Please download to get full document.

View again

of 13
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 29 aprile 2010 (*)

Category:

Business & Economics

Publish on:

Views: 5 | Pages: 13

Extension: PDF | Download: 0

Share
Related documents
Description
SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 29 aprile 2010 (*) «Tariffa doganale comune Voci doganali Classificazione nella nomenclatura combinata dei guanti da equitazione Voce 3926 Voce 6116» Nel procedimento
Transcript
SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 29 aprile 2010 (*) «Tariffa doganale comune Voci doganali Classificazione nella nomenclatura combinata dei guanti da equitazione Voce 3926 Voce 6116» Nel procedimento C-123/09, avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell art. 234 CE, dal Finanzgericht München (Germania), con decisione 12 marzo 2009, pervenuta in cancelleria il 3 aprile 2009, nella causa Roeckl Sporthandschuhe GmbH & Co. KG contro Hauptzollamt München, LA CORTE (Terza Sezione), composta dal sig. K. Lenaerts, presidente di sezione, dalla sig.ra R. Silva de Lapuerta, dai sigg. G. Arestis (relatore), J. Malenovský e D. Šváby, giudici, avvocato generale: sig.ra V. Trstenjak cancelliere: sig. N. Nanchev, amministratore vista la fase scritta del procedimento e in seguito all udienza del 28 gennaio 2010, considerate le osservazioni presentate: per la Roeckl Sporthandschuhe GmbH & Co. KG, dai sigg. H. Kühle e U. Reimer, Steuerberater; per la Commissione europea, dal sig. B.-R. Killmann e dalla sig.ra L. Bouyon, in qualità di agenti, vista la decisione, adottata dopo aver sentito l avvocato generale, di giudicare la causa senza conclusioni, ha pronunciato la seguente Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione della nomenclatura combinata che costituisce l allegato I al regolamento (CEE) del Consiglio 23 luglio 1987, n. 2658, relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune (GU L 256, pag. 1), come modificata dal regolamento (CE) della Commissione 11 settembre 2003, n (GU L 281, pag. 1; in prosieguo: la «NC»). 2 Tale domanda è stata presentata nell ambito di una controversia che oppone la Roeckl Sporthandschuhe GmbH & Co. KG (in prosieguo: la «Roeckl») allo Hauptzollamt München (l ufficio doganale principale), in merito alla classificazione doganale di guanti da equitazione realizzati con tessuto e uno strato di materia plastica, nei quali il tessuto è reso ruvido su un lato e quest ultimo è successivamente rivestito da una materia plastica, vale a dire una schiuma di poliuretano. Contesto normativo Il diritto internazionale 3 La convenzione internazionale che ha istituito il sistema armonizzato di designazione e codificazione delle merci (in prosieguo: il «SA»), stipulata a Bruxelles il 14 giugno 1983, ed il relativo protocollo di emendamento 24 giugno 1986 (in prosieguo: la «convenzione sul SA») sono stati approvati a nome della Comunità economica europea con decisione del Consiglio 7 aprile 1987, 87/369/CEE (GU L 198, pag. 1). 4 Ai sensi dell art. 3, n. 1, della convenzione sul SA, ogni parte contraente si impegna a far sì che le sue nomenclature tariffarie e statistiche siano conformi al SA, a utilizzare tutte le voci e le sottovoci di quest ultimo, senza aggiunte o modifiche, nonché i relativi codici numerici, e a seguire l ordine di numerazione di detto sistema. La medesima disposizione prevede altresì che ogni parte contraente si impegni ad applicare le regole generali per l interpretazione del SA, nonché tutte le note di sezione, capitolo e sottovoce del SA, e a non modificarne la portata. 5 Il Consiglio di cooperazione doganale, divenuto Organizzazione mondiale delle dogane (in prosieguo: l «OMD»), istituito dalla convenzione recante istituzione del detto Consiglio, conclusa a Bruxelles il 15 dicembre 1950, approva, alle condizioni stabilite dall art. 8 della convenzione sul SA, le note esplicative e i pareri di classificazione adottati dal comitato del SA, organo la cui struttura è disciplinata dall art. 6 della medesima. Conformemente all art. 7, n. 1, della convenzione sul SA, il compito di tale comitato consiste, in particolare, nel proporre modifiche alla detta convenzione e nel redigere note esplicative, pareri di classificazione nonché altri pareri per l interpretazione del SA. 6 Ai sensi del punto VIII della nota esplicativa del SA relativa al punto 3, lett. b), delle regole generali per l interpretazione della NC, «[i]l fattore che determina il carattere essenziale varia da merce a merce. Esso può, ad esempio, essere rappresentato dalla natura della materia costitutiva o degli elementi che compongono l oggetto in esame, dal loro volume, dalla loro quantità, dal loro peso, dal loro valore, dall importanza di una delle materie costitutive, avuto riguardo alla utilizzazione delle merci». 7 Le considerazioni generali di cui al capitolo 39 delle note esplicative del SA, rubricato «Materie plastiche e lavori di tali materie», illustrano l ambito di applicazione di tale capitolo. Tra i prodotti classificati in detto capitolo rientrano le combinazioni di materie tessili e plastiche. Le considerazioni generali ad esse relative sono formulate nei seguenti termini: «I rivestimenti per pareti o per soffitti che soddisfano i requisiti di cui alla nota 9 del presente capitolo rientrano nella voce La classificazione delle combinazioni di materie plastiche e tessili è disciplinata essenzialmente dalla nota 1 h) alla sezione XI, dalla nota 3 al capitolo 56 e dalla nota 2 al capitolo 59. Il presente capitolo comprende inoltre i seguenti prodotti: a) i feltri, impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica o stratificati con questa materia, contenenti, in peso, almeno il 50% di materie tessili, nonché i feltri interamente immersi nella materia plastica; b) i tessuti e le stoffe non tessute, sia interamente immersi nella materia plastica, sia totalmente spalmati o ricoperti sulle due facce con questa stessa materia, purché la spalmatura o la ricopertura siano percettibili a occhio nudo; per l applicazione di queste disposizioni non si tiene conto dei cambiamenti di colore provocati dalle suddette operazioni; c) i tessuti impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica o stratificati con questa stessa materia che non possono essere avvolti a mano, senza screpolarsi, su un mandrino di 7 mm di diametro ad una temperatura compresa tra 15 C e 30 C; d) i fogli, lastre o nastri di materia plastica alveolare combinati con tessuto (come definito alla nota 1 al capitolo 59), feltri o stoffe non tessute e nei quali il tessuto serve solo da supporto. A tal riguardo si ritiene che le materie tessili non operate, gregge, imbianchite o tinte uniformemente svolgano la funzione di semplice supporto, quando sono applicate su una sola faccia di tali lastre, fogli e nastri. Al contrario, si ritiene che quelle che sono operate, stampate o sono state oggetto di un ulteriore lavorazione (l irruvidimento, ad esempio), nonché i prodotti tessili speciali quali velluti, tulle, merletti e i prodotti tessili rientranti nella voce 58.11, svolgano una funzione ulteriore rispetto a quella di semplice supporto. ( )». Il diritto comunitario 8 La NC è basata sul SA, di cui riprende le voci e le sottovoci a sei cifre. Solo la settima e l ottava cifra rappresentano suddivisioni proprie alla detta nomenclatura. 9 La parte prima della NC contiene un insieme di disposizioni preliminari. In tale parte, al titolo I, dedicato alle regole generali, la sezione A, rubricata «Regole generali per l interpretazione della nomenclatura combinata» (in prosieguo: le «regole generali»), dispone quanto segue: «La classificazione delle merci nella [NC] si effettua in conformità alle seguenti regole: 1. I titoli delle sezioni, dei capitoli o dei sottocapitoli sono da considerare come puramente indicativi, poiché la classificazione delle merci è determinata legalmente dal testo delle voci, da quello delle note premesse alle sezioni o ai capitoli e, occorrendo, dalle norme che seguono, purché queste non contrastino col testo di dette voci e note. 2. (...) b) Qualsiasi riferimento ad una materia, nel testo di una determinata voce, si riferisce a questa materia sia allo stato puro, sia mescolata od anche associata ad altre materie. Così pure qualsiasi menzione di lavori di una determinata materia si riferisce ai lavori costituiti interamente o parzialmente da questa materia. La classificazione di questi oggetti mescolati o compositi è effettuata seguendo i principi enunciati nella regola Qualora per il dispositivo della regola 2 b) o per qualsiasi altra ragione una merce sia ritenuta classificabile in due o più voci, la classificazione è effettuata in base ai seguenti principi: (...) b) I prodotti misti, i lavori composti di materie differenti o costituiti dall assemblaggio di oggetti differenti e le merci presentate in assortimenti condizionati per la vendita al minuto, la cui classificazione non può essere effettuata in applicazione della regola 3 a), sono classificati, quando è possibile operare questa determinazione, secondo la materia o l oggetto che conferisce agli stessi il loro carattere essenziale. c) Nei casi in cui le regole 3 a) o 3 b) non permettono di effettuare la classificazione, la merce è classificata nella voce che, in ordine di numerazione, è posta per ultima tra quelle suscettibili di essere validamente prese in considerazione. ( )». 10 La parte seconda della NC contiene la sezione VII, dedicata alle «Materie plastiche e lavori di tali materie; gomma e lavori di gomma». Tale sezione contiene il capitolo 39, rubricato «Materie plastiche e lavori di tali materie». 11 Ai sensi della nota complementare a detto capitolo 39: «Il capitolo 39 comprende i guanti, i mezzoguanti e le muffole impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica alveolare, confezionati: con tessuti, stoffe a maglia (diversi da quelli della voce 5903), feltri o stoffe non tessute impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica alveolare, o con tessuti, stoffe a maglia, feltri o stoffe non tessute non impregnati, non spalmati né ricoperti e che siano successivamente impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica alveolare, sempre che tali tessuti, stoffe a maglia, feltri o stoffe non tessute servano soltanto da supporto [nota 3, lett. c), del capitolo 56 e nota 2, lett. a), 5), del capitolo 59]». 12 La voce 3926 della NC contiene la sottovoce ed è formulata nei termini seguenti: Codice NC Designazione delle merci Aliquota dei dazi convenziona li (%) Unità supplementar e Altri lavori di materie plastiche e lavori di altre materie delle voci da 3901 a 3914: Indumenti e accessori di abbigliamento (compresi guanti, mezzoguanti e muffole):... 6,5-13 La sezione XI della NC dedicata alle «Materie tessili e loro manufatti» contiene il capitolo 56, rubricato «Ovatte, feltri e stoffe non tessute; filati speciali; spago, corde e funi; manufatti di corderia», il capitolo 59, rubricato «Tessuti impregnati, spalmati, ricoperti o stratificati; manufatti tecnici di materie tessili», e il capitolo 61, rubricato «Indumenti e accessori di abbigliamento, a maglia». 14 Ai sensi delle note di sezione relative alla sezione XI: «1. Questa sezione non comprende: ( ) ( )». h) i tessuti, stoffe a maglia, feltri o stoffe non tessute, impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica o stratificati con questa stessa materia, ed i manufatti costituiti da questi stessi prodotti, del capitolo 39; 15 Al punto 3 delle note di cui al capitolo 56 della sezione XI della NC, si precisa che: «Le voci 5602 e 5603 riguardano, rispettivamente, i feltri e le stoffe non tessute, impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica o di gomma oppure stratificati con queste materie, qualunque sia la natura delle stesse (compatta o alveolare). La voce 5603 si riferisce, inoltre, alle stoffe non tessute aventi come legante materia plastica o gomma. Le voci 5602 e 5603 non comprendono tuttavia: ( ) c) i fogli, le lastre e i nastri in materia plastica o gomma alveolari, combinati con feltro o con stoffa non tessuta, nei quali la materia tessile serve soltanto da supporto (capitoli 39 o 40). ( )». 16 Il punto 2, lett. a), delle note di cui al capitolo 59 della sezione XI della NC così prevede: «La voce 5903 comprende: a) i tessuti impregnati, spalmati o ricoperti, di materia plastica o stratificati con materia plastica, qualunque sia il loro peso per metro quadrato e qualunque sia la natura della materia plastica (compatta o alveolare), esclusi: ( ) 5) i fogli, lastre o nastri di materia plastica alveolare combinati con tessuto e nei quali il tessuto serve solo da supporto (capitolo 39); ( )». 17 Ai sensi delle note complementari relative al capitolo 61 della sezione XI: «( ) 3. La voce 6111 e le sottovoci e comprendono guanti, mezzoguanti e muffole, impregnati, spalmati, o ricoperti di materia plastica o di gomma, a prescindere dal fatto che essi siano confezionati: con tessuti a maglia della voce 5903 o 5906 impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica o di gomma, o con tessuti a maglia non impregnati, né spalmati o ricoperti e successivamente impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica o di gomma. I capitoli 39 e 40 comprendono i guanti, mezzoguanti e muffole, impregnati, spalmati o ricoperti di gomma alveolare o di materia plastica alveolare, a prescindere dal fatto che essi siano confezionati con tessuti a maglia non impregnati, né spalmati o ricoperti e successivamente impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica alveolare o di gomma alveolare purché i tessuti a maglia servano solo da supporto [nota 2 a) 5) e nota 4, ultimo paragrafo, del capitolo 59]». 18 La voce 6116 della NC contiene la sottovoce ed è formulata nei termini seguenti: Codice NC Designazione delle merci Aliquota dei dazi convenziona li (%) Unità supplementar e Guanti, mezzoguanti e muffole, a maglia: impregnati, spalmati o ricoperti di materia plastica o di gomma: -- Guanti impregnati, spalmati o ricoperti di gomma altri... 8 pa 8,9 pa .. Causa principale e questione pregiudiziale 19 La Roeckl è una società che commercializza guanti; tra questi, i due modelli di guanti da equitazione oggetto della causa principale sono stati registrati con il codice articolo e Tali modelli sono realizzati con un materiale composito costituito da tessuto e da uno strato di materia plastica. Alla loro realizzazione si procede attraverso l irruvidimento del supporto tessile, a cui segue il completo rivestimento con una schiuma di poliuretano. La parte della stoffa posta a contatto con la pelle di chi indossa il guanto non è resa ruvida. 20 In data 3 agosto 2000 la Oberfinanzdirektion Koblenz Zolltechnische Prüfungs und Lehranstalt (Direzione generale delle finanze di Coblenza Istituto di analisi e di studi di tecnica doganale) ha rilasciato alla ricorrente nella causa principale l informazione tariffaria vincolante DE F/2113/00-1 relativa al modello di guanto registrato con il codice articolo e ha classificato lo stesso nella sottovoce della NC. 21 La Roeckl ha presentato avverso tale decisione un reclamo, che in data 14 agosto 2003 è stato respinto dal Finanzgericht Rheinland-Pfalz principalmente sulla base del rilievo che la stoffa utilizzata per la realizzazione del guanto in questione era stata ulteriormente lavorata mediante irruvidimento e che, pertanto, essa non era diretta soltanto a servire da supporto allo strato di materia plastica. 22 Il 10 gennaio 2005 la Roeckl nel presentare una dichiarazione doganale complementare per il periodo contabile relativo al mese di dicembre 2004 per l immissione in libera pratica di diversi guanti, tra cui i guanti da equitazione di cui trattasi nella causa principale, ha classificato gli stessi nella sottovoce della NC. Sulla base di tale dichiarazione, lo Hauptzollamt München, mediante avviso del 10 gennaio 2005 recante fissazione dei dazi e delle tasse all importazione, ha fissato un tributo all importazione pari alla somma di EUR , 24. Contro tale avviso la Roeckl ha presentato un reclamo dinanzi allo Hauptzollamt München che è stato respinto con decisione dell 11 gennaio Successivamente la Roeckl ha presentato ricorso avverso tale decisione dinanzi al giudice del rinvio sostenendo che i guanti da equitazione oggetto della causa principale dovevano essere classificati nella sottovoce della NC atteso che, in particolare, l irruvidimento della stoffa era diretto soltanto a migliorare l aderenza tra il rivestimento di materia plastica e la superficie in tessuto e, pertanto, esso doveva essere considerato come un operazione che consente alla materia tessile di servire da supporto allo strato di materia plastica. 24 Alla luce di tali circostanze, il giudice del rinvio si chiede se l irruvidimento conferisca automaticamente alla materia tessile una funzione che va oltre il semplice supporto. Esso osserva che, tuttavia, tale risultato appare discutibile se si considera che l irruvidimento è diretto unicamente a migliorare l aderenza della materia plastica al tessuto. 25 Pertanto, il Finanzgericht München ha deciso di sospendere il procedimento e di sottoporre alla Corte la seguente questione pregiudiziale: «Se la sottovoce della [NC] debba essere interpretata nel senso che essa comprende anche quei prodotti tessili resi ruvidi su un solo lato e rivestiti con uno strato di materia plastica, senza che ciò conferisca loro una funzione che vada oltre quella di semplice supporto e per i quali l irruvidimento è diretto semplicemente a garantire un aderenza migliore dello strato di materia plastica e senza che, a prodotto ultimato, tale irruvidimento sia ancora percettibile all utilizzatore (v. altresì nota esplicativa 56.6 del [SA] relativa al capitolo 39 della [NC])». Sulla questione pregiudiziale 26 Con la sua questione il giudice del rinvio chiede, in sostanza, se guanti da equitazione, quali quelli di cui trattasi nella causa principale, debbano essere classificati nella sottovoce della NC, in quanto prodotto in materia plastica, o nella sottovoce della NC, in quanto prodotto in materia tessile. 27 Innanzitutto, secondo una giurisprudenza costante, per garantire la certezza del diritto e facilitare i controlli, il criterio decisivo per la classificazione doganale delle merci va ricercato, in linea di principio, nelle loro caratteristiche e proprietà oggettive, quali definite nel testo della voce della NC e delle note di sezione o di capitolo (v., in particolare, sentenze 18 luglio 2007, causa C-142/06, Olicom, Racc. pag. I-6675, punto 16, nonché 11 dicembre 2008, cause riunite C-362/07 e C-363/07, Kip Europe e a., Racc. pag. I-9489, punto 26). 28 Inoltre, la destinazione del prodotto può costituire un criterio oggettivo di classificazione sempreché sia inerente a detto prodotto, ove l inerenza deve potersi valutare in funzione delle caratteristiche e delle proprietà oggettive dello stesso (v. sentenze 15 febbraio 2007, causa C-183/06, RUMA, Racc. pag. I-1559, punto 36, e Olicom, cit., punto 18). 29 Infine, va ricordato che le note di capitolo della tariffa doganale comune, così come peraltro le note esplicative del SA, costituiscono mezzi importanti per garantire un applicazione uniforme di tale tariffa e come tali forniscono elementi validi per l interpretazione della stessa (v. sentenze 19 maggio 1994, causa C-11/93, Siemens Nixdorf, Racc. pag. I-1945, punto 12; 18 dicembre 1997, causa C-382/95, Techex, Racc. pag. I-7363, punto 12; 19 ottobre 2000, causa C-339/98, Peacock, Racc. pag. I-8947, punto 10, nonché Olicom, cit., punto 17). 30 Nella fattispecie di cui alla causa principale va constatato che i guanti da equitazione di cui trattasi, costituiti da tessuto e da uno strato di materia plastica, non sono esplicitamente menzionati né dalle voci della NC né dalle note delle sezioni o dei capitoli di quest ultima. 31 A tale riguardo, la formulazione della voce 3926 della NC, nella quale, secondo la Roeckl, rientrano i guanti da equitazione oggetto della causa principale, riguarda, in particolare, «altri lavori di materie plastiche e lavori in altre materie delle voci da 3901 a 3914», mentre la formulazione della voce 6116 della NC riguarda, in particolare, i «guanti, mezzoguanti e muffole, a maglia». Segnatamente, rientrano nella sottovoce della NC gli «indumenti e accessori di abbigliamento (compresi guanti, mezzoguanti e muffole)», mentre la sottovoce della NC, compresa nella categoria dei
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks