Please download to get full document.

View again

of 7
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

ATTRICE CONTRO 1) S. M. A.; 2) E. M. A.

Category:

Games & Puzzles

Publish on:

Views: 9 | Pages: 7

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
ESTREMI: Tribunale Milano Quarta civile Data: Numero: 412 In mancanza di una pattuizione scritta con cui il fiduciario si obbliga a gestire il bene e a ritrasferirne la proprietà in capo al
Transcript
ESTREMI: Tribunale Milano Quarta civile Data: Numero: 412 In mancanza di una pattuizione scritta con cui il fiduciario si obbliga a gestire il bene e a ritrasferirne la proprietà in capo al fiduciante, il pactum fiduciae non può dirsi provato, neppure in presenza di una dichiarazione confessoria di controparte, essendo la forma scritta richiesta ad substantiam Repubblica italiana In nome del popolo italiano Tribunale di Milano Sezione IV civile in composizione monocratica nella persona del dott. Federico Rolfi, in funzione di Giudice Unico, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta al numero di ruolo generale 9773/2011, promossa con atto di citazione notificato in data 16 febbraio 2011 a ministero dell'aiutante Ufficiale Giudiziario addetto all'ufficio Notifiche presso la Corte d'appello di Milano DA G. M. A., elettivamente domiciliato a VIA PALAZZI, MILANO, presso lo studio dell'avv. C. M., che la rappresenta e difende, unitamente all'avv. G. L. del Foro di Novara, come da procura a margine dell'atto di citazione PARTE ATTRICE CONTRO 1) S. M. A.; 2) E. M. A. nella persona dei genitori esercenti la legale rappresentanza ED. MA. AF. e M. P.; tutti elettivamente domiciliati a VIA ALDINI MILANO, presso lo studio dell'avv. R. D., che li rappresenta e difende, come da procura in calce alla copia notificata dell'atto di citazione PARTE CONVENUTA OGGETTO: azione ex art c.c. - fiducia DirittoItaliano.com - Tutti i diritti riservati - Autorità: Tribunale Milano Quarta civile Data: Numero: 412 Svolgimento del processo CONCLUSIONI: all'udienza di precisazione delle conclusioni in data 20 settembre 2013 i procuratori delle parti precisavano come da fogli separati allegati al verbale d'udienza e qui riprodotti in versione scannerizzata Foglio di precisazione conclusioni Nella causa R.G. 9773/2011 GI. Rolfe Federico ud Promossa da M.A.G., Contro M. A. S. e M. A. E. Parte attrice insiste per l'accoglimento delle seguenti CONCLUSIONI In via istruttoria Ammettersi prove per interpello e testi sui seguenti capitoli: 1) Vero che nell'anno 2004 il Sig. M. A. G. intraprendeva una relazione sentimentale con la Sig.ra S. T. E. S. che all'epoca assisteva la Sig.ra W. P. madre dei sigg.ri M. A. G. e M. A. E.; 2) Vero che la sig.ra S. T. E. S. comunicava al Sig. M. A. di aspettare un bambino e subito dopo si allontanava dall'italia senza dare una spiegazione; 3) Vero che il fratello E. ed il padre G. in più occasioni insinuavano in M. A. G. il dubbio che la compagna di questi potesse con la nascita del figlio avanzare pretese economiche nei suoi confronti e sulle sue proprietà; 4) Vero che il fratello E. ed il padre G. prospettavano a M. A. G. il rischio che in caso di litigio S. T. E. S. avendo un figlio da G. potesse farsi assegnare l'abitazione di proprietà di G. e dove quesi! viveva con il papà M. A. G.; 5) Vero che M. A. E. e la moglie di questi P. M. consigliavano al fratello G. di recarsli presso un legale di loro fiducia per consultarli su come evitare di andare incontro a rischi economici con la Sig.ra S. in caso di litigio con costei; 6) Vero che nel maggio 2004 P. M. accompagnava il suocero M. A. G. ed il cognato figlio M. A. Gi. nonchè la Sig.ra M. A. C. (sorella di M. A. G. dall'avv. R.); 7) Vero che durante il colloquio tenutosi presso l'avv. R. veniva consigliato a G. di trasferire apparentemente a persone di fiducia l'immobile di sua proprietà al fine di evitare che la Sig.ra S. potesse avanzare pretese economiche sulla proprietà; 8) Vero che in occasione di tale colloquio veniva spiegato che in caso di presenza di figli minori la Corte Costituzionale ha ribadito il principio di tutela degli stessi anche con diritto di permanenza nell'abitazione da parte del convivente non proprietario; 9) Vero che in tale circostanza la P. proponeva se stessa ed il marito nonchè i figli quali persone di fiducia cui trasferire il bene apparentemente, ed in tale circostanza garantiva che avrebbero amministrato il bene secondo le direttive di G. per poi ritrasferirlo allo stesso su sua semplice richiesta. 10) Vero che a fronte dei dubbi sollevati da M. A. C., M. P. garantiva che il bene sarebbe sempre rimasto nella completa disponibilità di G. e che sarebbe stato formalizzato il ritrasferimento del bene in capo a G. a semplice richiesta di costui; 11) Vero che in data le parti decidevano di dare attuazione al negozio di trasferimento apparente del bene di proprietà di G.; 12) Vero che dopo l'atto pubblico G. ha continuato a risiedere stabilmente nell'immobile ed a pagare le spese sia ordinarie che straordinarie relative al bene medesimo come da ricevute di pagamento che si esibiscono (doc. 6). 13) Vero che l'amministratore del condominio ha avuto contatti solo ed csclusivamente con G. e con Gi. per tutto quello che riguardava il bene in esame; infatti tutti vivevano tranquillamente presso l'abitazione familiare; 15) Vero che M.A.G. chiedeva al fratello di formalizzare nuovamente per atto pubblico o scrittura privata il ritrasferimento della nuda proprietà dell'abitazione come da accordi. 16) Vero che il fratello temporeggiava a fronte della richiesta di rifrasferimento accampando vari pretesti quali la necessità che i suoi figli raggiungessero la maggiore età per una più agevole gestione della situazione. 17) Vero che a fronte di una richiesta ufficiale di trasferimento M.A.E. e M.P. si rifiutavano di effettuare alcunchè deducendo che il bene era in piena proprietà dei figli che ne avrebbero pagato il prezzo con compensazione di presunti debiti che l'a. G. avrebbe maturato nei confronti dei figli di E. come da lettera del legale che si rammostra (doc. 5). 18) Vero che M. A. G. è privo di posto di lavoro; 20) Vero che il Notaio B. venne saldato con assegno che mi si esibisce (doc. 7) rilasciato da M. A. G. Si indica a teste su tutti capitoli: M. A. C. residenfe in N.; M.A.G. residente in M., e si chiede l'interpello su tutti i capitoli di P. M. e di M. A. E. Si indica a teste altresi l'amministratore del condominio sui capitoli In via principale accertare e dichiarare che l'atto di compravendita immobiliare del stipulato a mezzo di scrittura privata autenticata a rogito Notaio R. B. numero repertorio 8241/4400 pratica n registrato in Milano all'agenzia delle Entrate il al numero S IT trascritto alla Conservatoria dei Registri Immobiliari di Milano in data ai nn Reg. gen e Reg. part. avente ad oggetto la nuda proprietà dell'immobile sito in Milano, via S., e precisamente nel fabbricato n. 20, scala I: alloggio posto al piano rialzato contrassegnato con il n. interno, composto di tre vani utili oltre gli accessori con annesso un vano cantina al piano cantinato, il tutto censito al Catasto dei Fabbricati del Comune di Milano come segue: integra un negozio fiduciario in virtù del quale i fiduciari M. A. E. e P. M. quali rappresentanti dei minori M. A. S. e M. A. E. si obbligavano a ritrasferire il bene al fiduciante M. A. G. a richiesta di costui, e accertato che nonostante la volontà del fiduciante di vedesi ritrasferito l'immobile i fiduciari hanno violato il loro mandato ed il pactum fiduciae, omettendo di adempiere, condannare i convenuti al ritrasferimento degli immobili in detto atto descritti e precisamente individuati in premessa al sig. M. A. G., con ordine al competente Conservatore dei Registri Immobiliari di procedere alla prescritte annotazioni e/o trascrizioni. Con ogni consequenziale pronuncia. Ovvero trasferire all'esponente ai sensi dell'art c.c. con sentenza sostitutiva del rogito, ed avente efficacia traslativa tra le parti, la nuda proprietà dell'immobile sito in Milano, via S. e precisarnente del fabbricato n. 20, Scala I: alloggio posto al piano rialzato contrassegnato con il n. interno, composto di tre vani utili oltre agli accessori con annesso un vano cantina al piano cantinato, il tutto censito al Catasto dei Fabbricati del Comune di Milano come segue:, trascritto alla Conservatoria dei Registri Immobiliari di Milano in data ai nn Reg. gen e Reg. part., ordinando al Conservatore dei Registri Immobiliari di Novara, di procedere alla relativa trascrizione con esonero da ogni responsabilità al riguardo. In via subordinata, nella denegata ipotesi di mancato accoglimento della domanda sovra svolta in via principale, accertare e dichiarare la simulazione assoluta dell'atto di compravendita immobiliare del stipulato a mezzo di scrittura privata autenticata a rogito Notaio R. B. R. repertorio 8241/4400 pratica n registrato in Milano all'agenzia delle entrate il al numero S IT trascritto alla Conservatoria dei Registri Immobiliari di Milano in data ai nn Reg. gen e Reg. part. avente ad oggetto la nuda proprietà dell'immobile sito in Milano, via S. n. II, e precisamente nel fabbricato n. 20, scala I: alloggio posto al piano rialzato contrassegato con il n. interno 53, composto di tre vani utili oltre gli accessori con annesso un vano cantina al piano cantinato, il tutto censito al Catasto dei Fabbricati del Comune di Milano come segue:, e conseguentemente dichiarare nullo inesistente o inefficace l'atto in esame, con ordine al competente Conservatore dei Registri Immobiliari di procedere alle prescritte annotazioni e/o trascrizioni. Con ogni consequenziale pronuncia. In via di ulteriore subordine nella denegata ipotesi di mancato accoglimento delle domande sovra svolte previo accertamento della simulazione relativa dell'atto di compravendita immobiliare del stipulata a mezzo di scrittura privata autentica a rogito Notaio R. R. numero repertorio 8241/4400 pratica n registrato in Milano all'agenzia delle Entrate il al numero S IT trascritto alla Conservatoria dei Registri Immobiliari di Milano in data ai nn Reg. gen e Reg. Part. dissimulando detto atto un atto di donazione e conseguentemente accertarsi e dichiararsi la nullità dello stesso per mancanza della forma prescritta con ordine al competente Conservatore dei Registri Immobiliari di procedere alle prescritte annotazioni e/o trascrizioni. Con ogni consequenziale pronuncia. In via di ulteriore subordine Nella denegata ipotesi in cui non venisse accertata la violazione del pactum fiduciae, simulazione assoluta ovvero relativa dell'atto di compravendita immobiliare del stipulata a mezzo di scrittura privata autenticata a rogito Notaio R. R. numero repertorio 8241/4400 pratica n registrato in Milano all'agenzia delle Entrate il al numero S 1T trascritto alla Conservatoria dei Registri Immobiliari di Milano in data ai nn Reg. gen e Reg. Part accertarsi e dichiararsi la nullità del suddetto contratto per illiceità della causa per violazione di norme imperative. In ogni caso Con vittoria di spese, diritti e onorari di causa. Motivazione Con atto di citazione ritualmente notificato, G.M.A. conveniva in giudizio S. M. A. e E. M. A. - quest'ultimo in persona dei genitori legali rappresentanti ED. MA. AF. e M. P. - in qualità di intestatari dell'immobile sito in Milano, via S. n. II, al fine di sentir: - in via principale, dichiarare che l'atto di compravendita immobiliare stipulato tra le parti integra un pactum fiduciae, con conseguente obbligo dei fiduciari di ritrasferire il bene al fiduciante attore in forza della richiesta di costui; - in via subordinata, accertare la simulazione assoluta dell'atto di compravendita medesimo, con conseguente inefficacia o nullità dell'atto simulato; - in via ulteriormente subordinata, dichiarare la simulazione relativa dello stesso contratto, stante la dissimulazione di un atto di donazione da dichiararsi nullo per mancanza delle norme prescritte in materia di forma; - in estremo subordine, dichiarare la nullità del negozio per illiceità della causa per violazione di norme imperative. In particolare, l'attore deduceva che: - nell'anno 2004 aveva intrapreso una relazione sentimentale con S. T., dalla quale aveva avuto una figlia nel settembre del medesimo anno; - a causa dell'instabilità dell'instaurata relazione sentimentale, caratterizzata fin da subito da accesa conflittualità, G.M.A. si determinava su consiglio del fratello a spogliarsi della nuda proprietà dell'abitazione ove egli viveva con il padre, beneficiario dell'usufrutto sull'immobile stesso, al fine di evitare eventuali pretese economiche o di assegnazione della casa familiare da parte della compagna; - pertanto, il , egli stipulava con il di lui fratello e la cognata, in qualità di genitori legali rappresentanti di E.M.A., atto di vendita della nuda proprietà dell'immobile sito in Milano, via, meglio identificato in atti, che veniva formalmente intestato ai minori; - tuttavia, la volontà delle parti non era quella di conseguire l'effetto traslativo tipico della compravendita, tant'è vero che non vi fu alcun trasferimento di denaro e che l'attore continuò a vivere con il padre nella suddetta abitazione; - scopo del contratto era, invece, quello di consentire all'attore di spogliarsi solo formalmente del bene, intestandolo ai nipoti ed incaricando i loro genitori di gestire il bene secondo le sue direttive, per poi ritrasferirlo in capo al medesimo a sua semplice richiesta; - tuttavia, a fronte dell'avanzata richiesta di restituzione, più volte reiterata, il fratello E. rifiutava di trasferire il bene all'originario proprietario G.M.A., con conseguente inadempimento del pactum fiduciae in essere tra le parti. argomentazioni attoree, sostenendo la piena validità del contratto stipulato tra le parti, non integrante un pactum fiduciae, ma un vero e proprio contratto di compravendita immobiliare, con il quale S. ed E. M. A. avevano acquistato la nuda proprietà del bene a fronte del pagamento del prezzo pattuito di ,00. A scioglimento della riserva assunta all'udienza del 23 novembre 2011, ritenute irrilevanti le istanze istruttorie avanzate dalle parti nelle concesse memorie ex art. 183 co. 6 c.p.c., il Giudice Istruttore rinviava la causa all'udienza del per la precisazione delle conclusioni. In tale sede, sulle conclusioni delle parti, come in epigrafe riportate, la causa era trattenuta in decisione, con assegnazione alle parti dei termini di legge per il deposito di comparse conclusionali e repliche. Le domande attoree non sono fondate e vanno, pertanto, rigettate per le ragioni che di seguito si espongono. L'attore assume che tra le parti sia stato raggiunto un accordo fiduciario, in forza del quale il contratto di compravendita - che trasferiva la nuda proprietà dell'immobile sito a Milano, in via S., ai nipoti S. ed E. - aveva la mera finalità di eludere eventuali obblighi di assegnazione dell'abitazione alla compagna dell'attore e produceva un effetto ulteriore rispetto a quello traslativo tipico del trasferimento di proprietà conferendo agli intestatari formali del bene il dovere di amministrarlo secondo le direttive del dante causa, con obbligo di trasferimento in capo a quest'ultimo a semplice richiesta. Tuttavia, tale allegazione non risulta supportata da alcun riscontro probatorio, limitandosi l'attore a produrre a sostegno della propria pretesa il contratto di compravendita immobiliare (sub. doc. 2), privo di qualsivoglia riferimento agli asseriti obblighi collaterali assunti inter partes. Al riguardo va chiarito, in particolare, che il negozio fiduciario, non previsto espressamente dal nostro ordinamento, si ravvisa quando un soggetto (il fiduciante) trasferisce un bene ad un altro soggetto (il fiduciario), non già per realizzare il tipico effetto traslativo, bensì per conferire l'incarico al fiduciario di amministrare il bene secondo le sue direttive, con il vincolo obbligatorio di ritrasferirgli in futuro il diritto (o in alcuni casi di trasferirlo ad un terzo o di farne comunque un uso determinato). Il fiduciario, in particolare, viene investito dal fiduciante di una posizione reale - efficace cioè erga omnes - ma limitata nei rapporti interni dall'assunzione di un'obbligazione restitutoria del primo verso quest'ultimo. A prescindere dalla disquisizione non rilevante in questa sede - in ordine all'origine romanistica o germanistica da attribuire al pactum fiduciae, con le differenti conseguenze che ne derivano sul piano degli effetti giuridici, va detto che, per orientamento costante della giurisprudenza di legittimità, il negozio fiduciario rientra nella cotegoria più generale dei negozi indiretti, caratterizzati dal fatto di realizzare un determinato effetto giuridico non in via diretta, ma in via indiretta: il negozio, che è realmente voluto dalle parti, viene infatti posto in essere in vista di un fine pratico diverso da quello suo tipico, e corrispondente in sostanza alla funzione di un negozio diverso (ex multis, Cass. n /2011). Pertanto, l'intestazione fiduciaria di un bene comporta un vero e proprio trasferimento in favore del fiduciario - limitato però dagli obblighi stabiliti inter partes , compreso quello del trasferimento al fiduciante, in cui si ravvisa il contenuto del pactum fiduciae (Cass. n del 02/04/2009) - sicchè il trasferimento della proprietà di un bene dal fiduciante al fiduciario deve considerarsi non solo realmente voluto dalle parti, ma altresì integralmente perfezionato. Dalle considerazioni che precedono, discendono rilevanti conseguenze in tema di prova dell'esistenza del negozio in esame. Invero, come chiarito di recente dalla giurisprudenza di legittimità, ove tale patto abbia ad oggetto beni immobili, esso deve risultare da un atto avente forma scritta ad substantiam , atteso che esso è sostanzialmente equiparabile ad un contratto preliminare , per il quale l'art c.c. impone la stessa forma del contratto definitivo; nè l'atto scritto può essere sostituito da una dichiarazione confessoria provemente dall'altra parte, non valendo tale dichiarazione nè quale elemento integrante il contratto nè - anche quando contenga il preciso riferimento ad un contratto concluso per iscritto - come prova del medesimo (Cass. n /2011). Cosicchè, in mancanza di una pattuizione scritta con cui il fiduciario si obbliga a gestire il bene e a ritrasferirne la proprietà in capo al fiduciante, il pactum fiduciae non può dirsi provato, neppure in presenza di una dichiarazione confessoria di controparte, essendo la forma scritta richiesta ad substantiam. Orbene, nel caso di specie, l'attore - gravato del relativo onere probatorio - non ha fornito dimostrazione alcuna dell'esistenza del negozio, limitandosi ad allegare un preteso accordo di fiducia intercorso tra le parti, pur non provato da documentazione scritta, nonchè a formulare istanze di istruttoria orale evidentemente non ammissibili, in quanto volte a demandare a testi l'accertamento di circostanze da dimostrarsi necessariamente in via documentale. Del resto, l'obbligo di gestione e successivo ritrasferimento che parte attrice asserisce assunto dagli acquirenti intestatari del bene nei suoi confronti è contestato da parte convenuta, la quale sostiene che il contratto di compravendita si fosse all'epoca perfezionato con l'unico fine di trasferire la nuda proprietà del bene in capo a S. ed E. M. A., a fronte del corrispettivo di un idoneo prezzo. E tanto risulta in via documentale, atteso che il contratto di compravendita di nuda proprietà (prodotto sub doc. 2 di parte attrice), da un lato, contiene quietanza di pagamento da parte di Giovanni. M. A. per l'intera somma pattuita e, dall'altro, non fa menzione alcuna di obblighi ultronei e contrari rispetto a quello relativo al trasferimento del bene, nè tali obblighi inter partes risultano desumibili da ulteriori elementi. Va, inoltre, considerato che la circostanza dedotta dalla stessa parte attrice di aver voluto trasferire il bene, con obbligo per gli intestatari di gestire e di restituire il medesimo su sua semplice richiesta, varrebbe ad escludere la configurabilità nel caso di specie di una simulazione contrattuale, come al contrario sostenuto dalla difesa attorea in via subordinata. Deve, infatti, rilevarsi la sostanziale differenza che corre tra negozio simulato e negozio indiretto o fiduciario po
Similar documents
View more...
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks