Please download to get full document.

View again

of 5
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

Prime osservazioni sul nuovo pignoramento di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi ex art. 521 bis c.p.c.

Category:

Research

Publish on:

Views: 7 | Pages: 5

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
PIETRO GOBIO CASALI Prime osservazioni sul nuovo pignoramento di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi ex art. 521 bis c.p.c. Nella sua ormai febbrile opera di modifica del codice di procedura civile, il
Transcript
PIETRO GOBIO CASALI Prime osservazioni sul nuovo pignoramento di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi ex art. 521 bis c.p.c. Nella sua ormai febbrile opera di modifica del codice di procedura civile, il legislatore ci ha abituato a riforme che spesso non portano alcun beneficio concreto. Basti pensare quanto al recentissimo Decreto Legge n. 132/2014 convertito con modifiche nella Legge n. 162/2014 alle norme sul trasferimento delle controversie in sede arbitrale, norme che non considerano gli alti costi dell arbitrato e il fatto che quasi sempre è solo una delle parti che vuole giungere velocemente alla conclusione del giudizio (laddove la novella richiede invece un istanza congiunta delle parti). E quindi da salutare con favore l introduzione, tramite l art. 19 del succitato D.L. n. 132/2014, di una nuova modalità di pignoramento dei veicoli che agevola realmente i creditori, tanto più in un panorama di desolante inefficacia dell esecuzione forzata, soprattutto mobiliare. Fino ad oggi questo tipo di pignoramento doveva avvenire secondo le norme dell espropriazione mobiliare presso il debitore 1. Era quindi necessaria la materiale individuazione del bene, che si presentava molto difficile in quanto: a) durante il giorno il veicolo spesso circola, per cui si trova in luoghi diversi dalla residenza o dalla sede del debitore; b) lo stesso può essere ricoverato in un garage o in altri luoghi ai quali l ufficiale giudiziario non ha facile ed immediato accesso. 1 cfr. SASSANI MICCOLIS - PERAGO, L esecuzione forzata. Lezioni, Torino, 2013, 45; CARPI TARUFFO, Commentario breve al codice di procedura civile, Padova, 2006, sub art. 513. Al contrario l art. 521 bis c.p.c. stabilisce ora che il pignoramento di autoveicoli, motoveicoli e rimorchi si esegue mediante notificazione al debitore e successiva trascrizione di un atto nel quale si indicano esattamente, con gli estremi richiesti dalla legge speciale per la loro iscrizione nei pubblici registri, i beni e i diritti che si intendono sottoporre ad esecuzione, e gli si fa l'ingiunzione prevista nell'articolo 492. In sostanza ora la modalità di pignoramento viene opportunamente equiparata a quella prevista per l espropriazione immobiliare, che appunto non richiede alcuna forma di apprensione materiale del bene (v. art. 555 c.p.c.). Secondo il citato comma 1 dell art. 521 bis c.p.c. nell atto il veicolo va indicato con gli estremi richiesti dalla legge per l iscrizione nel pubblico registro. In proposito segnaliamo che l art. 12 Regio Decreto n. 436/1927 riguardante i contratti di vendita degli autoveicoli e l istituzione del p.r.a. indica gli elementi che devono essere iscritti nel pubblico registro automobilistico (targa, caratteristiche di fabbricazione, nome del proprietario etc.). A seguito della notifica il pignoramento va trascritto al p.r.a., così da rendere inefficaci eventuali atti successivi compiuti dal debitore (v. art c.c.) e così da informare altri creditori interessati all intervento nella procedura esecutiva. Sul punto la norma in esame precisa che, dopo la notifica, l'ufficiale giudiziario consegna senza ritardo al creditore l'atto di pignoramento perché proceda appunto alla trascrizione (art. 521 bis c.p.c., comma 5). L art. 521 bis comma 1 c.p.c. stabilisce anche che il pignoramento contiene altresì l'intimazione a consegnare entro dieci giorni i beni pignorati, nonché i titoli e i documenti relativi alla proprietà e all'uso dei medesimi, all'istituto vendite giudiziarie autorizzato ad operare nel territorio del circondario nel quale è compreso il luogo in cui il debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede. Qui sta il punto dolente della nuova procedura: chi pratica l esecuzione forzata sa bene che quasi mai il debitore collabora ed anzi è capitato in passato che egli facesse sparire le vetture pignorate, senza curarsi minimamente delle (teoriche) sanzioni penali. C è quindi il rischio che pure il nuovo meccanismo così come congegnato - si risolva in un nulla di fatto ovvero che il vecchio problema relativo all apprensione del veicolo semplicemente si presenti nella seconda fase del procedimento. Per scongiurare questo rischio il comma 4 prevede che, se il debitore omette la consegna all i.v.g., gli organi di polizia che accertano la circolazione dei beni pignorati procedono al ritiro della carta di circolazione nonché, ove possibile, dei titoli e dei documenti relativi alla proprietà e all'uso dei beni pignorati e consegnano il bene pignorato all'istituto vendite giudiziarie. E però bassa la probabilità statistica che la polizia effettui un controllo proprio sul veicolo pignorato e che verifichi in quel frangente pure le risultanze del p.r.a. Se dunque la consegna non avviene, entro novanta giorni dal pignoramento 2 il creditore è costretto a decidere se dare comunque impulso alla procedura, sperando che a breve la polizia o l i.v.g. intercettino il bene 3, oppure lasciar perdere. 2 Il pignoramento perde efficacia quando dal suo compimento sono trascorsi novanta giorni senza che sia stata chiesta l'assegnazione o la vendita (art. 497 c.p.c.). 3 Ex art. 521 c.p.c., quando è depositata l'istanza di vendita, l istituto vendite giudiziarie nominato custode previo invio di comunicazione contenente la data e l'orario approssimativo dell'accesso, provvede al trasporto dei beni pignorati presso la propria sede o altri locali nella propria disponibilità. Le persone incaricate dall'istituto, quando risulta necessario per apprendere i beni, possono aprire porte, ripostigli e recipienti e richiedere l'assistenza della forza pubblica. Per i beni che risultano difficilmente trasportabili con l'impiego dei mezzi usualmente utilizzati l'istituto può chiedere di essere autorizzato a provvedere alla loro custodia nel luogo in cui si trovano. I comportamenti fraudolenti del debitore possono tuttavia vanificare in concreto l esercizio delle facoltà assegnate al custode. Il problema della mancata consegna del veicolo, oltretutto, si acuisce nella fase finale della procedura, al momento della vendita o dell assegnazione, essendo a quel punto improrogabile la sua identificazione materiale e la sua consegna al nuovo proprietario. Il comma 3 dell art. 521 bis c.p.c. prevede che al momento della consegna l'istituto vendite giudiziarie assume la custodia del bene pignorato e ne dà immediata comunicazione al creditore pignorante, a mezzo posta elettronica certificata ove possibile. Entro trenta giorni da questa comunicazione il creditore deve depositare nella cancelleria del tribunale competente 4 la nota di iscrizione a ruolo, con copie conformi del titolo esecutivo, del precetto, dell'atto di pignoramento e della nota di trascrizione. La stessa disposizione, al fine di semplificare gli adempimenti burocratici, aggiunge opportunamente che la conformità di tali copie è attestata dall'avvocato del creditore, in linea con quanto previsto dalla recente Legge n. 114/2014 sui poteri di autentica del difensore. Sempre secondo l art. 521 bis c.p.c. il pignoramento perde efficacia quando la nota di iscrizione a ruolo e le copie degli atti sono depositate oltre il suddetto termine di trenta giorni. Previsione che si adegua alla curiosa tendenza del legislatore a fissare brevi termini perentori a carico degli avvocati, quasi che questo potesse realmente contribuire ad accorciare la durata dei nostri processi. L articolo in esame si chiude precisando che si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni del presente capo. Ciò significa che per il resto l espropriazione forzata di 4 Ai sensi del novellato art. 26 comma 2 c.p.c. per l esecuzione forzata su autoveicoli, motoveicoli e rimorchi è competente il giudice del luogo in cui il debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede. autoveicoli, motoveicoli e rimorchi è disciplinata dalle norme sulla espropriazione mobiliare presso il debitore (artt. 513 ss. c.p.c.). Sotto questo profilo appare utile ricordare che in questo tipo di esecuzione, quando il valore del bene pignorato risulta da listino di mercato, il creditore può chiedere direttamente l assegnazione, senza dover prima tentare la vendita (art. 529 comma 2 c.p.c.). Tale norma assume rilievo proprio nel caso dei veicoli, il cui valore risulta da listini commerciali, in quanto un automobile, un furgone o un motociclo rientrano tra i rari beni mobili pignorabili che i creditori possono avere interesse ad acquisire. In tal senso la giurisprudenza ha appunto affermato che, poiché i prezzi medi di compravendita di autovetture usate sono pubblicati su varie riviste, il creditore procedente può chiedere, in alternativa alla vendita, l'assegnazione dell'autovettura pignorata senza dover prima attendere l'esito negativo dell'incanto 5. Va ricordato infine che, sempre ai sensi dell art. 529 c.p.c., al ricorso per la vendita o per l assegnazione il creditore deve unire il certificato d iscrizione dei privilegi gravanti sui mobili pignorati. Nel caso in esame dovrà dunque allegare il certificato cronologico rilasciato dal pubblico registro automobilistico 6. 5 Trib. Ascoli Piceno, 13 aprile 2008, in banca dati juris data. 6 Cfr. GRAMAGLIA, Guida al processo civile, Milano, 2006, 238.
Similar documents
View more...
Search Related
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks