Please download to get full document.

View again

of 7
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

GUIDA SINTETICA. di Statistics explorer

Category:

Travel

Publish on:

Views: 7 | Pages: 7

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
GUIDA SINTETICA di Statistics explorer I grafici di Statistics explorer L applicazione, nella sua versione iniziale di default, presenta contemporaneamente 3 grafici dinamici sulla stessa pagina web. Le
Transcript
GUIDA SINTETICA di Statistics explorer I grafici di Statistics explorer L applicazione, nella sua versione iniziale di default, presenta contemporaneamente 3 grafici dinamici sulla stessa pagina web. Le tre rappresentazioni grafiche rappresentate sono solo 3 delle 9 possibili rappresentazioni grafiche che Statistics explorer (d ora in poi denominato StX ) mette a disposizione dell utilizzatore. Si può ingrandire ogni grafico sull intera pagina cliccando sull icona quadrata con 4 frecce in alto a destra di ciascun grafico. Cliccando di nuovo sulla stessa icona si torna alla visualizzazione iniziale a 3 grafici. Le tre rappresentazioni presenti nella versione iniziale di StX sono le seguenti: in alto a sinistra c è la mappa tematica, ovvero una cartina dell Italia con le varie regioni colorate a seconda dei valori assunti dalla variabile presente nel menu verticale in basso a sinistra della mappa; tale menu verticale, come per gli altri grafici, riporta l elenco delle variabili che è possibile rappresentare nel grafico che gli sta accanto. Accanto a tale menu è presente, inoltre, la legenda dei colori, che è possibile modificare a piacimento, creando nuove classi (e colorando, quindi, in modo diverso le regioni) per la variabile oggetto di studio. in alto a destra è presente lo scatter plot, ossia un grafico su coordinate cartesiane nel quale è possibile rappresentare fino a 5 variabili contemporaneamente: una sull asse delle ascisse (quello orizzontale), menu orizzontale in basso, sotto l asse delle ascisse; una sull asse delle ordinate (quello verticale), menu verticale a sinistra, vicino all asse delle ordinate; un altra variabile è rappresentata dalla grandezza dei cerchi che rappresentano le varie regioni (menu sopra lo scatter plot); una quarta variabile è data dal colore dei cerchi e tale variabile coincide con la variabile presente nella mappa tematica appena illustrata; la quinta variabile presente è il tempo (sempre che i dati caricati siano una serie storica) e tale variabile è gestita dal menu in fondo alla pagina web (le tre frecce in basso a sinistra). nella parte inferiore della pagina vi è, infine, il grafico delle distribuzioni; tale grafico è un metodo alternativo per rappresentare una delle variabili degli altri grafici. In particolare l Italia viene suddivisa nelle 5 classiche ripartizioni geografiche (Nord-ovest, Nord-est, Centro, Sud e Isole) e per ogni ripartizione vengono presentati i dati relativi alle regioni che compongono tale ripartizione, dando l idea del range di variazione (differenza tra minimo e massimo) della variabile in esame per ciascuna ripartizione. Per ognuno dei tre grafici è possibile attivare il menu in fondo alla pagina, che mostra l evoluzione nel tempo delle variabili nei vari grafici contemporaneamente. Tramite i citati menu vicini ai grafici è possibile, inoltre, cambiare la variabile rappresentata nei grafici stessi. Nel caso dello scatter plot è possibile cambiare, tramite i menu che circondano il grafico, tre delle variabili in esso rappresentate. Come detto, i grafici citati sono solo tre delle nove possibili visualizzazioni che StX mette a disposizione dell utente. E possibile visualizzare gli altri grafici disponibili cliccando sul loro nome, che compare sopra il grafico stesso. Ecco una lista delle altre possibili visualizzazioni a disposizione: in alto a sinistra, accanto alla mappa tematica, è possibile visualizzare lo scatter matrix; quest ultimo non è un grafico ma un insieme di grafici che analizza la possibile correlazione tra tutte la variabili precedentemente selezionate, ovvero se al variare di una variabile l altra varia in un senso o nell altro; la correlazione è positiva se all aumentare di una variabile aumenta anche l altra, negativa se all aumentare di una variabile l altra diminuisce o viceversa. Sono presenti, in particolare, una serie di rettangoli, ciascuno dei quali evidenzia l incrocio tra due variabili. Se è presente una correlazione positiva (significativa o meno) tra le variabili presenti nel rettangolo quest ultimo è colorato in verde, se tale correlazione (significativa o meno) è negativa il rettangolo è colorato in rosa; è inoltre presente una miniaturizzazione dello scatter plot corrispondente. Cliccando sui vari rettangoli si ottengono, a destra, i relativi scatter plot (vedi sopra), che illustrano sul piano cartesiano la relazione tra le variabili del rettangolo stesso. in alto a destra, accanto allo scatter plot, è presente anche il table lens; tale grafico, o meglio insieme di grafici, propone una serie di grafici a barre relativi alle variabili precedentemente selezionate. Non sono riportati i nomi delle regioni cui i dati si riferiscono. Per individuare a quali regioni si riferisce ciascun dato bisogna selezionare sulla mappa a destra una regione (o anche su un altro grafico il dato riferito ad una regione particolare) e sul table lens apparirà il nome della regione evidenziata. Per evidenziare più regioni allo stesso tempo basta effettuare una selezione multipla premendo il tasto Crtl e cliccando sulle regioni che via via si vogliono evidenziare. La particolarità di questo insieme di grafici è quella che, cliccando in alto sul nome della variabile, si ottiene l ordinamento di tutti i grafici a barre condizionato dai dati della variabile prescelta, ottenendo così inoltre la posizione della regione nelle graduatorie riferite a più variabili. accanto a questo grafico è presente la tabella dati, che riporta per ogni regione i dati di tutte le variabili precedentemente selezionate. in basso, oltre al grafico delle distribuzioni già illustrato, è presente o l istogramma o il grafico a barre (pulsante istogramma ), che rappresenta i dati con i classici rettangoli proporzionali ai valori della variabile analizzata. vi è quindi l istogramma temporale. Tale grafico è di default vuoto e si popola di dati solo quando viene evidenziata una regione in particolare. Una volta scelta una regione (cliccando col mouse sopra la stessa), per esempio sulla mappa tematica, appaiono i dati riferiti alla variabile scelta nei vari anni presi in esame. è presente inoltre, la serie storica. In tale grafico sono rappresentati gli andamenti della variabile nei vari anni per tutte le regioni italiane. Di default tali linee sono rappresentate in modo quasi indistinto, solo una volta evidenziata la regione o le regioni appaiono i rispettivi andamenti con un tratto più spesso, in modo da poter seguire l evoluzione temporale della variabile nella regione o nelle regioni che interessano. infine, l ultimo grafico presente è quello delle coordinate parallele. In tale grafico si possono leggere i dati riferiti alle varie regioni (solo evidenziando, al solito, una o più regioni) delle variabili precedentemente selezionate. Con un tratto marcato verde è disegnata la linea che raggruppa le medie di ciascuna variabile, per effettuare confronti con i dati della regione o delle regioni che si stanno analizzando in particolare. Le linee relative alle varie regioni non vanno interpretate come andamenti, come nel precedente caso, poiché legano dati riferiti a unità di misura diverse tra loro ma tutti riferiti allo stesso arco temporale; tali linee rappresentano, quindi, il/i profilo/i della regione o delle regioni per tutte le variabili selezionate. I pulsanti di scelta rapida (in alto a destra) Per mezzo dei pulsanti di scelta rapida si può accedere rapidamente a una selezione dei comandi presenti nei menu in alto a sinistra. Il primo pulsante disponibile è il pulsante Dati. Attraverso tale funzione si possono visualizzare altri indicatori, oltre a quelli già visibili di default. Per visualizzare ulteriori variabili, già comunque caricate su StX, bisogna eseguire una serie di operazioni. Una volta cliccato sul menu Dati si deve cliccare sul sottomenu Aggiungi indicatori. Apparirà una schermata nella quale, oltre a tutti gli indicatori già presenti su StX, sono presenti, in basso, una serie di categorie di indicatori; ovvero indicatori sulla Salute, sul Benessere economico/povertà, sull Istruzione e formazione ecc.. Una volta selezionata una categoria di interesse si scelgono all interno di essa gli indicatori che si vogliono importare nel sistema, che possono essere anche tutti gli indicatori presenti per ciascuna categoria. Per scegliere gli indicatori si dovrà biffare la casella presente accanto al nome di ciascuno di essi ovvero il comando Tutti per selezionare tutti gli indicatori della categoria prescelta. Una volta scelti gli indicatori da importare e definito l'intervallo temporale si clicca sul comando importa e i nuovi indicatori appariranno sul menu principale. Fatto questo si biffa il quadratino posto sotto la dicitura indicatori precaricati, per biffare nuovamente tutti gli indicatori appena inseriti. Se non si esegue tale seconda biffatura il sistema non carica gli indicatori che si sono selezionati. Ultima operazione da compiere è quella di cliccare sul comando importa in arancione in basso a destra e il sistema importerà gli indicatori che si è scelto di aggiungere. Una volta eseguite tutte queste operazioni si potranno visualizzare i grafici descritti in precedenza utilizzando tutte le variabili importate nel sistema. Accanto al pulsante Dati vi è il pulsante Territori. Attraverso tale pulsante, selezionando o deselezionando le ripartizioni territoriali italiane, si possono includere ovvero escludere queste ultime dai grafici. Il terzo pulsante, Lista dati, permette di visualizzare, per una regione che si è evidenziata sulla mappa tematica o in un altro grafico, tutte le informazioni statistiche relative agli indicatori precedentemente selezionati. Cliccando su tale pulsante compare una tabella statistica che presenta a sinistra il nome delle variabili e a destra il valore che la variabile ha nella regione in questione e la sua unità di misura. Il quarto pulsante, Categorie, rientra nella serie di funzioni particolarmente complesse di StX di cui si parla nel paragrafo successivo e non adatte a un pubblico di studenti di scuole secondarie di secondo grado, per cui si ritiene opportuno che gli insegnanti non ne tengano conto. Col pulsante successivo, Stile linea, si possono modificare gli stili delle linee utilizzate da StX per seguire in maniera più chiara gli andamenti nei grafici delle diverse regioni evidenziate nel grafico stesso. Il penultimo pulsante della barra superiore, Ind. Filtro, permette di utilizzare dei filtri sulle varie variabili elencate facendo scorrere i cursori sulle linee sottostanti ciascuna variabile. Scorrendo i cursori presenti si possono escludere (temporaneamente) dall analisi le regioni che hanno valori minori o maggiori di quelli impostati per mezzo dei cursori. Tramite tale comando si possono così prendere in considerazione solo alcune regioni e non altre, in base ai limiti impostati. Si possono anche escludere dall analisi le regioni in base a una combinazione di filtri su più variabili. L ultimo pulsante presente, Ind. Scelto, consente di selezionare le variabili che si vuole inserire nell analisi ovvero escludere da essa. I menu comandi (in alto a sinistra) Passiamo ora ai menu in alto a sinistra della pagina web. Il menu File contiene a sua volta 5 comandi. Per il primo comando Gestisci dati si rimanda, per la spiegazione, all identico pulsante Dati in alto a destra, pulsante illustrato nel paragrafo precedente. Vi è poi il comando Salva i dati, attraverso il quale si possono esportare i dati visualizzati in StX. Si possono scegliere due formati per scaricare tali dati: uno è un formato speciale del formato testo generico, studiato appositamente per StX (qui denominato explorer Unicode ), ovvero si può scegliere il formato testo classico, scegliendo indifferentemente le due opzioni Tabella verticale o Column list. Le ultime tre funzioni del menu File ( Categorie, Ordinamento indicatori ed Elaboratore dati ) sono particolarmente complesse e non adatte a un pubblico di studenti di scuole secondarie di secondo grado, per cui si ritiene opportuno che gli insegnanti non ne tengano conto. A titolo esemplificativo l ultima funzione, Elaboratore dati, permette di calcolare combinazioni lineari o non lineari degli indicatori presenti su StX, combinandoli tra loro in maniera anche molto articolata. Il secondo menu in alto a sinistra, Opzioni contiene a sua volta 7 comandi: il primo comando, Lingua interfaccia, permette di cambiare la lingua dell interfaccia di StX, anche se gli indicatori rimangono in ogni caso in italiano; per il secondo comando, Stile linea, si rimanda al pulsante di ugual nome illustrato nel paragrafo precedente; ugualmente il comando Gruppi e territori è presente anche tra i pulsanti di scelta rapida in alto a destra col solo nome di Territori e anche stavolta si rimanda al paragrafo precedente; anche il quarto comando, Filtro Indicatore e il quinto, Selezione Indicatori, sono presenti tra i succitati pulsanti di scelta rapida descritti nel paragrafo precedente; il sesto comando, Legenda Colori, contiene a sua volta due sottocomandi: il comando Mostra/Nascondi legenda, che permette di far sparire o apparire di nuovo la legenda dei colori presente nella mappa tematica in alto a sinistra, e il comando Opzioni, attraverso il quale si può cambiare la scala cromatica utilizzata nei vari grafici ovvero aggiungere una propria scala cromatica; il settimo comando, Mappa, rimanda a sua volta a 4 sottocomandi: col comando Strumenti di navigazione si possono togliere o reinserire gli strumenti di navigazione dalla/nella mappa tematica (tali strumenti permettono di ingrandire, rimpicciolire o spostate la mappa stessa); il comando Mappa permette di scegliere tra alcune opzioni riguardanti quest ultima (la trasparenza dei colori, la presenza della legenda ecc.); col comando Grafico a torta si possono inserire dei piccoli grafici a torta sopra ogni regione della mappa, nei quali rappresentare ulteriori variabili; il comando Parametri permette di inserire dei piccoli istogrammi sopra ogni regione della mappa nei quali rappresentare nuovamente, come per i grafici a torta, ulteriori variabili. Il terzo menu in alto a sinistra, Visualizza, contiene quattro comandi. Il primo comando, Dettagli della selezione equivale al pulsante di scelta rapida Lista dati descritto nel paragrafo precedente. Il secondo comando, Cambia layout, permette di cambiare la disposizione dei grafici sullo schermo. Col terzo comando, Indice dei temi, si può eliminare o reintrodurre la vista sulla colonna di destra, che contiene l indice dei temi e il menu per creare le storie di StX (vedi paragrafo successivo). Il quarto e ultimo comando, Modalità di presentazione, permette di ingrandire o rimpicciolire i nomi delle variabili rappresentate nei vari grafici di StX. L ultimo menu, Guida, contiene a sua volta tre comandi. Il primo di essi, Online Help, rimanda alla guida completa a tutti i comandi e i menu di StX (in inglese). Il secondo comando, Informazioni, fornisce alcune caratteristiche tecniche dell applicazione web. Il terzo e ultimo comando, Carica dati da excel, rimanda al menu della guida in inglese contenente istruzioni dettagliate sul modo di caricare propri dati in formato Excel su StX (possibili fogli Excel tipo da inserire, caratteristiche dei file da inserire a seconda dei territori che si stanno analizzando ecc.). Come creare le storie in StX Cosa sono le storie di StX? Sono delle brevi narrazioni create dall utente a commento dei grafici e rappresentano un ottimo strumento per un analisi condivisa e collaborativa dei dati. Si possono corredare tali narrazioni di link a grafici creati di volta in volta per illustrare i concetti che si stanno descrivendo. Per creare le storie con StX si devono utilizzare i pulsanti in basso a destra della pagina web. Il pulsante per creare una nuova storia è, come dice il suo nome, Crea. Cliccando su tale pulsante compare una schermata che chiede di scegliere tra storie standard (storie che si intende condividere con altri utenti e/o che contengono anche dati caricati in StX dall esterno) e storie interne (ovvero storie che si utilizzeranno solo nella versione presente di StX e/o che non contengono dati esterni all applicazione). Scegliamo una storia standard, di cui consigliamo l utilizzo. Nella finestra che si apre vi è la possibilità di biffare la casella solo dati visibili. Biffando su tale casella si escludono dall analisi statistica i territori che sono stati filtrati e quindi già esclusi in precedenza. Il passaggio successivo è quello di scrivere il titolo della nuova storia, il suo autore e l organizzazione cui quest ultimo appartiene. Fatto questo e cliccato su Avanti si arriva alla schermata attraverso la quale si può scrivere la storia stessa. La storia può avere una sola sezione o più sezioni. Col comando nella parte superiore del pop-up si possono aggiungere altre sezioni alla storia. Nel caso la storia sia composta da più sezioni si devono scrivere i titoli di ciascuna sezione. A destra del pop-up si può scrivere materialmente la storia, utilizzando semplici elementi di editing, quali il tipo di carattere, la sua grandezza e il suo colore. Vi è anche la possibilità di sottolineare i caratteri, di scriverli in grassetto o in italico. Si possono, infine, aggiungere al testo degli elenchi puntati (ultimo pulsante a destra). A sinistra del pop-up vi è il pannello degli snapshot. Tali snapshot sono delle istantanee (fotografie) dello schermo per come appare al momento della foto, ovvero con il/i grafico/i visualizzato/i in quell istante. Il pulsante snapshot permette di fermare tale schermata e di utilizzarla all interno della storia. Si può decidere di scattare tali snapshot via via che si creano nuovi grafici e si scrive la storia, nei suoi vari capitoli. Ovvero si possono scattare le snapshot tutte insieme all inizio, prima di cominciare a scrivere la storia, e poi si possono inserire tali snapshot nella storia tramite il comando apposito. Come fare, quindi, per inserire le foto all interno delle varie storie? A tale scopo si deve utilizzare il comando Snapshot, posto sopra lo spazio adibito alla scrittura. Prima di far questo si deve evidenziare la parola o le parole che sono legate alla foto che si vuole allegare. Fatto questo si clicca sul suddetto comando Snapshot e si sceglie quale snapshot va inserita in corrispondenza della/delle parola/e evidenziata/e in precedenza. Nello stesso modo cliccando sul comando URL, accanto al comando Snapshot, si possono inserire dei collegamenti ipertestuali legati alla/e parola/e evidenziata/e. Si scriverà tale link nell apposito spazio che compare una volta cliccato il comando URL. La storia si può, quindi, modificare col comando Modifica, eliminare col comando Cancella e salvare sul computer col comando Salva. Il comando Apri permette di aprire nuovamente una storia creata e salvata nel proprio computer in una sessione di lavoro precedente all attuale.
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks