, ha acquisito i Comuni di Vallermosa, Nuraminis e Villasor facenti sempre parte della ASL n. 6 di Sanluri, oltre che Siliqua e Teulada provenienti dalla ASL n. 7 di Carbonia. L atto Aziendale - approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 274 del 20/03/2008 (successivamente modificato con le deliberazioni n del 15/12/2009, n. 659 del 18/04/2013 e n. 12 del 09/01/2014), ha previsto che l assistenza sanitaria e socio-sanitaria sia erogata nell ambito di 5 Distretti Socio-Sanitari a cui afferiscono i diversi Comuni della provincia di Cagliari, così come rappresentato nella tabella seguente: ASL CA COMUNI 71 ABITANTI (ISTAT 1/01/2015) DISTRETTI SOCIOSANITARI 5 DISTRETTO SANITARIO COMUNE TOTALE RESIDENTI CAGLIARI AREA VASTA AREA OVEST Cagliari; Monastir; Monserrato; Nuraminis; Quartucciu; Selargius; Sestu; Settimo San Pietro; Ussana Assemini; Capoterra; Decimomannu; Decimoputzu; Domus de Mari ; Elmas; Pula; San sperate; Sarroch; Siliqua; Servizio Programmazione e Controllo 4 Teulada; Uta; Vallermosa; Villa San Pietro; Villasor; Villaspeciosa Burcei; Dolianova; Donori; QUARTU - PARTEOLLA Maracalagonis; Quartu Sant'Elena; Serdiana; Sinnai; Soleminis Armungia; Ballao; Castiadas; Muravera; San Nicolo' Gerrei; SARRABUS - GERREI San Vito; Silius; Villaputzu; Villasalto; Villasimius; SARCIDANO-BARBAGIA DI SEULO E TREXENTA Escalaplano; Escolca; Esterzili; Gergei; Isili; Sede di Isili Nuragus; Nurallao; Serri; Seulo; Nurri; Orroli; Sadali; Villanova Tulo; Barrali; Gesico; Goni; Guamaggiore; Guasila; Mandas; Ortacesus; Sede di Senorbi Pimentel; Samatzai; San Basilio; Sant'Andrea Frius; Selegas; Senorbì; Siurgus Donigala; Suelli TOTALE (Fonte dati ISTAT) Un rilevante fattore esterno intervenuto nel corso dell anno in esame è rappresentato dallo scorporo dei PP.OO. Businco e Pediatrico Microcitemico, rientrante tra gli obiettivi di mandato definiti con D.G.R. n. 1/14 del 13/01/2015 Definizione degli obiettivi di mandato dei Commissari straordinari ex L.R. n. 23/2014, con la quale è stato dato mandato a questa ASL di attuare gli interventi previsti dalla L.R. n. 23/2014 al fine di consentire l avvio della gestione da parte della A.O. Brotzu dal 01/07/2015. Servizio Programmazione e Controllo 5 Trend demografico - A differenza di quanto accade in altri territori della Regione, nella provincia di Cagliari la popolazione negli ultimi anni risulta in aumento (da abitanti nel 2013 a abitanti). POPOLAZ. RESID. AL 1 GENNAIO/ANNO PROVINCIA CAGLIARI Invecchiamento della popolazione - Tra i tanti fenomeni collegati al processo di trasformazione demografica, si distingue il costante invecchiamento della popolazione, indicatore non solo del crescente allungamento della vita e quindi della riduzione della mortalità in età avanzata, ma anche dello scarso rinnovamento generazionale. L aumento della longevità (come mostra la piramide delle età riportata di seguito), riguarda maggiormente la parte femminile. Il dato si presenta simile a livello nazionale, regionale, provinciale e distrettuale. Nonostante studi recenti abbiano evidenziato che il trend e i comportamenti dei 2 sessi tendano sempre più ad avvicinarsi (aumenta il numero di donne che fuma, beve e lavora), risulta che la popolazione femminile è sempre più resistente di quella maschile alle diverse cause patogene di morte. Servizio Programmazione e Controllo 6 L indice di dipendenza strutturale - che rappresenta il carico sociale ed economico della popolazione non attiva (0-14 anni e 65 anni e oltre) su quella attiva (15-64 anni) - evidenzia che nella provincia di Cagliari ci sono 48,67 individui a carico, ogni 100 che lavorano. INDICI DI DIPENDENZA PROV. CA ITALIA SARDEGNA dipendenza anziani 30,61 33,73 32,47 dipendenza giovanile 18,05 21,39 17,97 dipendenza totale (carico sociale) 48,67 55,12 50,44 Fonte: rielaborazione dati Istat. Popolazione residente al 1/01/2015 Per quanto riguarda la popolazione anziana: - il numero degli ultra-sessantacinquenni nel 2015 risulta pari a (20,59% sul totale); - l indice di vecchiaia1 - in linea generale molto elevato in tutta la regione Sardegna - nella provincia di Cagliari, con un valore pari a 169,56, superando in maniera significativa il 100, indica una prevalenza di soggetti anziani rispetto ai giovanissimi. POPOLAZIONE ANZIANA ANNO 2015 PROVINCIA CAGLIARI Ultra sessantacinquenni Indice di vecchiaia 169,56 Incidenza popolazione anziana 20,52 Fonte: rielaborazione dati Istat. Popolazione residente al 1/01/ Descrive il peso delle persone anziane in una determinata popolazione e che sostanzialmente stima il grado di invecchiamento di una popolazione 2015 ITALIA SARDEGNA INDICE DI VECCHIAIA 157,68 180,72 TASSO INCID. POP. ANZIANA 21,74 21,58 Servizio Programmazione e Controllo 7 Il processo di invecchiamento è destinato a crescere. Il fenomeno va letto tenendo conto del fatto che l Istat prevede, per la Sardegna, un incremento progressivo della popolazione anziana, la cui incidenza sulla popolazione complessiva dovrebbe raddoppiarsi (rispetto al valore calcolato per il 2011) intorno all anno I dati di mortalità generale evidenziano un andamento in linea con quello regionale e provinciale. Si muore principalmente per malattie del sistema circolatorio e per tumori. Le altre cause sono - in ordine di decessi - per malattie dell apparato respiratorio, malattie infettive (comprensivo del dato relativo all AIDS), malattie dell apparato digerente, traumatismi ed avvelenamenti: queste cause rispecchiano i dati regionali e provinciali per entrambi i sessi, ma con alcune specificità d ambito. Nuclei familiari - Anche le modifiche intervenute sul versante della composizione delle strutture familiari hanno inciso sul bisogno di salute della popolazione. Rispetto a anni fa la struttura della popolazione è fortemente cambiata: sono diminuite le coppie con figli e cresciuti i nuclei famigliari monocomponente, soprattutto quelli con anziani soli. Di fatto accanto a un crescente numero di famiglie si registra un calo dei numeri dei componenti che come mostra la tabella sottostante si aggira attorno alle 2 unità per famiglia. Pertanto anche in questo caso una popolazione sempre più anziana e composta da nuclei familiari sempre più piccoli non può che spostare l attenzione della politica e l allocazione delle risorse verso le cure mediche, l assistenza e i servizi alla persona. FAMIGLIE - ANNO PROVINCIA CAGLIARI N. FAMIGLIE N. CONVIVENZE 252 N. MEDIO COMPONENTI PER FAMIGLIA 2.32 Stranieri - Dal punto di vista demografico e sociale, sono considerati cittadini stranieri le persone di cittadinanza non italiana aventi dimora abituale in Italia. Come mostra la tabella sotto riportata si conferma l aumento, nel tempo, della popolazione straniera residente nella provincia. POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE AL 1/01/2014 E AL 1/1/2015 PER SESSO - PROVINCIA CAGLIARI M F MF Fonte: Istat. Bilancio Popolazione straniera residente Servizio Programmazione e Controllo 8 2.2 L amministrazione Cosa facciamo DIREZIONE GENERALE La ASL assicura - attraverso servizi direttamente gestiti - l assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro, l assistenza distrettuale e l assistenza ospedaliera. Come operiamo Il modello organizzativo della ASL n. 8 prevede i seguenti livelli della macrostruttura organizzativa: Direzione Aziendale: è il vertice strategico nel quale sono collocate le tre direzioni (Generale, Sanitaria ed Amministrativa) dell Azienda; Tecnostruttura: nella quale sono strutturate le unità di staff individuate in relazione alle caratteristiche dei processi di funzionamento dell Azienda e delle funzioni di supporto previste; Attività Amministrative: non direttamente coinvolte nella produzione ed erogazione dei servizi sanitari; Middle Management: rappresentato dalle direzioni di distretto e di presidio non direttamente coinvolte nella produzione ed erogazione dei servizi sanitari; Line: nel quale sono raggruppate le differenti unità operative (suddivise in quattro aree) che sviluppano le attività previste nell ambito dei processi clinico - sanitari, tecnico - amministrativi. In accordo con l articolo 9 della L. R. n. 10/2006 il DIPARTIMENTO rappresenta il modello ordinario di gestione operativa, a livello aziendale o interaziendale, di tutte le attività dell Azienda. Al 31/12/2015 presso la ASL di Cagliari operavano dipendenti cosi suddivisi: Ruolo N. dipendenti AMMINISTRATIVO 455 PROFESSIONALE 12 SANITARIO TECNICO 655 Totale complessivo Tali dipendenti erano dislocati presso le seguenti strutture organizzative: ASSISTENZA COLLETTIVA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE DELLA PROD. TRASF. COMM. ALIM. DI ORIGINE ANIMALE SERVIZIO IGIENE ALLEVAMENTI SERVIZIO SANITA' ANIMALE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO SERVIZIO IGIENE SANITA' PUBBLICA SERVIZIO IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE Servizio Programmazione e Controllo 9 SERVIZIO PROMOZIONE DELLA SALUTE MEDICINA LEGALE SALUTE E AMBIENTE ASSISTENZA TERRITORIALE DIPARTIMENTO COORDINAMENTO DISTRETTI DISTRETTO 1 1-ANZIANI DISABILI E SOGGETTI FRAGILI 1-CONSULTORI 1-CURE PRIMARIE 1-HOSPICE 1-NEFROLOGIA E DIALISI DEL TERRITORIO 1-NEUROPSICHIATRIA INFANTILE 1-RIABILITAZIONE E TERAPIA FISICA AREA SPECIALISTICA 1-RIABILITAZIONE SOCIO SANITARIA AREA TERRITORIALE 1-SISTEMA TERRITORIALE DELL'EMERGENZA 1-CENTRALE OPERATIVA DISTRETTO 2 DISTRETTO 3 DISTRETTO 4 DISTRETTO 5 DIPARTIMENTO DEL FARMACO UNITA' CENTRALE FARMACEUTICA OSPEDALIERA FARMACEUTICA TERRITORIALE DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE SERVIZIO RIABILITAZ. E RESIDENZIALITA' SERVIZIO PSICHIATRIA FORENSE SPDC1 SPDC2 CSM ORE CAGLIARI A CSM ORE CAGLIARI B Servizio Programmazione e Controllo 10 CSM ORE SELARGIUS CSM ORE ASSEMINI CSM ORE QUARTU S. ELENA CSM ORE ISILI CENTRO TRATTAMENTO DISTURBI PSICHIATRICI ALCOOL CORRELATI DIPARTIMENTO PER LE DIPENDENZE SERD CAGLIARI VIA LIGURIA SERD CAGLIARI - VIA DEI VALENZANI SERD QUARTU S. ELENA Dipendenze da alcool, tabacco, gioco d'azzardo patologico ASSISTENZA OSPEDALIERA P.O. SAN MARCELLINO DIREZIONE SANITARIA ANESTESIA CHIRURGIA GENERALE MEDICINA GENERALE PRONTO SOCCORSO OSTETRICIA E GINECOLOGIA (CENTRO DONNA) P.O. SS. TRINITA' DIREZIONE SANITARIA CHIRURGIA GENERALE CHIRURGIA MAXILLO FACCIALE DERMATOLOGIA OTORINOLARINGOIATRIA OSTETRICIA E GINECOLOGIA NEURORIABILITAZIONE ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA RECUPERO E RIABILITAZIONE FUNZIONALE UROLOGIA CHIRURGIA PEDIATRICA GASTROENTEROLOGIA E CHIRURGIA ENDOSCOPICA Servizio Programmazione e Controllo 11 GERIATRIA MALATTIE INFETTIVE MEDICINA INTERNA EMODIALISI (NEFROLOGIA E DIALISI) ANESTESIA E RIANIMAZIONE PRONTO SOCCORSO U.T.I.C. P.O. MARINO DIREZIONE SANITARIA ANESTESIA E BLOCCO OPERATORIO CARDIOLOGIA ORTOPEDIA E MICROCHIRURGIA RICOSTRUTTIVA CLINICA ORTOPEDICA UNITA' SPINALE NEUROCHIRURGIA CHIRURGIA D'URGENZA PRONTO SOCCORSO RIANIMAZIONE E MEDICINA IPERBARICA P.O. BINAGHI DIREZIONE SANITARIA ANESTESIA E RIANIMAZIONE CARDIOLOGIA CENTRO SCLEROSI MULTIPLA CTMO CENTRO DI RIFERIMENTO REGIONALE TRAPIANTI GENETICA MEDICA OFTALMOLOGIA SERVIZIO ENDOCRINOLOGIA TERRITORIALE CENTRO DONNA PNEUMOLOGIA 4 PNEUMOLOGIA 3 (TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA) PNEUMOLOGIA 2 PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Servizio Programmazione e Controllo 12 P.O. SAN GIUSEPPE DIREZIONE SANITARIA ANESTESIA E RIANIMAZIONE CHIRURGIA GENERALE PRONTO SOCCORSO MEDICINA GENERALE OSTETRICIA E GINECOLOGIA (CENTRO DONNA) DIPARTIMENTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ANATOMIA PATOLOGICA SS.TRINITA' LABORATORIO ANALISI BINAGHI LABORATORIO ANALISI MARINO LABORATORIO ANALISI SS. TRINITA' LABORATORIO ANALISI SAN GIUSEPPE LABORATORIO ANALISI SAN MARCELLINO DIPARTIMENTO IMMAGINI MEDICINA NUCLEARE SS. TRINITA' SERVIZIO RADIOLOGIA BINAGHI SERVIZIO RADIOLOGIA MARINO SERVIZIO RADIOLOGIA SS. TRINITA' SERVIZIO RADIOLOGIA SAN GIUSEPPE SERVIZIO RADIOLOGIA SAN MARCELLINO DIREZIONE GENERALE DIPARTIMENTO DELLO STAFF AFFARI GENERALI AFFARI LEGALI AREA COMUNICAZIONE UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO AREA NURSING DIRETTORE SOCIO SANITARIO PROGETTAZIONE STRATEGICA, QUALITA' E RISK MANAGEMENT Servizio Programmazione e Controllo 13 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SISTEMI INFORMATIVI E TECNOLOGIE INFORMATICHE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E VALUTAZIONE DEL PERSONALE AREA TECNICO AMMINISTRATIVA ACQUISTI CONTABILITA' E BILANCIO PERSONALE AREA AMMINISTRATIVA PRESIDI AREA AMMINISTRATIVA TERRITORIALE DIPARTIMENTO DEI SERVIZI TECNICO LOGISTICI PATRIMONIO E SERVIZI TECNICI (SERVIZIO TECNICO) SERVIZI GENERALI ALBERGHIERI E LOGISTICA SICUREZZA LEGGE N. 626/94 DIPARTIMENTO ACQUISTO SERVIZI SANITARI ASSISTENZA TERRITORIALE ASSISTENZA OSPEDALIERA AUTORIZZAZIONI ACCREDITAMENTO EROGATORI SANITARI Servizio Programmazione e Controllo 14 2.3 I risultati raggiunti, criticità e opportunità L'ASL n. 8 di Cagliari si configura come una delle aziende sanitarie più complesse operanti sul territorio italiano per dimensioni, caratteristiche, articolazione geografica e organizzativa. L'estensione del territorio, la popolazione assistita, i servizi e le risorse gestite la collocano, infatti, tra le più grandi aziende sanitarie locali nazionali. Nel 2015 la ASL n. 8 ha subito notevoli trasformazioni gestionali ed organizzative: con la L.R. n. 23/2014 è stato avviato il processo di riforma dell assetto istituzionale-organizzativo del Sistema Sanitario Regionale; in particolare, l art. 9 ha avviato un processo di adeguamento delle aziende sanitarie della Sardegna, che per quel che concerne la ASL n. 8 di Cagliari ha comportato lo scorporo dei PP.OO. Microcitemico e Oncologico - A. Businco, confluiti nell'azienda Ospedaliera di rilievo nazionale G. Brotzu. Il medesimo art. 9 ha disposto il commissariamento straordinario delle aziende sanitarie e ospedaliere e delle aziende ospedaliero-universitarie; con deliberazione n. 51/2 del 20/12/2014 la Giunta Regionale ha proceduto alla nomina dei Commissari straordinari. Con D.G.R. n. 1/14 del 13/01/2015 sono stati definiti e assegnati gli obiettivi di mandato dei Commissari straordinari secondo le prescrizioni della L.R. n. 23/2014, recepiti da questa Azienda con la deliberazione del C.S. n. 112 del 28/01/2015. Con deliberazione del C.S. n. 113 del 28/01/2015 si è disposta la costituzione di un gruppo di lavoro per la razionalizzazione della rete dei laboratori della Asl n. 8 di Cagliari, in adempimento di quanto prescritto a livello regionale. La ASL n. 8 quindi ha lavorato in regime commissariale per tutto l anno 2015 dettando le azioni di intervento in tema di razionalizzazione della rete dei laboratori analisi in ambito aziendale con la deliberazione del C.S. n. 115 del 28/01/2015, dando mandato ai responsabili dei Laboratori Analisi interessati, ai direttori sanitari dei PP.OO., ai direttori dei Distretti, al direttore del Dipartimento del Farmaco e ai responsabili dei servizi amministrativi competenti di definire nel dettaglio e in relazione agli ambiti di competenza di ciascuno le concrete e ulteriori modalità operative per dare tempestiva attuazione a quanto indicato nella nota prot. n del 20/01/2015 (che ha dettato alcune linee di intervento prioritarie da adottarsi tempestivamente nelle more della definizione del progetto di accorpamento e razionalizzazione dell area dei laboratori). Inoltre con deliberazione del C.S. n. 421 del 08/04/2015 è stato approvato il progetto di riorganizzazione e riqualificazione della rete dei laboratori. Con deliberazione del C.S. n. 802 del 29/06/2015 questa Azienda ha approvato il progetto di scorporo dei PP.OO. A. Businco e Pediatrico-Microcitemico per l incorporazione nella A.O. G. Brotzu. Conseguentemente, con deliberazione del C.S. n. 114 del 28/01/2015 sono stati costituiti in ambito aziendale dei gruppi di lavoro preposti alla definizione dei rapporti attivi e passivi in capo alla ASL n. 8 di Cagliari scaturenti dalla procedura di scorporo dei PP.OO. Oncologico e Pediatrico da trasferire all A.O. Brotzu a far data dal 1/07/2015, nonché lo scorporo delle funzioni e attività da trasferire alla Servizio Prog
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks