Please download to get full document.

View again

of 17
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO AL BILANCIO

Category:

Books - Non-fiction

Publish on:

Views: 5 | Pages: 17

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
COMUNE DI MONZA ASSESSORATO AL BILANCIO RELAZIONI DEGLI ASSESSORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2009 MARCO MARIANI SINDACO PROVINCIA, ACCORDI DI PROGRAMMA, RAPPORTI CON LA STAMPA, CONTROLLO DI GESTIONE C era
Transcript
COMUNE DI MONZA ASSESSORATO AL BILANCIO RELAZIONI DEGLI ASSESSORI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2009 MARCO MARIANI SINDACO PROVINCIA, ACCORDI DI PROGRAMMA, RAPPORTI CON LA STAMPA, CONTROLLO DI GESTIONE C era un imperativo che anche quest anno aleggiava nel momento della compilazione del documento economico-finanziario municipale: il rispetto del Patto di Stabilità imposto dalla Legge Finanziaria agli enti locali. Dopo la sostanziale modifica del metodo di calcolo del Patto indicato nella Finanziaria 2007, che passava dal tetto di spesa al saldo tra entrate finali e spese finali, nel 2008 si è passati ad un saldo finanziario misto: per la parte corrente, inteso come saldo tra accertamenti delle entrate e impegni di spesa; per la parte in conto capitale, il saldo è inteso come differenza tra incassi e pagamenti. Tutto questo in senso migliorativo, ma non sufficiente per muoversi agevolmente. Senza entrare nello specifico del tema di pertinenza del competente Assessorato, mi limito a riportarmi a quello che fin dall insediamento era stato l indirizzo della nostra Amministrazione, laddove avevamo più volte sottolineato come stilare un Bilancio significa, sostanzialmente, svolgere un esercizio di sano realismo tra i progetti che si vogliono portare avanti e le finanze che sono a disposizione in tempi dove i richiami al risanamento dei conti pubblici sono praticamente quotidiani. Non solo: a tutto questo si è aggiunta la congiuntura sfavorevole di questi ultimi mesi frutto di una crisi finanziaria internazionale senza precedenti dal dopoguerra ad oggi che certamente non lascia margini a voli pindarici. Quindi, con i piedi ben saldi a terra, abbiamo indicato nel Bilancio di previsione le opere che riteniamo importanti per lo sviluppo futuro della nostra città, ma contemporaneamente abbiamo lavorato per far quadrare i conti, cercando di contenere anche parte del debito che pure resta importante. Le difficoltà per chiudere il cerchio non sono mancate, ma possiamo ritenerci soddisfatti del risultato raggiunto. La quadratura dei conti è stata fatta in funzione delle esigue risorse disponibili e del continuo aumento dei costi dei servizi, in attesa che venga dato corpo al Federalismo Fiscale che potrebbe liberare nuovi fondi. Nell immediato la nostra ottica operativa rimane quella del sano realismo e della sobrietà in funzione delle disponibilità effettive, cercando di non incidere sulle famiglie in tempi già difficili per i bilanci domestici: questa Amministrazione ritiene infatti importantissimo proprio il sostegno del fondamentale istituto familiare nel suo complesso e alle fasce sociali in difficoltà con appropriati servizi i cui costi per l ente pubblico sono facilmente intuibili. Va ulteriormente ribadito come i servizi rappresentano una delle voci di spesa rilevanti per le casse comunali e quindi aver evitato aumenti ai cittadini significa sostanzialmente aver dovuto sottoporre il nostro Bilancio a necessari contenimenti su altri fronti. La nota positiva riguarda l assegnazione del rating di livello A, da parte di una società internazionale certificata, al nostro Comune. Siamo stati inseriti nell ambito della categoria più alta, pur non essendo al vertice massimo, a testimonianza della garanzia di solvibilità delle nostre casse anche in funzione delle nuove normative che non impongono più alle banche di dare comunque credito agli enti locali. Il Piano triennale delle Opere Pubbliche identifica e sintetizza quella che è la nostra filosofia operativa fatta in primo luogo di grande concretezza. Il programma di interventi sul territorio costituisce momento attuativo di studi di fattibilità, di identificazione e quantificazione dei bisogni che l Amministrazione comunale predispone nell esercizio delle proprie competenze, in conformità con gli obiettivi che ritiene prioritari per la città. Riprendiamo sostanzialmente la linea presentata nell illustrazione del Bilancio 2008, non escludendo la formula del project financing, ma contemporaneamente pensando alla definizione di progetti necessari per dare risposte alle richieste, alle necessità e alle aspettative della cittadinanza con i benefici economici e sociali conseguibili. Nel programma, che prevede un ordine di priorità, vengono indicati i necessari interventi di manutenzione e di recupero del patrimonio esistente, di completamento dei lavori già iniziati, e i progetti esecutivi approvati. Il piano prevede i bisogni che possono essere soddisfatti sulla base delle disponibilità finanziarie previste tramite entrate aventi destinazione vincolata per legge, acquisite mediante contrazione di mutuo, per apporto di capitale privato, alienazioni e stanziamenti di bilancio. Il Piano triennale delle Opere Pubbliche costituisce parte integrante di questo Bilancio preventivo. Nel Piano la nostra attenzione viene riposta ai plessi scolastici, alle strade (marciapiedi, asfalti e illuminazione), all eliminazione delle barriere architettoniche, alla sistemazione viaria nel centro storico e nei quartieri, alla riqualificazione e all ammodernamento degli spazi cimiteriali, alla riqualificazione e al potenziamento delle aree verdi, al restauro di alcune cascine del parco e a necessari interventi sul suo patrimonio arboreo, alle opere di manutenzione straordinaria previsti per gli edifici pubblici, per gli alloggi comunali e gli impianti sportivi. Sul fronte della viabilità le opere più significative riguardano i sottopassi tra le vie Ovidio e Messa, quello del viale delle Industrie, l eliminazione del passaggio a livello di via Bergamo con via Buonarroti. Nell ambito del progetto di complessivo recupero del territorio cittadino, una particolare attenzione è stata riposta al commercio con appropriati interventi di riqualificazione urbana destinati proprio alla rivalutazione di aree significative per l intera economia commerciale locale. Sotto la voce del risanamento e del recupero del Parco e Villa Reale, avviato il completamento di nove stanze dello storico palazzo, è previsto il restauro del secondo lotto di Villa Mirabello, alcuni intereventi di manutenzione straordinaria alla Cascina S. Fedele che ospita i centri estivi per ragazzi, il recupero dei fabbricati accessori della Cascina Fontana (nuova sede dell amministrazione del Parco), la sistemazione delle fasce boscate, oltre ad altri interventi come il recupero di alcune strade interne al grande polmone verde, dello storico fontanile Pelucca, nuove piantumazioni e necessari trattamenti fitosanitari alle alberature. Come avevamo già anticipato a suo tempo, abbiamo pensato anche di ottimizzare la macchina comunale acquisendo nuovi spazi nell ex sede ASL di via Padre Reginaldo Giuliani. Tra le opere più significative inserite nel Bilancio: il potenziamento del sistema bibliotecario con una nuova sede nell ex caserma di piazza San Paolo, per la cui ristrutturazione è già stato previsto un primo stanziamento per il Una particolare attenzione viene posta sulle categorie più deboli, in particolare sugli anziani con un ulteriore intervento riguardante il servizio del Custode Sociale, la sentinella dell anziano più fragile, e l avvio del progetto del cosiddetto housing sociale con la realizzazione di una prima struttura presso il quartiere Libertà secondo i più moderni standard. In ambito museale, a seguito della prossima ultimazione di piazza Trento e Trieste, è prevista la realizzazione del Museo della Memoria nella parte sottostante il monumento ai caduti. Per quanto riguarda i servizi pubblici secondari, prenderà il via la riqualificazione dell area ex macello con un primo stanziamento nel 2009 destinato al recupero della tettoia cavalli e al potenziale riutilizzo del mercato coperto. Infine, alcuni interventi che danno importanza al valore sociale dello sport con il sostegno a discipline che hanno fatto storia nella nostra città come l hockey e il pattinaggio. Inserita nel Bilancio odierno anche una nuova palestra per la rotellistica. Sono previsti inoltre interventi su altri impianti di sostegno all attività delle singole società sportive. Infine, una sottolineatura particolare merita indubbiamente il Piano di Quartiere che porterà nei prossimi anni al recupero e a una complessiva rivalutazione della zona del Cantalupo, grazie anche ai contributi regionali. PROVINCIA Il 2009 è l anno della nostra Provincia: l accordo di programma per la realizzazione del polo istituzionale presso l area dell ex caserma IV novembre prevede per quest anno lo stanziamento di cifre importanti per la costruzione della nuova caserma della Guardia di Finanza, che accorperà il nucleo, il comando e il comando provinciale, e la nuova sede dell Ufficio delle Entrate, il tutto finalizzato alla realizzazione della cittadella finanziaria e del centro polifunzionale. Inutile ricordare che a Monza capoluogo è richiesto un importante impegno economico in linea con quella che dovrà essere la costruzione di un istituzione snella e davvero utile ai cittadini vicina ai valori tipici della Brianza. ACCORDI DI PROGRAMMA Tra gli accordi di programma in atto è certamente prioritario quello riferito alla nuova Provincia MB con le relative implicazioni per tutto il territorio. In questa visione anche alcuni passaggi del nuovo PGT, varato alla fine del 2007, che racchiude scelte urbanistiche riferite all insediamento dell istituzione provinciale briantea con una visione del capoluogo come centro di riferimento per i servizi, la cultura e lo sport, oggetto della prevista Variante in fase di ultimazione. Il Piano d Area della Brianza, varato dall Assemblea dei Sindaci, dove essere visto come opportunità per uno sviluppo infrastrutturale concordato del territorio che considera la centralità di Monza. Soprattutto si dovrà tenere conto del grande appuntamento che ci attende nel 2015, anno dell Expo Universale di Milano. Su questo tema l intesa con il Comune di Milano, che abbiamo direttamente sostenuto nella sua candidatura, ci porta a dire che i benefici per la città e il suo comprensorio saranno reali, per tutta la nostra economia e per i flussi turistici che potrebbero essere dirottati dalla vicina metropoli. Tra i problemi che intendiamo risolvere ci sono le questioni riguardanti i collegamenti tra Monza e la Brianza con Milano. Rimane tra i nostri obiettivi il prolungamento della rete metropolitana milanese che non può essere concentrato soltanto sulla nuova stazione di Bettola, riversando su Monza il traffico di attraversamento. Riteniamo necessario un accordo in grado di garantire alla nostra città il potenziamento della linea ferroviaria da Sesto San Giovanni verso nord fino a Villasanta con un nuovo binario, il prolungamento della metrotranvia al Rondò dei Pini, nuovi collegamenti est-ovest e il prolungamento della rete metropolitana da Cologno Nord verso Vimercate. Un importante accordo strategico, siglato il 30 luglio 2008 a Roma tra Ministero ai Beni Culturali e Ambientali, Regione Lombardia, Comune di Milano, Soprintendenza e Comune di Monza, sta portando alla costituzione del Consorzio che reggerà le sorti della Villa Reale e del Parco con l avvio del progetto di recupero dell intero patrimonio storico anche in vista dell EXPO 2015 che certamente vedrà Monza e l intera sua provincia al centro di eventi importanti. Un altro importante accordo riguarda l area dell Ospedale Vecchio, relativamente alla valorizzazione dell intera zona. Si dovrà completare il percorso che vede ormai sulla stessa linea l Azienda ospedaliera S. Gerardo, il Comune e anche la Regione. Siamo sulla buona strada per dare una risposta agli interessi delle parti in causa, con il Comune che recupererà l area dell ex nosocomio umbertino ad altre funzioni pubbliche e a nuovi insediamenti, mentre l ospedale richiede nuovi spazi e nuove risorse per potenziare la sua struttura che ha già raggiunto livelli d eccellenza. RAPPORTI CON I MEDIA Rinnovato l appalto per la realizzazione dell informatore comunale bimestrale Tua Monza, con costi esigui per l Amministrazione, si sta procedendo alla progressiva revisione del sito internet comunale nel quale è possibile oggi assistere alla diretta del Consiglio Comunale. Una significativa novità per mantenere un filo diretto con la cittadinanza attraverso modalità di comunicazione diretta. Sempre nel sito, l area dedicata ai giornalisti, seguiti quotidianamente dal nostro ufficio stampa. Costante è l invio ai media di comunicati stampa, informazioni, delibere e determine. Frequenti sono le conferenze stampa che permettono un contatto diretto con i singoli Assessori. Continuano i progetti del servizio d informazione al cittadino attraverso SMS, rivisto nel corso del 2008 con una nuova prassi di accreditamento tematico per settori d interesse, e dei touch-screen informativi dislocati in punti nevralgici della città. In questi ultimi tempi il servizio di informazione stampa e la segreteria del Sindaco sono stati di fatto accorpati e al loro fianco opera presso l Urban Center l Ufficio Comunicazione con l intento di creare un preciso polo di riferimento in grado di organizzare e gestire la comunicazione dell articolata macchina comunale e i vari strumenti mediatici utilizzati dalla comunicazione istituzionale classica (manifesti, locandine, brochure) ai nuovi sistemi, fino alla sperimentazione della piattaforma bluetooth. L Urban Center ha dimostrato di essere sede idonea per attività convegnistica ed espositiva, e anche punto di riferimento per l organizzazione degli eventi comunali attraverso la struttura preposta alla comunicazione. CONTROLLO DI GESTIONE Nel corso del 2009 si proseguirà nella revisione dei vigenti sistemi di pianificazione e controllo, già avviata mediante la nuova formulazione del PEG 2008, allo scopo di renderli maggiormente funzionali alla gestione e coerenti con la struttura organizzativa dell Ente. Si intende inoltre costruire e introdurre, già a partire dal 2009, un sistema di verifica e monitoraggio delle performance dell Ente rispetto ai servizi/funzioni di maggiore rilievo, basato su specifici indicatori di risultato, con l obiettivo di strutturare un efficace sistema di reporting, ad uso interno, che fornisca periodicamente un quadro sintetico e realistico circa l andamento delle principali attività dell Ente e che fornisca gli elementi iniziali per eventuali valutazioni gestionali strategiche. DARIO ALLEVI VICESINDACO ASSESSORE ALLO SPORT, TURISMO E SPETTACOLO, AFFARI ISTITUZIONALI SPORT Coerentemente con le linee strategiche definite dalla Giunta, in funzione della crescente domanda di servizi da parte dell utenza, il programma del settore Attività Sportive si pone come obiettivo principale quello di promuovere la pratica sportiva attraverso la gestione diretta e non di impianti e di far conoscere ai cittadini le varie discipline sportive con la promozione di progetti, eventi e manifestazioni organizzate direttamente e in collaborazione con terzi. La promozione dello sport in tutte le sue molteplici discipline sportive deve essere sicuramente tra gli obiettivi strategici di un amministrazione che si rispetti e che intenda valorizzare tutti quei servizi, a domanda individuale, divenuti ormai indispensabili per il benessere psico-fisico e per il vivere sociale. Purtroppo la concezione che lo sport sia marginale rispetto ad altri settori cui dedicare consistenti risorse continua ad essere largamente diffusa e, a diversi livelli, si tende a tagliare piuttosto che ad investire. Investimenti I piani di sviluppo previsti dal mio Assessorato, in controtendenza a quanto sopra riportato, sono quelli di rafforzare il ruolo della Pubblica Amministrazione nel promuovere e diffondere le diverse attività sportive, con maggiori incentivi alle società sportive e la messa a disposizione di spazi e attrezzature adeguate. L impegno per il 2009 e per i successivi anni di mandato è quello da una parte di dedicare con costanza maggiori risorse economiche a favore delle attività sportive e dell associazionismo monzese, notoriamente basato sul volontariato e sempre più pressato dalle aumentate difficoltà economiche, così che possa continuare a svolgere il suo ruolo propulsivo; dall altra quello di incrementare e qualificare le occasioni e gli eventi sportivi in città con particolare riferimento all utilizzo dei grandi impianti cittadini (Palazzetto, Stadio, centro natatorio ecc) mediante iniziative che portino la città stessa ad assumere il ruolo che le spetta nell ambito della nuova provincia. Attività sportive L obiettivo strategico è quello di soddisfare il più possibile la crescente domanda di sport con servizi ed iniziative adeguate investendo risorse soprattutto nella cultura dello sport che deve arrivare ai giovani, futuro e risorsa della nostra società, passando attraverso la scuola. Verranno garantite le risorse per la continuità dei progetti sportivi consolidati in ambito scolastico : Progetto Porta il banco in piscina : un progetto educativo con obiettivi sportivi, culturali, didattici e sociali che si propone di trasmettere l amore per l acqua e il piacere di conoscerla come fonte di gioia e gioco a tutti gli alunni delle scuole pubbliche monzesi; Progetto Monza 96: un progetto pilota di educazione motorio-fisico sportiva, attuato in via sperimentale nel 1996 a Monza, rivolto a tutte le scuole pubbliche di ogni ordine e grado che coinvolge 5000 studenti con gli obiettivo di: 1) costruire e sperimentare un percorso che possa dare grande spazio all attività motoria; 2) diffondere l attività fisica perché la sua pratica diventi abitudine di vita; 3) incrementare un percorso che favorisca lo sviluppo delle capacità motorie nella continuità, dalla materna alla media superiore; 4) valorizzare le strutture sportive scolastiche come ambiente educativo ed aree di stimolo e benessere; 5) favorire lo sviluppo delle abilità di base come prerequisiti di un corretto approccio educativo all attività presportiva e sportiva; Campionati sportivi studenteschi: ovvero la gestione, in collaborazione con la Commissione Comunale Sportiva Scolastica e i docenti di educazione fisica, delle fasi comunali e provinciali dei giochi sportivi studenteschi e dei campionati scolastici che permettono a tutti gli studenti delle scuole medie di 1 e 2 grado di cimentare le proprie abilità sportive in vere e proprie competizioni agonistiche. La manifestazione lancio, corro e salto rivolta a tutti i ragazzi delle classi V elementari che rappresenta il primo approccio ludico della popolazione scolastica alla gare che si troveranno ad affrontare nelle scuole medie. Verranno inoltre proposti ed incentivati nuovi progetti in collaborazione con le società sportive del territorio quale Io posso difendermi, un corso di autodifesa personale rivolto alle ragazze delle scuole superiori e i corsi gratuiti di sci di fondo e di quello alpino promossi in collaborazione con le società del territorio. Per tutti i cittadini monzesi si riproporranno i corsi organizzati dall Amministrazione Comunale presso il centro sportivo NEI potenziando e migliorando l offerta del fitness e le attrezzature didattiche. Particolare attenzione verrà data alle attività rivolte ai diversamente abili realizzate in collaborazione con l US.S. BRIANZA TREMOLADA presso la piscina del Nei grazie alla sottoscrizione di una convenzione triennale per la gestione del servizio e alla sistemazione dei parcheggi riservati. Per la stagione 2008/2009 inoltre l Assessorato ha aderito alla campagna Adotta un Campione sostenendo economicamente i costi della trasferta dell atleta monzese Alessandra Riboldi che parteciperà ai campionati del mondo Special Olympics. Nel periodo estivo (giugno/luglio) verranno mantenuti i camp estivi Io, gli altri e lo sport rivolti ai ragazzi delle classi IV e V elementari. Questo anche per soddisfare la necessità delle famiglie che lavorano di collocare i ragazzi nel periodo di vacanza scolastica e di permettere loro di continuare a sviluppare il cammino di educazione motorio-sportiva promosso durante l anno con le attività
Similar documents
View more...
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks